Libri e città. Partenariato tra Politecnico di Bari e Libreria Laterza, per una editoria d’élite

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Presentato il programma delle iniziative per la stagione 2011-2012

Città, paesaggio e territorio contemporaneo sono i temi principali che il progetto di partenariato tra Politecnico di Bari, Libreria Laterza e associazione Labicity, dal titolo “Libri e città”, intende approfondire mediante una rassegna di incontri pubblici dedicati alla presentazione di volumi e riviste, dialoghi e reading riguardanti l’ambiente urbano. Il programma è stato presentato ieri presso la Libreria Laterza alla presenza del Rettore del Politecnico di Bari, Nicola Costantino, del Prorettore Nicola Martinelli, della prof.ssa Mariavaleria Mininni, di Maria Laterza, di Mariella Annese per Labicity, del Soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Bari, BAT e Foggia, Salvatore Buonomo e di Anna Vella per la Soprintendenza.
Il coinvolgimento del Politecnico di Bari” – dice Maria Laterza – “è di fondamentale importanza”. Infatti l’iniziativa si avvarrà della presenza di tecnici che si sono formati nell’ambito del politecnico barese e che oggi ne fanno parte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In termini di politica accademica“– dice Nicola Costantino – “l’azione del nostro Politecnico, è quella di essere al servizio del territorio. Gran parte della ricerca, si svolge in ambito internazionale con pubblicazione su riviste scientifiche, ma in realtà è importante che un Politecnico abbia un rapporto molto stretto con il territorio in cui opera. Tutto ciò che riguarda il territorio, se fatto con il necessario rigore scientifico e accademico, diviene degno di attenzione locale. Negli ultimi due anni le iniziative sono state molte. Ora l’intento è quello di dare spazio ad un’editoria minore, riguardante argomenti di nicchia che diversamente sarebbe condannata a non raggiungere mai il cliente”.

L’iniziativa è nata con una presentazione di libri che hanno incontrato l’interesse dei lettori, come Prima lezione di urbanistica di Bernardo Secchi, ed è proseguita con la promozione di numerose pubblicazioni che sono diventate di successo. Questo ha fatto maturare l’intenzione di uscire dall’ ambiente accademico per allargarsi ad un ambito di più ampio respiro. “Del resto il programma è nutrito e si prevede che possa arricchirsi nel corso dell’anno“ – annuncia Nicola Martinelli. Il primo evento è previsto il giorno 7 dicembre (gli ultimi in primavera 2012) con la presentazione del terzo numero della rivista “Mostrare” sul progetto di pedonalizzazione del lungomare di Bari che prevede la regolarizzazione della vendita del tradizionale cibo da strada.

L’iniziativa prevede la partecipazione dell’associazione Labicity, costituita da ex allievi che hanno creato un laboratorio sulla città grazie ad un finanziamento ottenuto mediante Bollenti Spiriti. “Si tratta di un soggetto giovane” – dice Mariella Annese – “che collabora in una continuità ininterrotta con il luogo della formazione con l’intento di contribuire a rafforzare la sensibilità verso la progettazione del territorio”.

Il motivo per cui sosteniamo degli incontri pubblici in cui promuovere delle riviste selezionate” – dice Mariavaleria Mininni – “è che tutto quello che viene fatto in ambito urbanistico è molto importante. Soprattutto per creare una circolarità con la didattica. Spesso gli studenti partecipano al dibattito. Fa parte del mestiere degli urbanisti fissare una modalità partecipata, il tema del paesaggio favorisce un forte avanzamento nella creazione di una coscienza collettiva. Il legame con il libro è importante perché oggi si lavora molto con l’immagine digitalizzata. Tanto più riusciremo ad intercettare la divulgazione digitalizzata, tanto più contribuiremo a far maturare una sensibilità diversa. In particolare si spinge verso la lettura dei romanzi, perché si crede che il modo in cui raccontano i paesaggi possa arricchire la visualizzazione in chi studia”.

La grande novità è rappresentata dall’apertura di Castel del Monte, una location di grande importanza che ospiterà alcune delle iniziative, grazie all’appoggio della Soprintendenza e in particolare di Anna Vella che dichiara: “Castel del Monte deve vivere con il territorio, essere vissuto e compreso dalla collettività come parte della cultura del paesaggio”. Inoltre l’intento è anche quello di dare vita ad un bando di concorso artistico che coinvolgerà le scuole. In totale saranno coinvolte otto classi delle scuole medie, ma nel 2012 l’intenzione è quella di estenderlo ad un ambito più vasto. Un altro progetto sarà dedicato agli imprenditori.

In definitiva il senso dell’iniziativa è quella di favorire, come sottolinea Francesco Marocco nel tentativo di definire un dialogo tra letteratura e città, la visione degli sguardi indisciplinati nel paesaggio, per mostrare tutto ciò che è invisibile.

Articoli correlati
Il degrado del cemento
Il danneggiamento delle opere cementizie rappresenta un inevitabile evento proprio della vita stessa...
Lauree triennali in Ingegneria: esami di Stato, iscrizione all’Albo professionale, competenze alla l...
Si tenterà di definire alla luce del D.P.R. 328/01, (Modifiche ed integrazioni della disciplina dei ...
Tomaso Buzzi, protagonista di un gusto italiano moderno
Venezia, Isola di San Giorgio Maggiore 21 febbraio 2014, ore 9.30 Convegno internazionale La pr...
Mamma Roma. Visioni di Roma Antica con Piranesi e Pasolini
Le visioni di Roma aprono un anno di mostre al Palladio Museum Il Palladio Museum ha prodotto u...
Ceramica Amica contiene le agevolazioni fiscali sulle ristrutturazioni immobiliari 2014
Quattro pagine del manuale illustrano le norme fiscali connesse sia agli incentivi del 50% che a que...
Janvier Corvalán protagonista a Cersaie 2014
Il 24 settembre la conferenza dell’architetto paraguaiano presso la Galleria dell’Architettura “In ...
Documentary Platform / LAB / Osservatorio Fotografico
Tre esperienze di ricerca e di produzione editoriale. A cura di Michele Cera, Federico Covre, Cesare...
Progettare dall'ecosistema. Una lectio di Alberto Magnaghi su codici genetici e statuti del territor...
Venerdì 19 Dicembre 2014, ore 17,00,  presso la Biblioteca Finia in piazza Notar Domenico a Gravina ...
MIGRANT GARDEN UNTOUCHABLE LANDSCAPES with the new bird nest by Bernard Khoury
Dopo l’inaugurazione ufficiale a Piacenza, presso il Polo territoriale del Politecnico di Milano, SP...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.