Edifici Multipiano in Legno

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Costruire in legno: la frontiera della sostenibilità, della tecnologia, del comfort

giovedì 22 novembre 2012 ore 15.00

Auditorium Torre C3 del Centro Direzionale di Napoli

via S.Lucia, 81 – 80132 Napoli

Roma 8 novembre 2012. Costruire sostenibile è possibile. Se ne parlerà il 22 novembre presso l’Auditorium Torre C3 del Centro Direzionale di Napoli con l’evento “Edifici Multipiano in Legno” promosso da Ge.Im con il supporto di Agorà.

Alle ore 15,00 tecnici, professionisti, progettisti, esponenti degli ordini professionali ed imprese di costruzione si incontreranno  per fare il punto della situazione analizzando le potenzialità di un materiale quanto mai versatile e pulito quale il legno.

Nella costruzione di edifici multipiano questo elemento, infatti, rende possibile la compresenza, in una stessa struttura, di estetica, sostenibilità, tecnologie avanzate negli impianti, nella demotica e nel comfort abitativo.

Non si tratterà di un convegno accademico, ma sarà un vero e proprio forum tecnico con seri obiettivi formativi e di aggiornamento, animato da un proficuo scambio di idee tra il tavolo dei relatori e la platea di professionisti che interagiranno grazie anche alla conduzione di un giornalista che monitorerà l’evento e darà la giusta importanza alle domande che scaturiranno dal dibattito. Ospiti d’eccezione alcune delle più grandi personalità del settore tra cui Norbert Lantschner, Presidente Fondazione ClimAbita e ideatore Agenzia CasaClima e Stefano Menapace, Coordinatore Tecnico ARCA- ARchitettura, Comfort, Ambiente.

Il tutto verrà avvalorato da due case studies di eccellenza presenti attualmente sul territorio abruzzese con uguali caratteristiche climatiche – come ad esempio la presenza di carichi di neve – e in un contesto territoriale ad elevato rischio sismico.

Si parlerà infatti dell’Alexander Residence situato a Roccaraso (AQ): primo edificio in Italia per numero di piani interamente costruito in bioedilizia progettato in modo da garantire il massimo risparmio energetico. Grazie a materiali ecocompatibili e a precise regole progettuali il residence utilizza l’80% in meno di energia rispetto ad un edificio tradizionale pur mantenendo alto il livello di eleganza, prestazioni tecniche e stile.

L’incontro proseguirà poi con un approfondimento sull’Auditorium de L’Aquila. Realizzato nel centro storico della città è un esempio applicativo in una stessa opera di molte delle tecnologie più avanzate sviluppate per l’utilizzo moderno del legno nonché di prestazioni antisismiche leggere.

In entrambi i progetti il legno fa da protagonista diventando, allo stesso tempo, struttura, rivestimento, materiale acustico. Il suo impiego, inoltre, ha consentito di esaltare le caratteristiche costruttive dell’edificio e di imprimere particolare velocità alla fase di prefabbricazione.

L’evento è patrocinato da Trentino Sviluppo, Consiglio nazionale degli Ingegneri, Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati, Consiglio nazionale dei Periti industriali, Consiglio nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Pianificatori, Comune di L’Aquila, Comune di Roccaraso, Legambiente e Assolegno

La partecipazione è assolutamente gratuita previa iscrizione.

È possibile iscriversi all’evento inviando una mail con i propri riferimenti a eventi@agoraactivities.it

———————————————-

L’Alexander Residence di Roccaraso (AQ)

stile ed eleganza di una casa in montagna

Situato in Roccaraso, in Via Vallone San Rocco, in corrispondenza del primo impianto di risalita.

I lavori in costruzione sono stati avviati a Settembre 2010 e si concluderanno a Dicembre2012. L’immobile si svilupperà su 7 livelli con appartamenti ripartiti tra bilocali, trilocali e quadrilocali di una superficie compresa tra 52 e100 metriquadri, in vendita con posti auto e cantinole situate al piano seminterrato.

Oltre ad una spettacolare vista sulle piste sciistiche dell’Aremogna, l’edificio si presenta con un rivestimento in rame ossidato e pietra naturale, balconi in acciaio cromato e legno: particolari che lo rendono unico ed inconfondibile nel paesaggio locale.

