L’architettura della città di Padova

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Spesso la fotografia è l’unico modo per conoscere l’architettura scrive Cinzia Simione nel suo, “Il silenzio delle cose” saggio che accompagna, tra gli altri, il volume, L’architettura della città di Padova, edizioni Il Poligrafo, casa editrice veneta che si distingue per le sue pubblicazioni particolarmente rivolte ai temi dell’architettura e dell’urbanistica. Ultimo della collana Progetti di architettura, il libro a cura della stessa Cinzia Simioni e di Alessandro Tognon, è stato realizzato in occasione della mostra fotografica, Stefan Müller, L’architettura della città di Padova, da poco conclusasi presso il Cortile pensile di Palazzo Moroni a Padova. Müller che vive e lavora a Berlino, collabora come fotografo ufficiale delle architetture di Ungers oltre a ricevere incarichi da architetti fra cui, Max Dudler, Klimbers e studi di architettura come Orther + Orther, Uwe Shröder.

Il titolo della mostra e del volume che la accompagna rappresenta un omaggio a due importanti pubblicazioni di Aldo Rossi, una delle quali, realizzata per la prima volta nel 1966, si intitola L’ architettura della città.

Attraverso questo lavoro, Müller mostra il volto meno noto della città di Padova: non il monumento, ma le architetture che ne costituiscono il tessuto urbano. Egli trae spunto dall’idea stessa del Grand Tour, riletto attraverso il Viaggio in Italia di Goethe, per condurre una ricerca che racconti la città meno nota della prima metà del Novecento. Ventisei fotografie costituiscono la prima parte del volume che comprende anche una sezione dedicata all’architettura europea raccolta in ventiquattro scatti realizzati a colori e in bianco e nero. Si va da Berlino a Londra, da Colonia a Rotterdam, da Francoforte a Bonn, da Monaco a Basilea, nel ricercare un nesso tra pratica costruttiva e dettaglio formale, tra architettura disegnata e sua realizzazione. Elemento che accomuna è l’assenza della figura umana che cede il passo ad una lettura “senza distrazioni” del complesso rapporto tra architettura tradizionale e contemporanea. E’ la visione di un osservatore che cammina quella che riprende il dettaglio di un epigrafe, di un lampione, ma anche lo storico Caffè Pedrocchi, la cancellata della Loggia della Gran Guardia e il Bastione Pontecorvo. Ecco spiegare i giochi prospettici, le visuali traguardate, il dettaglio e l’accostamento tra superfici, l’antico e il moderno. Edifici classici e contemporanei fotografati senza artifici, una autentica veridicità che tralascia il realismo chiassoso della fotografia di strada per raccontare l’architettura mediante sè stessa. Una lettura attenta e ragionata che non manca di continuare a sorprendere per la sua intensa e articolata visione. La mostra è stata ideata e promossa dall’associazione culturale Di Architettura, che si occupa di organizzare eventi nella città di Padova.

Stefan Müller

L’architettura della città di Padova

a cura di Cinzia Simioni, Alessandro Tognon

Il Poligrafo, Padova, 2012
collana “Progetti di architettura”
pp. 88, euro 20,00
isbn 978-88-7115-788-7

STEFAN MÜLLER nasce a Bonn nel 1965 e studia Scienza della comunicazione visiva presso la Scuola professionale superiore di Dortmund. Nel 1992 inizia la collaborazione professionale con Oswald Mathias Ungers. Nel 1994 si trasferisce a Berlino, ricevendo incarichi da importanti architetti e studi di architettura tra cui Max Dudler, Kleihues+Kleihues, Ortner+Ortner, Uwe Shröder. Nel 1997 si tiene la sua personale a Potsdam (città dell’Architettura), cui seguono, nel 2001, le mostre a Gibellina e presso l’Arkitektur Galerie Berlin, a Berlino. Dal 1998 al 2009 è professore a contratto presso il Laboratorio di Architettura della Facoltà di Potsdam. Le sue fotografie sono presenti in numerose mostre di importanti architetti e in diverse pubblicazioni di architettura. Attualmente vive e lavora a Berlino.

Articoli correlati
Un interessante dettaglio costruttivo
Un interessante particolare di tecnica costruttiva muraria è evidenziato da questo framm...
Hortus conclusus | giardino planetario
… Il torrente impetuoso che scende dalle montagne va a perdersi nei precipizi, ma la più piccola goc...
Il paesaggio invisibile Dispositivi minimi di neo-colonizzazione
Il paesaggio invisibile  Dispositivi minimi di neo-colonizzazione Autore arch. Davide Pagli...
Etruscanning 3D ai Musei Vaticani
Inaugurata presso il complesso museale romano l'installazione interattiva che consente ai visitatori...
Cambiamenti climatici: città europee in ritardo
Uno studio internazionale e multidisciplinare pubblicato su Climate Change Letters, cui ha partecipa...
L'infinita sonorità dell'acustica
Cersaie ospita martedì 23 settembre un convegno con Higini Arau, Saturnino Celani e Lorenzo Palmeri....
Un ponte tra la natura di Asiago e il cuore di Milano
La Rigoni di Asiago sostiene il 50^ Progetto di Fondaco: Il Restauro dell'Atrio dei Gesuiti del Pal...
Comprare casa nei borghi più belli d’Italia: ecco la classifica dei prezzi
Le Cinque Terre e la Costiera Amalfitana sono le zone con i borghi più costosi. Anche più di 6.00...
AL 50° MARMOMACC LA PIETRA NATURALE PARLA TUTTE LE LINGUE DEL MONDO
Al via domani il più importante salone dedicato al business e alla cultura del marmo. Internazionali...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.