Politecnico di Bari, motore scientifico con lo sguardo ad Est

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Bari, 24 maggio 2012 – Vocazione internazionale, sguardo all’Europa dell’Est sotto la guida dell’Unione Europea. Il Politecnico di Bari sarà principale artefice e motore scientifico di un progetto finanziato dall’Unione Europea per un importo pari a 800.000,00 mila euro, che mira a individuare metodologie e analisi per la rivitalizzazione e l’ integrazione di piccoli centri storici.

Gli attori del progetto sono, ATU (Associazione per la trasformazione urbana) di Bucarest (Romania), ARMECAS (Associazione armena di ecoturismo) di Tavush (Armenia), ACTIE (Agenzia di cooperazione transfrontaliera per l’integrazione europea) di Cahul (Moldavia) e il Politecnico di Bari che si avvarrà delle competenze scientifiche del Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile e per l’Architettura. Il gruppo di lavoro del Politecnico barese sarà costituito dal prof. Francesco Selicato, prorettore e coordinatore, dall’ ing. Francesco Rotondo, dall’ ing. Pierangela Loconte e dall’ing. arch. Claudia Piscitelli.

Il progetto ha individuato tre casi studio sui quali la ricerca produrrà altrettanti progetti-pilota: Sibiu County, Romania, Dilijan, Tavush Region, Armenia, Cahul County, Moldavia.  L’intento è quello di perseguire alcuni obiettivi specifici come il rafforzamento dei centri storici minori e dei sistemi paesaggistici, la valorizzazione del patrimonio culturale e la connessione in rete delle esperienze e delle iniziative del partenariato orientale, l’utilizzazione di pratiche partecipative integrate di valorizzazione del patrimonio. Il progetto avrà la durata di due anni.

L’iniziativa verrà presentata domani, venerdì, 25 maggio, ore 9:30, a Santa Teresa dei Maschi, Biblioteca Provinciale di Bari (Strada Lamberti, 4), Bari.

Sono previsti gli interventi dei coordinatori scientifici del progetto italiani e stranieri e dell’Assessore all’Urbanistica della Regione Puglia, Angela Barbanente, del Rettore del Politecnico di Bari, Nicola Costantino, del vice Presidente della Provincia di Bari, Trifone Altieri.

Articoli correlati
Il recupero dei grandi complessi architettonici e urbani del Novecento
Al via al Politecnico di Bari un ciclo di incontri sull'urbanistica e l'architettura della città. Il...
Tetralogia della polvere
Uno splendido edificio antonelliano abbandonato per oltre trent’anni. Una storia dimenticata trasfor...
Premio Apulia 2012
Il 18 settembre 2012, presso l’ex Palazzo delle Poste di Piazza Cesare Battisti a Bari, si terrà la ...
Una mostra per raccontare la città
Lunedì 8 aprile 2013 alle 19,30, presso la Galleria Spazio Giovani in via Venezia 41 a Bari, si inau...
COME LIBERARSI DAI COSTI DEI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE
Aghape Ambiente aderisce al progetto Software libero per l’Architettura e mette a disposizione la re...
Domus Lignea: nasce a Cinisello Balsamo il primo edificio con struttura portante in legno eco-sosten...
Presentato a Cinisello Balsamo l’innovativo progetto edilizio che prevede la costruzione di un edifi...
Eventi Ceramics of Italy per architetti a Zurigo e Basilea
Prosegue anche per il 2014 l’intensa attività di promozione dell’industria ceramica italiana press...
Paulo Mendes da Rocha, tecnica e immaginazione
Si inaugura oggi presso La Triennale di Milano la mostra dedicata a Paulo Mendes da Rocha, a cura di...
Pandora. Donne di terra - donne di fuoco. Viaggio tra forme e colori
Martedì 29 settembre alle ore 18.30,  presso la sede del Parlamento Europeo a Bruxelles, si inaugure...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.