Intorno al tracciato della Pedemontana

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Si inaugura sabato 4 febbraio 2011  alle ore 17,30 presso villa Onigo a Trevignano (TV), la mostra personale di Cristian Guizzo “Intorno al tracciato della Pedemontana”.

 

 

 

 

 

 

 

A ridosso dell’avvio dei lavori della Pedemontana Veneta, Cristian Guizzo ha condotto un lavoro di indagine del territorio su cui  ha iniziato a calarsi questa importante infrastruttura.
I lavori per la realizzazione della Superstrada sono cominciati a fine 2011 e si dovrebbero concludere nell’arco di cinque anni.
La Pedemontana Veneta, lunga poco più di novanta chilometri, andrà a servire l’area a maggiore concentrazione industriale del Triveneto, attraversando trendadue comuni delle province di Vicenza e Treviso, da Montecchio Maggiore a Spresiano.
E’ prevista la realizzazione di un casello ogni 5,5 chilometri circa. L’ultimo tratto ad essere realizzato sarà quello in provincia di Treviso.
All’interno di questo quadro, Cristian Guizzo ha sviluppato un personale progetto di indagine fotografica, concentrando l’attenzione su uno dei comuni che saranno coinvolti dal passaggio della Superstrada, Trevignano e le sue frazioni. Le immagini non parlano direttamente della Pedemontana, per ora esistente in maniera precisa solamente nelle tavole di progetto. Le fotografie rappresentano piuttosto il paesaggio, fatto di cose e di persone, che verrà inevitabilmente modificato durante e dopo la realizzazione dell’opera.

La mostra resterà aperta dal 4 al 26 febbraio 2012.

Dal lunedì al giovedì ore 14,30 – 18,30, sabato 8,30 – 12,30, domeniaca 15,30 – 19,00. Venerdì chiuso. Ingresso gratuito

Clicca qui per scaricare l’invito

Cristian Guizzo è nato a Valdobbiadene (TV) nel 1971.
Ha studiato architettura a Milano, Edimburgo e Venezia, dove si è laureato.
Ha iniziato a fotografare negli anni Novanta, rivolgendo il proprio interesse all’architettura e al paesaggio. La sua ricerca verte principalmente sulle modificazioni del paesaggio antropizzato.
Nel 2009 ha partecipato all’indagine territoriale nella Valle del Belice all’interno del workshop «Topografia del Trauma»; nel 2010 ha vinto il primo premio nel concorso “Le cose e il paesaggio” indetto dal Distretto Culturale della Valle Camonica; nel biennio 2010-11 ha documentato le opere dell’industria idroelettrica degli anni Venti per un lavoro di ricerca IUAV-Ca’ Foscari su «Il Veneto tra le due guerre: 1918-1940».
Ha esposto presso la Nuova Sede della Provincia di Treviso (2011), Fondazione Benetton (Treviso 2010), Spazio Paraggi (Treviso 2009), Festival Internazionale di Fotografia di Roma (2007), Linea di Confine (Rubiera 2006), Decima Internazionale di Fotografia (Conegliano 2005).
Vive e lavora a Treviso.
www.cristianguizzo.it

Articoli correlati
1950-1966. L'ultima Venezia. Cultura, presenze e progetti.
Omaggio a Vittore Branca nel centenario della nascita (1913 - 2004) Venerdì 12 aprile 2013 Palazzo...
DENSITA’ IN_MATERIALI
 Una  raccolta di 'opere in metallo' di Daniele Dell'Angelo Custode Lo ‘scultore del metallo’ Danie...
L'antisismica ai tempi dei Borboni
L'Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree del Consiglio nazionale delle rice...
Janvier Corvalán protagonista a Cersaie 2014
Il 24 settembre la conferenza dell’architetto paraguaiano presso la Galleria dell’Architettura “In ...
Così si rompe… il David di Michelangelo
Analisi dei meccanismi di rottura del monumento eseguiti dall’Istituto di geoscienze e georisorse de...
CARME PINÓS PROTAGONISTA AL CERSAIE 2014
Martedì 23 settembre l’ incontro con l’architetto catalano, membro onorario dell’American Institute ...
Heinz Mack, The Sky Over Nine Columns
L’installazione di Heinz Mack sarà svelata ufficialmente al pubblico martedì 3 giugno 2014. Interver...
Ecomuseo della Valle d'Itria diventa di interesse regionale
Assessore Barbanente: "Così si valorizza la memoria storica, l’identità collettiva e il patrimo...
ZAHA HADID E LE SUE OPERE
di Ing. Mario MANCINI >> Sul panorama internazionale delle grandi opere di architet...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.