Gli appartamenti comodi e spaziosi hanno rifiniture in gres porcellanato nella zona giorno e parquet nella zona notte, sistema di riscaldamento a pavimento oltre ad un comodo camino, domotica di base, arredi su richiesta e molte altre prestazioni di avanzata tecnologia.

L’obiettivo di questo progetto è quello di offrire una struttura innovativa, di elevatissima qualità, con un alto livello di servizi, in un posto esclusivo vicino al centro ed agli impianti di risalita.

L’Alexander Residence è una struttura costruita in modo da ridurre drasticamente il consumo di energia per riscaldarla e refrigerarla.

Si parla, in particolare, di “casa passiva” nel caso in cui il fabbisogno annuale di riscaldamento sia talmente ridotto da permettere di rinunciare ad un sistema di riscaldamento tradizionale. Per ottenere ciò, l’effettivo valore del carico termico specifico deve essere molto basso, cioè tale da consentire, anche nei giorni più freddi, di poter fare a meno degli altri sistemi separati di produzione e di distribuzione del calore. Lo stesso principio vale anche per la climatizzazione estiva: più isolamento significa più protezione dalle alte temperature.

 

 

 

 

 

 

 

Un edificio quale l’Alexander Residence soddisfa in pieno tali caratteristiche e parametri: è infatti progettato secondo precise regole architettoniche ed impiegando materiali tali da assicurare il massimo isolamento degli ambienti verso l’esterno, la massima riduzione delle infiltrazioni ed il recupero di calore.

Il risultato è una riduzione superiore all’80% dell’utilizzo energetico rispetto ad una casa tradizionale ed il raggiungimento delle emissioni zero.

Una particolare attenzione è stata rivolta all’ambiente e alla sicurezza con l’utilizzo di fonti energetiche alternative e di innovative tecniche strutturali in legno: “XLAM”.

 

La tecnologia costruttiva

La tecnologia costruttiva utilizzata è quella con struttura portante in legno che garantisce i seguenti vantaggi rispetto alla struttura tradizionale:

  • resistenza agli sbalzi termici
  • risparmio energetico
  • resistenza antisismica
  • sostenibilità ambientale
  • isolamento acustico
  • elevata resistenza al fuoco
  • isolamento alle onde elettromagnetiche

Le pareti a struttura in legno massiccio sono composte da strati di tavole incrociate cui viene associato esternamente un cappotto termico, sul quale verrà poi posto uno strato di intonaco resistente alle intemperie, mentre internamente sono rifinite da pannelli di cartongesso.

Le parti esterne sono  rivestite in rame ossidato e pietra, con balconi in acciaio cromato e legno.

Gli appartamenti di Alexander Residence Roccaraso sono divisi in tre tipologie: bilocali, trilocali e quadrilocali.  I bilocali sono composti da soggiorno, angolo cottura con camino, camera e servizio. I trilocali dispongono di soggiorno, angolo cottura con camino, due camere e servizio. I quadrilocali, infine, si sviluppano in soggiorno, camino, cucina, tre camere da letto e due bagni. Superficie commerciale da52,30 metriquadri a100 metriquadri, oltre a posti auto e cantinole. Gli appartamenti sono realizzati con un elevato livello di finiture e con materiali ecocompatibili. Per la zona giorno di ogni appartamento è prevista una pavimentazione con piastrelle in gres porcellanato. Per la zona notte la pavimentazione con parquet prefinito.

 

Per i bagni si prevede l’utilizzo di piastrelle in gres porcellanato di vari colori, con rivestimenti coordinati.

L’Alexander Residence aumenta il piacere di vivere la propria casa in quanto è stato pensato con il preciso obiettivo di migliorare il benessere e la qualità della vita dei suoi utilizzatori accrescendo così, indirettamente, il valore patrimoniale dell’immobile nel tempo. I prezzi degli appartamenti variano dai 4.500 euro ai 5.500 euro/mq in relazione all’esposizione, all’altezza del piano ed al capitolato materiali.

 

 

L’Auditorium de L’Aquila di Renzo Piano

…quando il legno suona bene

Il progetto della struttura del nuovo Auditorium de L’Aquila è stato donato alla Città da Renzo Piano, che si è anche offerto di far collaborare nel cantiere 20 ingegneri laureandi alla facoltà dell’Aquila.

