EDILIZIA: ASCOMAC, SUBITO PIANO STRAORDINARIO ANTISISMICO ED ENERGETICO

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Cesaretti: “Necessario mettere in sicurezza il territorio”

Belvedere: “Puntare sulla legalità”

Roma, 7 giugno 2012 – Investire nelle città sostenibili con programmi di miglioramento statico ed energetico. E’ questo, secondo Ascomac, un obiettivo irrinunciabile per raggiungere il quale è necessario puntare in primis sulla sicurezza del cantiere. Il recente terremoto in Emilia Romagna, il grave dissesto idrogeologico, i danni subiti dal patrimonio abitativo, agricolo, industriale, infrastrutturale, artistico e culturale e la morte di operai sotto le coperture di capannoni,  fanno riflettere sulla necessità di messa in sicurezza del nostro Territorio”.

Lo  ha dichiarato la  presidente di Ascomac Elisa Cesaretti in occasione del seminario  “Formazione e verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro per la realizzazione del Cantiere a impatto zero”. Secondo Cesaretti “l’edilizia sostenibile è la risposta anticiclica, non solo alla attuale crisi economica, ma anche organizzativa, realizzabile attraverso l’avvio immediato di un Piano straordinario antisismico ed energetico sia per le nuove costruzioni sia per il consolidamento e miglioramento degli edifici pubblici e privati esistenti”. In questo contesto Ascomac ha lanciato la sfida del cantiere a impatto zero.  Si tratta, ha spiegato Cesaretti, di una “proposta a favore della sostenibilità della filiera dell’Edilizia, del Sollevamento, della Nautica e del Navale, dell’Energia. Un’idea che si declina, da una parte, nel rispetto della legalità, della trasparenza,  nell’efficienza tecnologica e nella sicurezza sul lavoro; dall’altra nella possibilità di un impatto ambientale pari quasi a zero e nella semplificazione della burocrazia”. Il tema della sicurezza, ha chiarito la presidente, è “indissolubilmente legato a quello della formazione. Settore in cui la nostra Federazione intende puntare anche attraverso un accordo con il Formedil”.

Per Ascomac, come ha sottolineato il Segretario Generale Carlo Belvedereservono una Vision ed una Governance diverse, un percorso virtuoso verso la Città/Territorio Sostenibile, a consumo quasi zero con regole certe e chiare, a partire dai Piani regolatori e dalla Pianificazione strategica territoriale. Il rispetto della legalità – ha ribadito Belvedere – è un principio imprescindibile: stiamo assistendo alla caduta di quello che abbiamo costruito ed, invece, in edilizia sulla sicurezza dobbiamo puntare al massimo e prestare particolare attenzione alla questione degli appalti e dell’abusivismo”.

La Federazione propone un provvedimento normativo unico, di semplice applicazione in moda da superare la logica del singolo intervento a favore dell’Edificio nel suo complesso. Per questo, sia a livello antisismico che energetico, vanno introdotti ed attuati, con investimenti pubblici e privati, programmi di miglioramento energetico e statico dell’Edificio/Infrastruttura e, quindi, del Territorio.

Ufficio stampa: Strategie & Comunicazione

Articoli correlati
Un interessante dettaglio costruttivo
Un interessante particolare di tecnica costruttiva muraria è evidenziato da questo framm...
Architettura italiana dal dopoguerra ad oggi. Teorie, Storie e Progetti
Lectio Magistralis di Francesco Moschini Matera Presentazione di Angela Colonna e Antonio Conte A ...
COMMUNITY GARDEN E ORTI URBANI: NUOVE PRATICHE PER LA RIGENERAZIONE URBANA
Il 17 settembre 2012, presso la Biblioteca Santa Teresa dei Maschi di Bari, si terrà l’incontro dal ...
Il palazzo dell'Acquedotto Pugliese apre le porte al Politecnico di Bari
Giovedì 20 febbraio 2014 alle ore 15,00,  nella sede del Palazzo storico dell’Acquedotto Pugliese di...
Le terrain vague
LE TERRAIN VAGUE  La fotografia interpreta il territorio a cura di Francesco Selicato....
CER_SEA Italian Style Beach Concept
Cersaie, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno racconta le s...
XXI Triennale International Exhibition 21st Century. Design After Design
Sabato 15 novembre 2014 l'incontro pubblico. Interventi di Andrea Branzi, Luisa Collina, Kenya Hara,...
I giunti nelle strutture in acciaio: considerazioni sulla classificazione dei collegamenti
Nell’ambito delle opere in carpenteria metallica, un collegamento può essere definito come un insiem...
AHEC e T.ZED Architects presentano 'The Cocoon' al Downtown Design
AMBB Furniture Manufacturing riadatta il frassino americano termicamente modificato e la quercia bia...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.