LAZIO – IN UN ANNO PERSI IN EDILIZIA 6.000 POSTI DI LAVORO, OLTRE 600 IMPRESE HANNO ABBANDONATO L’ATTIVITA’.

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

E’ nata EDICOLA, newsletter bimestrale sul mercato delle costruzioni nel Lazio

Dalla collaborazione tra ANCE LAZIO–URCEL e CRESME nasce EDICOLA, newsletter bimestrale di dati e informazioni sull’edilizia e sulle costruzioni nel Lazio.

“Insieme al Cresme – ha sottolineato il Presidente di ANCE LAZIO Stefano Petrucci, in occasione della presentazione del nuovo strumento informativo – abbiamo individuato 10 indicatori, dagli investimenti alla produzione, dal credito alle dinamiche dei prezzi delle materie prime, dal mercato del lavoro al tessuto imprenditoriale regionale, dai bandi di gara alle aggiudicazioni, al partenariato pubblico privato. Ogni due mesi racconteremo attraverso questi indicatori l’andamento del mercato delle costruzioni del Lazio. E lo faremo in modo semplice e diretto: solo con un grafico e/ o una tabella. In questo modo vogliamo offrire a tutti coloro che professionalmente operano nel settore, ma anche ai media, uno strumento aggiornato periodicamente da cui trarre riflessioni e indicazioni per il futuro. All’interno di EDICOLA, inoltre, in ogni numero, vi sarà un approfondimento su un indicatore. In otto pagine analizzeremo un tema di particolare attualità inerente le costruzioni. In questo primo numero parliamo di occupazione, degli effetti che la crisi sta determinando sul mercato del lavoro.”

Sulla base dell’ultima rilevazione presso le Casse Edili alla fine di Marzo 2010 si è registrata in un anno una riduzione di 3 milioni e mezzo di ore lavorate e una perdita occupazionale di oltre 6.000 posti di lavoro. Se complessivamente il calo è intorno all’8%, a soffrire di più sono le province di Latina, con una calo occupazionale che sfiora il 10% (17% di ore lavorate in meno), e Frosinone, con un meno 8,5% (13,7% di ore lavorate in meno). A Roma il calo è stato del 7,5%, mentre a Viterbo del 5%. Nei primi tre mesi del 2010 la cassa integrazione guadagni è cresciuta nelle costruzioni a livello regionale del 111% rispetto allo stesso periodo del 2008, contro un aumento di soltanto un 2% del settore industriale.

“Sono numeri – ha commentato il Presidente dei costruttori del Lazio – che evidenziano come l’edilizia stia vivendo un momento di grave recessione. Una situazione confermata dalle previsioni del CRESME in termini di investimenti. Dopo un 2009 che ha visto un calo di quasi 10 punti percentuali rispetto al 2008, il 2010 resterà negativo, seppure solo dello 0,2% in termini reali. Il calo della domanda appare forte soprattutto per quanto riguarda le nuove costruzioni, mentre qualche segnale di ripresa si registra sul fronte del recupero del patrimonio edilizio esistente, come testimonia la crescita delle domande di agevolazione fiscale cresciute nel 2009 del 15% e dalle previsioni del CRESME che vede un aumento in valori correnti degli investimenti in riqualificazione e recupero degli edifici esistenti del 4,8% rispetto al 2009.” Petrucci ha, inoltre, sottolineato, che la crisi sta ridimensionando il tessuto imprenditoriale come emerge dal dato relativo al saldo tra imprese nuove e imprese cessate che ha visto un delta negativo nel 2009 di circa 800 aziende rispetto al 2008 e di ben quasi 600 soltanto nel primo trimestre di quest’anno. Un dato confermato anche dalle Casse Edili, che registra a Marzo 2010 600 imprese in meno rispetto ad un anno prima.

Due sono secondo il Presidente di ANCE LAZIO “le priorità che vanno affrontate con decisione ed urgenza dalla nuova Giunta: gli investimenti infrastrutturali e una sempre più ampia semplificazione procedurale. Il momento – ha affermato Petrucci – è particolarmente grave. Sappiamo bene che è necessario un forte rigore nella gestione amministrativa, ma è essenziale l’impegno della Giunta Regionale per raggiungere gli obiettivi da tempo programmati, insistendo sul Governo centrale affinché rispetti le decisioni prese, in particolare per quanto riguarda i finanziamenti alle infrastrutture. La nostra Regione per crescere ha infatti bisogno di alcune importanti opere pubbliche. Soprattutto l’avvio rapido della Roma – Latina, consentirà di mettere in relazione il Nord e il Sud della Regione facendo così sistema. Condizione essenziale per poter crescere. Egualmente, affrontare rapidamente la questione dello snellimento delle procedure, sviluppando alcuni percorsi semplificativi inseriti ad esempio nella legge regionale sul Piano Casa 2, vorrebbe dire accelerare processi amministrativi che possono consentire di rendere operative e quindi economicamente attive opere, progetti e programmi di investimento, attualmente fermi, così da contrastare efficacemente la crisi in atto.”

Articoli correlati
Un interessante dettaglio costruttivo
Un interessante particolare di tecnica costruttiva muraria è evidenziato da questo framm...
Recupero della bellezza e crescita felice. Grottaglie città virtuosa
L’idea di far sviluppare una capacità del territorio “tutto” in modo che l’invisibile possa diventar...
COME E PERCHE’ RIQUALIFICARE L’ESISTENTE?
Il 17 maggio a Bologna un nuovo evento Aghape dedicato alla riqualificazione energetica dell’esisten...
Rigeneriamo le città, generiamo il futuro
La rigenerazione urbana è al centro delle politiche di governo del territorio della Regione Puglia d...
Architectura ficta, una lectio sull’architettura rappresentata
Sabato 14 dicembre 2013 alle 18,30, nell’ ambito delle iniziative collaterali alla mostra “Storie ...
TAVOLA ROTONDA “RITORNO DI ESPERIENZA SULLA SICUREZZA IN GALLERIA”
Una tavola rotonda sulla sicurezza in galleria con diciotto paesi nel mondo. La Fondazione FASTIGI ...
92 TWh di energia risparmiata e 7.400 milioni di giro d’affari stimato. Ecco il potenziale beneficio...
Se ne è parlato ieri a Milano durante la prima tappa del Comfort Technology Roadshow di MCE – Mostra...
Norme tecniche, le novità per il settore del calcestruzzo
La tanto attesa approvazione della revisione delle Norme tecniche per le costruzioni ha suscitato re...
La città sommersa: Venezia rinasce dalle sue fondazioni
Venezia si regge su un complicato e delicato equilibrio tra acqua, terra e legno. Un programma di ri...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.