L’idea progettuale era nata grazie all’impulso di Claudio Abbado, che subito dopo il terremoto del 6 aprile 2009 aveva auspicato una soluzione per ricreare uno spazio dedicato alla musica, coinvolgendo anche l’amico Piano per consentire una rapida ripresa di quell’intensa attività musicale che ha da sempre contraddistinto la città.

Finanziato dalla Provincia Autonoma di Trento e costruito con il legno pregiato della Val di Fiemme, l’Auditorium è il primo edificio certificato ARCA, ARchitettura – Comfort – Ambiente, il primo sistema di certificazione per le costruzioni con struttura portante in legno che garantisce la durabilità, la sicurezza contro il sisma ed il fuoco, il comfort, il risparmio energetico, la sostenibilità.

L’Auditorium è formato da tre volumi di legno a forma di cubo che, in modo un po’ casuale, rotolando sul terreno, si sono fermati in una posizione che li vede tra loro accostati. Il volume centrale, quello più grande che corrisponde alla sala dell’Auditorium, si è fermato in una posizione leggermente obliqua che allude quasi ad una sua instabilità. In realtà la sua inclinazione ha una precisa ragione, poiché uno dei due lati inferiori corrisponde all’inclinazione dei gradoni della platea interna. Gli altri due cubi, collegati con il primo attraverso passerelle in ferro, vetro e legno, contengono rispettivamente le attività di servizi al pubblico (foyer, toilette), i locali degli impianti tecnologici e le attività di servizio agli artisti (i camerini).

I cubi lignei, nella loro astrattezza, dissimulano la presenza di un edificio vero e proprio. Sono cioè ‘non forme’ o, piuttosto, forme pure, che si confrontano il più silenziosamente possibile con la massa compatta e tesa del Forte cinquecentesco.

L’Auditorium è concepito come manufatto che nella sua frugalità porterà con sé la pura forza della necessità. I tre edifici sono interamente realizzati in legno che è sì un materiale effimero nelle pretese, ma è eterno nella durata. E’ una scelta strettamente legata alla funzione acustica dell’edificio, quella cioè di suonare come fosse uno strumento musicale, ma anche dettata dalle condizioni del contesto: le strutture lignee hanno infatti elevatissime caratteristiche antisismiche e poi la matericità del legno si confronterà in modo ‘naturale’ con la pietra del Castello.

E’ bene ricordare che il legno è un materiale rinnovabile e quindi eco sostenibile: è per questo che verranno piantati duecento alberi nelle immediate vicinanze dell’Auditorium, nel parco e nell’ambito urbano ad esso adiacente, a garantire, come risorsa futura, una cubatura di legno equivalente a quella utilizzata per costruire l’edificio. L’Auditorium potrà essere percepito come un grande stradivari adagiato nel parco e la sua tecnica costruttiva, minuziosa e sapiente, rimanderà all’arte dei mastri liutai e del buon costruire. Il legno di abete utilizzato per la costruzione delle strutture e del loro rivestimento in doghe di larice richiama la tradizione del legno di risonanza proveniente dalla Val di Fiemme, in Trentino, luogo da cui per tradizione è sempre provenuto il legno più pregiato utilizzato dai mastri liutai di Cremona a cui, nel seicento, Stradivari ha dato massima fama.

La tecnologia del legno e l’applicazione di tecniche costruttive antisismiche leggere e innovative, diventa, qui a L’Aquila, un esempio del buon costruire che potrà essere utilizzato anche per la ricostruzione della città antica.

Auditorium

L’Auditorium, che costituisce il cuore del progetto ed è contenuto nel cubo centrale, il più grande dei tre, caratterizzato dall’essere inclinato di 30°: all’interno del cubo, la gradonata che ospita il pubblico viene ubicata sulla faccia inclinata permettendo così di avere una curva della visibilità ottimale. I lati obliqui del cubo, all’esterno, misurano ml.18,93 e ml.17,94, rispettivamente le pareti nord e sud, mentre il lato orizzontale misura ml. 18,85.

L’Auditorium è stato dimensionato in modo da poter ospitare 238 spettatori e circa 40 orchestrali: la gradonata più ampia, posta di fronte al palco, contiene 190 spettatori, mentre quella più ridotta, posta dietro al palco, ne contiene 48; se necessario questi posti potranno esser usati dai coristi.

