Le terrain vague

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Le terrain vague

LE TERRAIN VAGUE 
La fotografia interpreta il territorio

a cura di Francesco Selicato.

Ruvo di Puglia, Maggio 2000 Seminario/Workshop con Guido Guidi.

OPAC, Catalogo del servizio bibliotecario nazionale.

La pubblicazione, realizzata con il solo contributo del Politecnico di Bari, è da considerarsi come progetto studentesco ex-lege 390/91 ed è disponibile presso la Biblioteca della Facoltà di Ingegneria, Politecnico di Bari.

Autori: Francesco Selicato, Carmelo Maria Torre, Pio Meledandri, Gianni Zanni, Antonio Nicoletti, Domenico Avena, Stefania Casalino, Sante Consiglio, Maurizio Difronzo, Germana Pignatelli, Maria Pezzolla, Caterina Rinaldo, Alessandra Medico, Elisabetta Villani, Margaret Tauro.

A seguito di un workshop tenuto dal fotografo Guido Guidi nell’ambito del corso di Tecnica Urbanistica di Francesco Selicato, ordinario della facoltà di Ingegneria del Politecnico di Bari, un gruppo di studenti (Antonio Nicoletti, Domenico Avena, Stefania Casalino, Sante Consiglio, Maurizio Difronzo, Germana Pignatelli, Maria Pezzolla, Caterina Rinaldo, Alessandra Medico, Elisabetta Villani, Margaret Tauro) decise di raccogliere i risultati di questa esperienza in una pubblicazione finanziata attraverso fondi ex lege 390/91, vale a dire fondi derivanti dalle tasse studentesche.

Il volume, impaginato da Sante Consiglio e Antonio Nicoletti con la collaborazione di Gianni Zanni, affronta il tema delle periferie urbane e dei luoghi privi di una apparente significatività. Il titolo (deciso proprio dagli stessi Zanni e Consiglio) è tratto da un numero del 1994 della rivista, “La recherche photographique N° 17 : Autopsie de la ville” dove si parla, appunto, di “terrain vague“.

L’indagine si svolge nella periferia di Ruvo di Puglia in provincia di Bari. Attraverso una lettura del territorio, in cui si fa uso della fotografia, sono raccolte riflessioni e immagini che mostrano i segni che, su di esso, l’uomo ha lasciato all’atto del proprio passaggio e la necessità di considerare la fotografia quale occhio aggiuntivo e complesso, attraverso cui guardare modificazioni e cambiamenti nel complesso intrecciarsi tra natura e artificio che caratterizza l’operare umano.

immagine: © Guido Guidi 2000.

© Caterina Rinaldo 2015 – Riproduzione riservata.

Articoli correlati
Ministero della Gioventù ed Emilia Romagna per uno studio sul paesaggio
MICHELE CORSO A buon rendere Inaugurazione sabato 11 febbraio, ore 18.00 SPAZIO GERRA Reggio Emi...
Costruzioni sostenibili: il ruolo degli isolanti termici in poliuretano espanso rigido
ANPE, Associazione Nazionale Poliuretano Espanso rigido, ha organizzato a Torino per giovedì 23 febb...
Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea. Talking about Photobooks
Nuovi acquisti e rarità, alcuni fra i “best of 2011” secondo Photo-eye, saranno oggetto della nuova ...
Il verde e la riqualificazione degli spazi pubblici
Nell'ambito della manifestazione Primavera Mediterranea - Architettura verde città, che si è svolta ...
Etruschi in mostra al Louvre-Lens con il Cnr
L’antica Caere torna a vivere nei capolavori esposti nella succursale del museo francese, grazie a u...
Cambiamenti climatici: città europee in ritardo
Uno studio internazionale e multidisciplinare pubblicato su Climate Change Letters, cui ha partecipa...
XXI Triennale International Exhibition 21st Century. Design After Design
Sabato 15 novembre 2014 l'incontro pubblico. Interventi di Andrea Branzi, Luisa Collina, Kenya Hara,...
AQUAE 2015, A VENEZIA IL PADIGLIONE COLLATERALE DI EXPO 2015 SEI MESI DI ESPOSIZIONE, EVENTI, CONGRE...
UN’INIZIATIVA PROMOSSA DA EXPO VENICE OSPITATA IN UN NUOVO PADIGLIONE REALIZZATO DA CONDOTTE IMMOBIL...
DA TORINO 2006 A PECHINO 2022: ARCHITETTURE PER I GIOCHI OLIMPICI
Politecnico di Torino e Tsinghua University di Pechino mettono a disposizione competenze tecniche e ...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.