Bioarchitettura: architettura vivente, come progettare la normalità

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Bari, 29 giugno 2012 – Un convegno internazionale e una mostra itinerante che ha già toccato le città di Roma, Napoli, Salerno e che interesserà Bari, Catania, Bologna, Firenze, Pesaro, Trieste, Verona, Padova, Venezia, Imperia, Bolzano e Milano, per spiegare e conoscere le nuove tendenze del progettare e costruire moderno ponendo sempre più attenzione all’ambiente.

Bioarchitettura: architettura vivente. Progettare la normalità è il titolo del convegno che si accompagnerà alla mostra della rivista nazionale specializzata Bioarchitettura, in occasione e del suo ventennale dalla fondazione, in programma nell’ex Palazzo delle Poste, a Bari, lunedì, 2 luglio, alle ore 10.00.

Ogni costruzione modifica il paesaggio e determina nuovi equilibri. L’attività edilizia e la produzione dei materiali costruttivi consumano risorse e interagiscono con l’ambiente. Costruire in maniera responsabile significa guardare diversamente alla complessità del sistema, cercando di minimizzare le incidenze negative. Oggi, la gestione oculata delle risorse sempre meno disponibili e l’utilizzo di materiali non inquinanti è un obbligo verso noi stessi e le future generazioni. Per limitare l’inquinamento di aria, acqua e suolo, dobbiamo porre al centro del processo edilizio la necessità costruire in modo biocompatibile ed ecosostenibile .

Grazie anche al coinvolgimento di migliaia di professionisti, lo scenario è mutato e  molti nuovi obiettivi sono entrati nell’orizzonte quotidiano e l’ecologia tra questi. Man mano che l’architettura acquisisce connotati di sostenibilità, le problematiche si intrecciano.

Questo convegno, che si inserisce in una collana di eventi itineranti su tutto il territorio nazionale, ne indaga le relazioni con la tecnologia le risorse, il tessuto connesso.

Gli obiettivi strategici dell’iniziativa sono: fornire strumenti e documentazione sui più recenti progetti innovativi ed argomenti, per promuovere migliorare le pratiche e gli interventi sul territorio; consentire a tecnici privati e attivi presso le amministrazioni pubbliche di acquisire strumenti di orientamento nell’ambito dei processi ecologici in atto; verificare nel concreto le possibilità praticabili a livello locale; appropriarsi di indicazioni e suggerimenti per migliorare il livello qualitativo della progettazione.

Nell’ambito del convegno si terrà la cerimonia di inaugurazione della Mostra itinerante Bioarchitettura in Tour insignita durante lo start up a Roma l’11 aprile scorso della Medaglia di Rappresentanza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione del ventennale di attività della rivista.

PROGRAMMA CONVEGNO

Ore 10:00

Efficientamento energetico degli edifici nella smart city, Nicola Martinelli, Prorettore Delegato Politecnico di Bari;

Recuperare l’esistente in ecologia. Rigenerare l’edilizia, Angela Barbanente, Assessore al territorio, Regione Puglia;

Esempi sul territorio. Laura Rubino, Architetto Bari; “Fare Bioarchitettura” Joachim Eble, Architetto e Urbanista, Tubinga (D)

No alla vita sopra le righe. Energia, risorse: il paradigma della trigenerazione, Marco Franchini, Direttore Aeroporti di Puglia.

Ore 14:00

Insegnare la sostenibilità. Bioarchitettura come stile di vita, Wittfrida Mitterer, Direttore Master Casaclima-Bioarchitettura, Università Lumsa, Roma

L’energia il motore della vita, la smart grid a piccola scala, Livio de Santoli, Università la Sapienza, Roma;

In contemporanea con il convegno sarà presentata la Mostra itinerante Bioarchitettura in tour – Un viaggio lungo vent’anni, aperta al pubblico fino al 12 luglio.

La mostra è concepita come un viaggio nei ricordi che celebri ciò che la redazione è riuscita a compiere, ma diventa anche la piattaforma di lancio del futuro, a testimonianza della volontà di continuare a crescere, di essere  sempre al passo con i tempi e sempre attenti ai nuovi progressi in campo ecologico. Oggi, a vent’anni dalla fondazione a Bolzano, la mostra intende celebrare la storia della rivista, raccontandone i momenti più significativi, ripercorrendone le tappe e ripresentandone le pubblicazioni più significative: un mix di progetti ed editoriali che hanno segnato l’avanzare e l’evolversi del movimento ecosostenibile e biocompatibile in architettura.

Il catalogo Mostra è disponibile presso l’Editrice universitaria www.Weger.net .

Articoli correlati
Il Vecchio Ordinamento e l'esame di abilitazione
Contenuto: # DPR328: che cos'e'? # I motivi della protesta # Il Movimento Nazionale DPR328 # V...
Il Politecnico prepara gli specialisti dell’acustica
Un corso al Politecnico di Bari la scadenza per le iscrizioni è il  6 luglio 2012 La sensibilità de...
NUOVA EDIZIONE DEL PREMIO APULIA PER OPERE DI ARCHITETTURA CONTEMPORANEA O DI URBANISTICA
Anche per l’anno 2012 è bandito il Premio Apulia, istituito dalla LR 14/2008 e articolato in due sez...
Con l’olografia digitale possibile vedere attraverso fumo e fiamme
Una nuova tecnica sviluppata dai ricercatori dell’Istituto nazionale di ottica del Cnr consente per ...
CERSAIE – LA ‘LEZIONE ALLA ROVESCIA’ E’ CON RICCARDO BLUMER
L’architetto e designer, ideatore degli Esercizi Fisici di Architettura e Design sarà ‘interrogato’ ...
KLIMT E IL SUO TEMPO. LA SECESSIONE VIENNESE
Una mostra dedicata a Klimt, ai capolavori della Secessione e all'avanguardia austriaca 12 febbraio...
Rifare paesaggi. Quattro architetti propongono la loro idea di città
Quattro architetti e paesaggisti di Lisbona, titolari degli studi più noti a livello internazional...
Restituire valore al progetto: su Civiltà di Cantiere numero 3 un’intervista a Leopoldo Freyrie.
Finita la fase delle grandi opere firmate da archistar, è venuto il momento che il settore delle cos...
ADI e il Social Design: progettare per il mondo reale
Il design come risposta ai problemi più urgenti  dello sviluppo del mondo contemporaneo. Un incontro...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.