ASTALDI nella cordata vincente per la Istanbul – Izmir

di Ing. Mario MANCINI – ASTALDI SpA

Il Ministero dei Trasporti turco ha ufficialmente assegnato a un consorzio d’imprese, di cui l’unica società straniera è l’Astaldi, la costruzione dell’autostrada che si snoderà dalla periferia di Istanbul sino a Izmir per circa 370 km cui si aggiungono più di 40 km di raccordi.

La parte più interessante del tracciato è il lungo ponte di circa 3 km per l’attraversamento della baia di Izmit con una campata centrale di quasi 1.700 metri, che lo pone nella classifica mondiale al secondo posto una volta realizzato, lasciando il primato all’Akashi Kaikyo Bridge con la sua campata centrale da 1.991 metri.

Le altre opere del tracciato comprendono circa 30 viadotti e 4 gallerie, 209 ponti, 7 stazioni di servizio e altrettante aree di parcheggio con una durata prevista per il completamento delle opere in 7 anni.

Il valore complessivo dell’opera stimata a oggi è di circa $ 6 miliardi con un finanziamento da reperire con B.O.T (Build Operate and Transfer) con una concessione della durata di 22 anni.

Il consorzio, oltre Astaldi, è formato da altre 5 imprese turche che includono Nurol, Makyol, Yuksel, Ozaltin e Gocay.   L’investimento previsto in quote paritetiche è di circa un miliardo di $ per ogni partecipante del consorzio con ricavi stimati di poco inferiori a quattro volte.   I ricavi attesi dalla gestione autostradale per i 22 anni dell’intera durata sono stimati in circa 23 miliardi.

L’aspetto migliorativo di questa nuova autostrada consiste in un taglio rilevante dei tempi di percorrenza che dalle 10 ore attuali diminuiranno sino a circa 4 ore e mezza e la lunghezza del tracciato diminuirà di quasi 150 km.   Nel golfo di Izmit  il nuovo ponte sopra citato sarà percorribile in circa 6 minuti contro gli attuali 60 minuti necessari oggi, usando il traghetto via mare.

Articoli correlati

Share

Leave a Comment