Le terrain vague

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Le terrain vague

LE TERRAIN VAGUE 
La fotografia interpreta il territorio

a cura di Francesco Selicato.

Ruvo di Puglia, Maggio 2000 Seminario/Workshop con Guido Guidi.

OPAC, Catalogo del servizio bibliotecario nazionale.

La pubblicazione, realizzata con il solo contributo del Politecnico di Bari, è da considerarsi come progetto studentesco ex-lege 390/91 ed è disponibile presso la Biblioteca della Facoltà di Ingegneria, Politecnico di Bari.

Autori: Francesco Selicato, Carmelo Maria Torre, Pio Meledandri, Gianni Zanni, Antonio Nicoletti, Domenico Avena, Stefania Casalino, Sante Consiglio, Maurizio Difronzo, Germana Pignatelli, Maria Pezzolla, Caterina Rinaldo, Alessandra Medico, Elisabetta Villani, Margaret Tauro.

A seguito di un workshop tenuto dal fotografo Guido Guidi nell’ambito del corso di Tecnica Urbanistica di Francesco Selicato, ordinario della facoltà di Ingegneria del Politecnico di Bari, un gruppo di studenti (Antonio Nicoletti, Domenico Avena, Stefania Casalino, Sante Consiglio, Maurizio Difronzo, Germana Pignatelli, Maria Pezzolla, Caterina Rinaldo, Alessandra Medico, Elisabetta Villani, Margaret Tauro) decise di raccogliere i risultati di questa esperienza in una pubblicazione finanziata attraverso fondi ex lege 390/91, vale a dire fondi derivanti dalle tasse studentesche.

Il volume, impaginato da Sante Consiglio e Antonio Nicoletti con la collaborazione di Gianni Zanni, affronta il tema delle periferie urbane e dei luoghi privi di una apparente significatività. Il titolo (deciso proprio dagli stessi Zanni e Consiglio) è tratto da un numero del 1994 della rivista, “La recherche photographique N° 17 : Autopsie de la ville” dove si parla, appunto, di “terrain vague“.

L’indagine si svolge nella periferia di Ruvo di Puglia in provincia di Bari. Attraverso una lettura del territorio, in cui si fa uso della fotografia, sono raccolte riflessioni e immagini che mostrano i segni che, su di esso, l’uomo ha lasciato all’atto del proprio passaggio e la necessità di considerare la fotografia quale occhio aggiuntivo e complesso, attraverso cui guardare modificazioni e cambiamenti nel complesso intrecciarsi tra natura e artificio che caratterizza l’operare umano.

immagine: © Guido Guidi 2000.

© Caterina Rinaldo 2015 – Riproduzione riservata.

Articoli correlati
Burj Dubai: il grattacielo dei record
di ing. Mario MANCINI da Abu Dhabi – Emirati Arabi Uniti Tanto è stato scritto nel corso di questi ...
CORSO DI AGGIORNAMENTO PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE AI S...
Il Centro di Formazione ARCHITA, organizza il primo corso di aggiornamento per coordinatori per la s...
Precast Area: l'edilizia industrializzata in calcestruzzo in mostra a MADE expo 2012
Assobeton, l'Associazione Nazionale Industrie e Manufatti Cementizi, organizza al MADE expo 2012 la ...
Analisi del territorio e perequazione urbanistica
Nella sala convegni di Confindustria Bari l’incontro di approfondimento sulle opportunità della pere...
Domus Lignea: nasce a Cinisello Balsamo il primo edificio con struttura portante in legno eco-sosten...
Presentato a Cinisello Balsamo l’innovativo progetto edilizio che prevede la costruzione di un edifi...
CARME PINÓS PROTAGONISTA AL CERSAIE 2014
Martedì 23 settembre l’ incontro con l’architetto catalano, membro onorario dell’American Institute ...
Torino capitale mondiale della fisica dell’edificio per la 6th INTERNATIONAL CONFERENCE ON BUILDING ...
15-17 giugno 2015, Politecnico di Torino. Torino, 11 giugno 2015 – Sono oltre 600 i delegati proven...
Gli effetti della corrosione sulle strutture in acciaio: il metodo suggerito dall’Eurocodice 3
Gli effetti della corrosione sulle strutture in carpenteria metallica possono essere notevoli e, spe...
Mercato del calcestruzzo: ritorno agli anni sessanta
È una amara realtà quella che emerge dalle analisi sul mercato del calcestruzzo in Italia contenute ...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.