La pianta dell’ Auditorium si articola in una zona centrale piana e due zone contrapposte inclinate con andamento a gradoni. La zona centrale piana è occupata dal podio dell’orchestra, rialzato di40 cm. rispetto alla pavimentazione dell’area centrale. Ai lati della zona centrale si attestano gli accessi alla sala dell’Auditorium: da un lato l’accesso del pubblico proveniente dal foyer ubicato nel cubo 2 e, dall’altro lato, l’accesso degli orchestrali provenienti dai camerini ubicati bel cubo 3. Le due gradonate sono occupate dalle sedute degli spettatori: 8 file da 24 posti sul lato frontale del palco e 2 file da 24 posti sul lato posteriore al palco. I gradoni che ospitano le sedute hanno un’altezza di cm 40 e una profondità di90 cme ospitano sedute di larghezza52 cmtra l’interasse dei braccioli. Le scale di accesso ai vari livelli della gradonata sono tre per ogni gradonata: una centrale e due sui lati a contatto con le pareti della sala. Sul lato posteriore alla gradonata più ampia è prevista un’uscita di sicurezza servita all’esterno da una scala metallica attraverso cui si raggiunge la quota della piazza esterna.

Note Tecnico costruttive

La pelle esterna in doghe di larice

La finitura esterna in doghe corrisponde ad una vera e propria pelle distanziata dalla struttura sottostante da un’intercapedine ventilata: in caso di pioggia l’acqua può defluire liberamente e le doghe sono areate su entrambi i lati. La pelle di rivestimento in doghe di larice della Val di Fiemme è prevista per tutte le facciate dell’edificio, compresa la copertura, e con la sola eccezione di una facciata. Le doghe disegnano sulle superfici delle pareti una trama costituita dal ritmo orizzontale delle doghe, regolarmente distanziate tra loro da uno scuretto di10 mme da una serie di allineamenti verticali. Questi ultimi corrispondono ai giunti delle teste delle doghe che, a file alternate, si contrappongono distanziate da uno scuretto di10 mm.

Per motivi architettonici la distanza tra questi giunti verticali non è regolare e può variare anche all’interno della stessa parete e, conseguentemente, anche le lunghezze delle doghe non sono regolari. L’abaco delle doghe, con la specifica tipologica, geometrica e dimensionale delle doghe di ogni faccia del cubo 2 è riportato negli elaborati richiamati nel titolo di questo paragrafo. In questi elaborati sono anche specificate, su appositi prospetti, le posizioni dei traversini di fissaggio delle doghe, posizione questa che corrisponde inoltre alla posizione dei traversini strutturali posti tra il tavolato esterno e il Cross Lam (X-Lam).

La posizione delle viti e la loro messa in opera costituisce un dettaglio fondamentale dal punto di vista architettonico. I rivestimenti esterni sono stati prefabbricati a fasce di pannelli. Presso lo stabilimento dello studio “Log Engineering – Log House” di Trento sono stati predisposti i singoli elementi, numerati e marchiati e di misura variabile fino a24 mdi lunghezza e2 mdi altezza, che sono stati poi posati, con connessioni a scomparsa, sulla struttura precedentemente approntata in cantiere a L’Aquila.

La lunghezza delle doghe varia in rapporto alle differenti facciate dell’edificio e il loro spessore varia a seconda che esse siano nella porzioni centrali delle pareti oppure sui lati, in corrispondenza degli spigoli

dell’edificio. Nelle sezioni centrali delle pareti le doghe hanno una sezione rettangolare 80 x40 mm. Nelle sezioni corrispondenti alle estremità delle doghe verso il bordo delle pareti, lo spessore delle doghe è aumentato con l’applicazione di una tavola aggiuntiva lunga300 mm. e dello spessore di20 mm. fino raggiungere una sezione rettangolare 80 x60 mm. Tutti gli spigoli delle doghe sono smussati con bisellatura dai 3 ai5 mm.

