A rebuild le molteplici opportunità offerte al bel paese dal mercato della riqualificazione

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

.

Oltre 2 miliardi di metri quadri da riqualificare in Italia per creare occupazione, spingere il mercato immobiliare e raggiungere gli obiettivi di sostenibilità richiesti dalla Comunità Europea

REbuild è ai blocchi di partenza. Tre giorni, oltre ottanta relatori, per dare il via alla prima convention nazionale dedicata alla riqualificazione e gestione sostenibile dei patrimoni immobiliari. Un parterre notevole, che vede presenti a Riva del Garda i maggiori esperti mondiali, da Nils Kok a Sergio Tirado Herrero, da Thomas Beyerle a Gay J. Saulson, da Rod Janssen a Fraser Thompson, per parlare degli aspetti tecnici e finanziari che riguardano la rivalorizzazione immobiliare, come anche le opportunità offerte al settore immobiliare per uscire dal momento di stagnazione in cui giace da tempo.

In Italia si contano 450 miliardi di euro di edifici che necessitano di interventi di riqualificazione, una grande occasione per rilanciare il Paese afferma Gianluca Salvatori, Presidente Progetto Manifattura. REbuild presenta esperienze reali, come quelle di Coop Italia, di Ikea, delle USL di Arezzo e di Rimini, per far toccare con mano a tutta la filiera del mercato immobiliare sulle opportunità che sono offerte dal settore della riqualificazione”.

“REbuild vuole essere uno stimolo per ricostruire un intero settore che oggi giace in una profonda crisi economica – continua Salvatori. Lo dimostrano i dati: gli interventi su immobili esistenti sono 6 volte maggiori rispetto alle nuove costruzioni, per un giro d’affari da 6 miliardi di euro e di oltre 2 miliardi di metri quadri da riqualificare solo in Italia”.

“Le norme europee oggi spingono il mercato della sostenibilità, verso una nuova politica di miglioramento delle condizioni di un patrimonio immobiliare datato spiega Thomas Miorin, Direttore Habitech. Stiamo andando incontro ad un cambio di paradigma nel mercato immobiliare che dovrà in tempi rapidi diventare sostenibile, nella costruzione, nella gestione e nella conduzione. Questo fenomeno non solo migliorerà lo stato del patrimonio immobiliare, ma contribuirà a creare milioni di posti di lavoro e ridurre anche la spesa pubblica per il mantenimento di strutture datate”.

Riva del Garda, 17 settembre 2012

Articoli correlati
Nunzio al Politecnico di Bari
Incontro con Nunzio Segno, luogo, materia Saluto del Magnifico Rettore del Politecnico di Bari N...
Bioarchitettura: architettura vivente, come progettare la normalità
Bari, 29 giugno 2012 – Un convegno internazionale e una mostra itinerante che ha già toccato le citt...
Musei e sostenibilità
L’ANMLI organizza un seminario per discutere su come affrontare la sfida Sabato 23 marzo, ore 9.30 ...
1950-1966. L'ultima Venezia. Cultura, presenze e progetti.
Omaggio a Vittore Branca nel centenario della nascita (1913 - 2004) Venerdì 12 aprile 2013 Palazzo...
Living Architectures. Rem Koolhaas, Richard Meier, Frank Gehry, Renzo Piano, Herzog & De Meuron:...
LIVING ARCHITECTURES MARATHON è il tour che dal 27 giugno al 20 settembre 2013 presenterà al pubblic...
CARME PINÓS PROTAGONISTA AL CERSAIE 2014
Martedì 23 settembre l’ incontro con l’architetto catalano, membro onorario dell’American Institute ...
Tomaso Buzzi alla Venini
Una mostra che celebra il gusto italiano degli anni trenta nelle opere in vetro del celebre architet...
Sognatore di opera grave. Tra leggerezza della pietra e gravità del pensiero
Presentazione del volume di Antonio Labalestra, “Singularis in singulis. Duodecim columnae vitinae e...
LA XXVIII EDIZIONE DI RESTRUCTURA CHIUDE CON 25.000 visitatori
L'unica fiera italiana interamente dedicata a riqualificazione, recupero e ristrutturazione registra...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.