COSTRUZIONI: SITUAZIONE DI CRISI, CALA LA PRODUZIONE CON PREVISIONI NEGATIVE

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Presentazione a MADE expo di Milano del secondo Rapporto di Federcostruzioni

“Lo stato di crisi in cui versa il settore delle costruzioni ormai dal 2008 permane e anche per quanto riguarda il 2011 le dinamiche del mercato restano recessive: si registra un ulteriore calo della produzione in termini reali e non si è riusciti a recuperare i 47 miliardi di euro persi nel 2009”.

Lo ha dichiarato il presidente di Federcostruzioni Paolo Buzzetti presentando il secondo Rapporto Federcostruzioni a MADE expo di Milano. La pubblicazione mira, attraverso dati certi, a leggere la situazione delle dinamiche economiche e produttive di tutta la filiera delle costruzioni e si pone come punto di riferimento per ogni analisi e riflessione sul sistema delle costruzioni e sul suo andamento congiunturale.

Nel 2010 il calo della produzione in termini reali è stato nel complesso del -1,9%, che si cumula al -11,9% già registrato nel 2009 e al 2,8% del 2008. Complessivamente nel triennio 2008-2010 il calo è stato del 16%. Il decremento 2010 è la risultante di andamenti molto differenziati. A fronte del -6,4% del settore delle costruzioni in senso stretto, hanno registrato cali superiori al -5% il commercio di macchine movimento terra e la filiera del cemento e del calcestruzzo. Decrementi più contenuti denunciano i servizi di ingegneria, architettura, analisi e consulenza tecnica e i laterizi.

Le previsioni di Federcostruzioni per il 2011 sono di un ulteriore calo della produzione in termini reali del -1,8% rispetto al 2010, portando la contrazione in quattro anni al -17,5%.

In un periodo di profonda crisi economica è importante ricordare anche aspetti positivi:le previsioni per alcuni settori, infatti, appaiono meno drammatiche. Questo perché a fronte di un mercato interno ancora in contrazione, per alcuni comparti il recupero del valore della produzione 2010 è sostenuto dal buon andamento delle esportazioni: ad esempio per le tecnologie meccaniche rivolte alle costruzioni, per legno arredo e per piastrelle e ceramica sanitaria.

“Questa considerazione – ha ripreso Buzzetti – rende ancora più forte il rammarico per le poche cose che in un anno si sono fatte per creare anche nel nostro Paese condizioni di possibile ripresa.

Come dimostrano i dati relativi all’export il nostro settore, se valorizzato, potrebbe costituire un vero e proprio volano per l’intera economica, anche per la relazione di stretta interdipendenza con altri comparti”, ha aggiunto. “Per quanto ci riguarda – ha concluso il presidente di Federcostruzioni – continueremo nell’azione propositiva e di stimolo verso chi deve prendere le decisioni: in particolare sosteniamo il progetto per un grande piano di riqualificazione urbana che diventi il fulcro di scelte volte a creare le condizioni per attirare investimenti privati concentrano su di esso le risorse pubbliche disponibili”.

Titty Santoriello. giornalista

Articoli correlati
Lauree triennali in Ingegneria: esami di Stato, iscrizione all’Albo professionale, competenze alla l...
Si tenterà di definire alla luce del D.P.R. 328/01, (Modifiche ed integrazioni della disciplina dei ...
Laureati over 30: chi ha davvero un atteggiamento civile?
Riceviamo e pubblichiamo da Antonella Maizza, ingegnere civile geotecnico. Vorrei sollevare l'atten...
Il Vecchio Ordinamento e l'esame di abilitazione
Contenuto: # DPR328: che cos'e'? # I motivi della protesta # Il Movimento Nazionale DPR328 # V...
Hortus conclusus | giardino planetario
… Il torrente impetuoso che scende dalle montagne va a perdersi nei precipizi, ma la più piccola goc...
PROGETTARE GREEN: ILLUMINAZIONE E VERDE URBANO
Aghape Ambiente propone due nuovi seminari dedicati a illuminazione eco-compatibile e progettazione ...
Il recupero dei grandi complessi architettonici e urbani del Novecento
Al via al Politecnico di Bari un ciclo di incontri sull'urbanistica e l'architettura della città. Il...
Rivisitazioni a cielo aperto, dieci fotografi per Polignano a Mare
Mostra a cielo aperto di fotografia per la promozione delle risorse territoriali Giovedì 12 luglio ...
Manuale di ristrutturazione dei manufatti in pietra
L’Associazione Ecomuseale della Valle d’Itria, in accordo con l’Osservatorio del paesaggio della Reg...
SI CONSOLIDA A 950 MILIONI DI EURO IL SALDO POSITIVO DELL’IMPORT-EXPORT DI MACCHINE E ATTREZZATURE ...
Europa occidentale primo mercato. Crolla la Russia dopo le sanzioni per la crisi ucraina e la svalut...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.