Appello a Zingaretti da Ance Lazio

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Petrucci: “Dopo l’apertura dell’Unione Europea, la Regione si attivi per pagare rapidamente le imprese per i lavori eseguiti

Roma 20 marzo 2013 – “Ora si faccia presto. L’apertura della Commissione europea sulla possibilità di escludere dal Patto di stabilità interno i debiti accumulati dalle pubbliche amministrazioni nei confronti delle imprese deve diventare un’opportunità concreta per sanare una situazione insostenibile, procedendo rapidamente alla liquidazione di gran parte dei 600 milioni di euro che la Regione Lazio, direttamente o attraverso le sue società collegate, e le amministrazioni locali devono al sistema imprenditoriale delle costruzioni.” Questo il commento e l’appello lanciato dal Presidente di Ance Lazio Stefano Petrucci al Presidente della Regione Nicola Zingaretti.

L’imminente insediamento del nuovo Governo regionale costituisce un’occasione imperdibile per valutare da subito la capacità del nuovo esecutivo di intervenire con un provvedimento straordinario, oggi possibile, per sbloccare migliaia di pagamenti. Così facendo si  immetteranno risorse preziose in un settore strategico per l’economia regionale, consentendo alle imprese di restare sul mercato, salvaguardando l’occupazione.”

Per il Presidente di Ance Lazioil ruolo della Regione è fondamentale sia per l’incidenza rilevante dei debiti diretti da sanare, sia per la funzione di esempio e di indirizzo nei confronti delle amministrazioni locali.”

Del resto – ha concluso Petruccila venuta meno dell’alibi del Patto di stabilità costituisce il primo passo per ripristinare una situazione di diritto, rispettando i contratti e restituendo allo Stato e agli Enti locali una credibilità oggi perduta. La decisione dei vertici della Commissione europea riconosce quanto da tempo affermato e sostenuto dal sistema di rappresentanza imprenditoriale e dall’Ance in particolare dell’infondatezza e dell’errore sostanziale di non voler escludere il debiti del sistema pubblico dal Patto di stabilità. In questo modo si è tra l’altro contribuito ad aggravare uno stato di crisi del mercato delle costruzioni con effetti drammatici per l’intera economia del Lazio. Oggi è possibile rimediare, sperando che non sia troppo tardi.”

Ufficio Stampa
Strategie & Comunicazione
– Roma

Articoli correlati
COME E PERCHE’ RIQUALIFICARE L’ESISTENTE?
Il 17 maggio a Bologna un nuovo evento Aghape dedicato alla riqualificazione energetica dell’esisten...
Strutture Prefabbricate Assobeton: come progettare in conformità alle nuove normative
 Il 25 maggio 2012  a Parma si terrà il primo di tre appuntamenti in cui saranno analizzati i princi...
Documentaria
Dal 20 al 30 novembre si svolgerà a Bari DOCUMENTARIA, un ciclo di seminari e workshop sulla fotogra...
Confindustria ceramica ospita Riccardo Dalisi
Sabato 7 dicembre 2013 alle ore 17,00, si terrà, presso l’Auditorium di Confindustria Ceramica in Vi...
La ceramica italiana a Mosbuild 2014
Sono 40 le aziende ed i marchi della ceramica italiana che - nella sezione Cersanex dedicata a cer...
Schüco PVC partner dell’Earth Day 2014, la Giornata mondiale della Terra
Design, tecnologia e rispetto per l’ambiente: i valori di Schüco PVC, l’infisso che ama la natura. ...
CER_SEA Italian Style Beach Concept
Cersaie, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno racconta le s...
Ripartizione del calore, chi la conosce alzi la mano
Lo abbiamo chiesto direttamente agli amministratori di condominio, il 90% degli intervistati dichiar...
Dal 26 al 29 novembre a Oval-Lingotto Fiere di Torino La XXVIII edizione di ​Restructura: le novità...
Torna a Oval-Lingotto Fiere di Torino, dal 26 al 29 novembre, Restructura, l’unica manifestazione it...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.