Il trattamento protettivo e cromatico delle doghe

Le doghe in legno di larice sono messe in opera dopo essere state sottoposte ai seguenti trattamenti:

termotrattamento stabilizzante ad alta temperatura eseguito in appositi forni; spazzolatura delle superfici; impregnazione delle superfici eseguita con soluzione alcalina composta di acqua, soda caustica, cemento e calce, additivata con pigmenti naturali, con prodotto Carver Linea Bianca; successiva impregnazione con olio a base naturale per applicazioni su legno da esterno con prodotto tipo Carver Exterol Bianco;

La colorazione delle doghe, con pigmenti minerali stabili agli agenti atmosferici da additivare alla soluzione alcalina e all’olio, è stata eseguita a Trento con 21 differenti colori selezionati dalla Direzione Lavori e dalla Direzione Artistica per ottenere sulle facciate un effetto policromo.

Note strutturali per l’Auditorium

La struttura di forma cubica della sala principale è costituita da un reticolo di travi in legno d’abete lamellare – spessore 200 x720 mm. controventate su entrambi i lati con pannelli X-Lam di abete da 95mm a 3 strati. Le strutture sono state prefabbricate nello stabilimento Log Engineering – Log House a Trento, in modo da permettere un montaggio a fasce orizzontali e garantendo così precisione e velocità di posa.

Gli elementi prefabbricati sono collegati tra loro con giunzioni metalliche chiodate, per renderle perfettamente collaboranti, mentre i pannelli in X-Lam posti sulla superficie esterna, anch’essi integralmente prefabbricati, sono stati posizionati in cantiere per permettere l’installazione degli impianti, di cui è garantita l’ispezionabilità. La struttura, così composta, garantisce una resistenza al fuoco R60.

All’interno della sala centrale, sono stati posizionati in cantiere i pannelli collaboranti di rivestimento. Questi pannelli, prefabbricati in X-Lam, sono stati trattati con apposita finitura ignifuga in tinta rossa e sono caratterizzati da fresature con funzione acustica realizzate secondo il progetto predisposto dai professionisti dello studio Mőller.

La suddetta struttura lignea primaria è appoggiata ad una soletta in cemento armato di forma rettangolare con spessore di100 cm., appoggiata a sua volta su sedici pilastri in cemento armato disposti sul perimetro e dotati, sulla sommità, di isolatori elastomerici. L’estradosso della soletta è a quota – 1,31 rispetto alla pavimentazione esterna; il perimetro dista dal muro contro terra80 cm.

Articoli correlati
Premio Apulia 2012
Il 18 settembre 2012, presso l’ex Palazzo delle Poste di Piazza Cesare Battisti a Bari, si terrà la ...
Living Architectures. Rem Koolhaas, Richard Meier, Frank Gehry, Renzo Piano, Herzog & De Meuron:...
LIVING ARCHITECTURES MARATHON è il tour che dal 27 giugno al 20 settembre 2013 presenterà al pubblic...
SAIE RINASCE DAI 50 ANNI CON UNA EDIZIONE DA RECORD
VISITATORI CRESCIUTI DEL 18% E TRIPLICATI I VISITATORI ESTERI. 9.000 PROFESSIONISTI AI CORSI DI FORM...
COSTRUIRE. BIENNALE INTERNAZIONALE DELL'EDILIZIA
I materiali, le tecnologie, l’eccellenza del costruire: il mondo dell’edilizia internazionale si dà ...
A MADE expo 2015 IL FORUM INVOLUCRO E SERRAMENTI: PROVE, DIMOSTRAZIONI E CULTURA
All’interno della Fiera milanese dell’Architettura e dell’Edilizia e del Salone MADE Involucro Serra...
CONTROLLI, MONITORAGGIO E TECNICHE INNOVATIVE DI PROTEZIONE SISMICA DELLE STRUTTURE
Venerdì 19 Giugno 2015 presso il Salone ex Convitto Sales - Via Vito Carvini a Erice (Trapani) si te...
Torino capitale mondiale della fisica dell’edificio per la 6th INTERNATIONAL CONFERENCE ON BUILDING ...
15-17 giugno 2015, Politecnico di Torino. Torino, 11 giugno 2015 – Sono oltre 600 i delegati proven...
AMBIENTE, CITTÀ E TERRITORIO, DIALOGHI SULLA SOSTENIBILITÀ - ROMA 2016
Gli atenei riuniti nel Comitato regionale di coordinamento delle Università del Lazio (Crul) hanno p...
La città sommersa: Venezia rinasce dalle sue fondazioni
Venezia si regge su un complicato e delicato equilibrio tra acqua, terra e legno. Un programma di ri...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.