Passaggio da Edile ad Edile – Architettura: è diverso l’Esame di Stato

In questi giorni diversi studenti del cdL in Edile V.O., interessati a trasferirsi nel cdL in Edile – Architettura, avanzano dei dubbi circa le modalità di svolgimento dell’esame di Stato per i futuri laureati di questo nuovo corso (di laurea).
La maggior parte delle domande hanno come fondamento la convinzione che l’esame di Stato possa essere svolto con le modalità riservate ai laureati in Ingegneria Edile (V.O.), in quanto Edile-Architettura è un corso di laurea quinquennale.
Credo sia importante fare chiarezza soprattutto per coloro che, salutando positivamente il nuovo CdL e trasferendosi, scoprirebbero solo successivamente, di dovere sostenere un esame di Stato diverso da quello previsto, potendo così accedere al solo settore Civile – Ambientale dell’Albo degli Ingegneri ed eventualmente all’Albo degli Architetti e all’Albo degli Agronomi e Forestali.
Chiaramente l’iscrizione agli Albi, che è funzione dell’attività professionale che si intenderà svolgere, è subordinata al superamento del relativo esame di Stato, al pagamento di ulteriori tasse e alla corresponsione della quota annuale di iscrizione di ogni Ordine di cui si farà parte.

Il CdL in Edile – Architettura è un corso quinquennale (conforme alla Direttiva 85/384/CEE) appartenente, secondo quanto riporta il D.P.R. 328/01, alla classe 4/S. Questo significa che è un corso di laurea specialistico (N.O.) e come tale, soggetto alle nuove modalità di svolgimento dell’esame di Stato: due prove scritte, una pratica e una orale.

Il CdL in Ingegneria Edile V.O. è invece un corso quinquennale, antecedente la Riforma Universitaria di cui al decreto del Ministero dell’Università e della Ricerca scientifica e tecnologica “3 novembre 1999, n.509” e come tale, soggetto alle vecchie modalità di svolgimento dell’esame di Stato: una prova scritta ed una orale, ma solo fino alla fine del 2006, come sancito dalla legge 170/03 (pubblicata nella G.U. n°160 del 12/07/2003) ottenuta a seguito delle numerose petizioni promosse dal Movimento Nazionale DPR 3288 (www.dpr328.too.it).

In definitiva, soltanto la vecchia laurea (Edile V.O.) consente l’iscrizione, previo superamento di un esame di abilitazione consistente in due prove, a tutti i tre settori dell’Albo degli Ingegneri (Civile – Ambientale, Industriale e dell’Informazione), ma non a quello degli Architetti o a quello degli Agronomi e Forestali.

Per ulteriori informazioni:
http://www.comibari.too.it
Per scaricare e prendere visione dei testi di legge:
http://utenti.lycos.it/comitatodibari/sito/leggi.htm

Articoli correlati

Share

Leave a Comment