Passaggio da Edile ad Edile – Architettura: è diverso l’Esame di Stato

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

In questi giorni diversi studenti del cdL in Edile V.O., interessati a trasferirsi nel cdL in Edile – Architettura, avanzano dei dubbi circa le modalità di svolgimento dell’esame di Stato per i futuri laureati di questo nuovo corso (di laurea).
La maggior parte delle domande hanno come fondamento la convinzione che l’esame di Stato possa essere svolto con le modalità riservate ai laureati in Ingegneria Edile (V.O.), in quanto Edile-Architettura è un corso di laurea quinquennale.
Credo sia importante fare chiarezza soprattutto per coloro che, salutando positivamente il nuovo CdL e trasferendosi, scoprirebbero solo successivamente, di dovere sostenere un esame di Stato diverso da quello previsto, potendo così accedere al solo settore Civile – Ambientale dell’Albo degli Ingegneri ed eventualmente all’Albo degli Architetti e all’Albo degli Agronomi e Forestali.
Chiaramente l’iscrizione agli Albi, che è funzione dell’attività professionale che si intenderà svolgere, è subordinata al superamento del relativo esame di Stato, al pagamento di ulteriori tasse e alla corresponsione della quota annuale di iscrizione di ogni Ordine di cui si farà parte.

Il CdL in Edile – Architettura è un corso quinquennale (conforme alla Direttiva 85/384/CEE) appartenente, secondo quanto riporta il D.P.R. 328/01, alla classe 4/S. Questo significa che è un corso di laurea specialistico (N.O.) e come tale, soggetto alle nuove modalità di svolgimento dell’esame di Stato: due prove scritte, una pratica e una orale.

Il CdL in Ingegneria Edile V.O. è invece un corso quinquennale, antecedente la Riforma Universitaria di cui al decreto del Ministero dell’Università e della Ricerca scientifica e tecnologica “3 novembre 1999, n.509” e come tale, soggetto alle vecchie modalità di svolgimento dell’esame di Stato: una prova scritta ed una orale, ma solo fino alla fine del 2006, come sancito dalla legge 170/03 (pubblicata nella G.U. n°160 del 12/07/2003) ottenuta a seguito delle numerose petizioni promosse dal Movimento Nazionale DPR 3288 (www.dpr328.too.it).

In definitiva, soltanto la vecchia laurea (Edile V.O.) consente l’iscrizione, previo superamento di un esame di abilitazione consistente in due prove, a tutti i tre settori dell’Albo degli Ingegneri (Civile – Ambientale, Industriale e dell’Informazione), ma non a quello degli Architetti o a quello degli Agronomi e Forestali.

Per ulteriori informazioni:
http://www.comibari.too.it
Per scaricare e prendere visione dei testi di legge:
http://utenti.lycos.it/comitatodibari/sito/leggi.htm

Articoli correlati
Laureati over 30: chi ha davvero un atteggiamento civile?
Riceviamo e pubblichiamo da Antonella Maizza, ingegnere civile geotecnico. Vorrei sollevare l'atten...
GESTIONE E ANALISI DEL VALORE DEL PROCESSO DELLE COSTRUZIONI CIVILI
Corso di Perfezionamento - IX edizione AIAV modulo avanzato per ESPERTI Pisa, 1– 2 luglio 2010...
Vecchio ordinamento, decadenza studenti universitari: il Consiglio di Stato boccia il Rettore
Vittoria per gli studenti dell'Università di Cagliari. Il problema anche a Palermo, e in Molise. So...
#ComprateviEdileArchitettura
Disillusi dall'università che credevano essere la migliore, un’istituzione seria in grado di garanti...
LE PROPOSTE DI ANCE VENETO AI CANDIDATI PRESIDENTE
Spazio ai piccoli cantieri, premiando i comuni che spendono bene, impegno comune contro la corruzion...
Enrico Zanetti, Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze, al convegno promosso da ...
Si è svolto il 24 giugno, presso l’Università LUMSA di Roma, il convegno a tema “Patent Box italiana...
IL MONDO DEL LEGNO SI PREPARA AD AFFRONTARE CON OTTIMISMO LA SFIDA DEI NUOVI MERCATI"
Oltre 200 imprenditori a Desenzano per discutere di scenari globali. Orsini: «Il successo del conveg...
FONDO PERSONAE
Serenissima SGR ed il Gruppo Orpea annunciano il lancio del “Fondo Personae” – Fondo Immobiliare ded...
PAGAMENTI DELLE IMPRESE EDILI: IN UN ANNO I RITARDI GRAVI CALANO DEL 16,5%, MA SONO BEN IL 132% IN P...
Lo scenario a marzo 2016 dei tempi di pagamento nel settore edile: calano del 16,5% rispetto al 2015...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.