COSTRUZIONI: CACCIARI “IL PAESE E’ BLOCCATO”

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

L’Ex sindaco di Venezia:“Servono infrastrutture collegate tra loro.

Incredibile che il nostro sistema ferroviario di fatto si fermi a Roma”

Roma,  febbraio 2013 – “Siamo di fronte ad una burocratizzazione metastatica. La situazione generale del Paese favorisce l’immobilismo o in alternativa la speculazione basata su interessi particolari che non vanno a vantaggio della città o dei cittadini. Molta responsabilità va attribuita a una macchina amministrativa burocratica, molto potente e con comportamenti deliranti. Il risultato è un Paese bloccato. Non è possibile trasformare e migliorare, soprattutto è veramente difficile poter attirare investimenti nell’edilizia. A monte di tutto vi sono la selva legislativa e la giungla amministrativa”.

Lo ha dichiarato il filosofo, già sindaco di Venezia, Massimo Cacciari in un’intervista a ESTmagazine.it,  il nuovo portale di informazione dell’Ance Veneto on line dal 14 febbraio. Quello che manca secondo Cacciari sono in primis gli investimenti in infrastrutture. “Ci vogliono le strade e le ferrovie, i porti e gli aeroporti, collegati tra loro. Appare incredibile che il nostro sistema ferroviario di fatto si fermi a Roma, che per scendere più a Sud il viaggio si debba trasformare in un ritorno al passato, quando non in un inferno, soprattutto d’estate”. L’analisi dell’ex sindaco, andando in profondità, tocca aspetti brucianti che sono alla base della crisi economica e politica: “E’ come se esistessero contemporaneamente due piani paralleli, quello delle amministrazioni che operano seguendo logiche proprie, separate e quasi sempre estranee alle esigenze produttive e dell’economia privata e quest’ultima fatta di imprese che non riescono ad ottenere permessi, autorizzazioni e vivono nell’impossibilità di svolgere la loro attività”.

E’ con un approccio integrato, per Cacciari, che è possibile smuovere il Paese e le città dall’immobilismo: “Non c’è nessuna scienza, non ci sono regole prescritte, cambiare in meglio le città è un’arte, che dipende da una molteplicità di fattori e dalla personalità e dalle relazioni che si determinano tra i singoli soggetti chiamati a collaborare. Dall’incontro tra le amministrazioni locali, le sovrintendenze e la proprietà o l’imprenditoria privata possono scaturire – e spesso succede – delle vere porcate, ma anche come è avvenuto  a Venezia delle cose ben fatte”. Il tema della riqualificazione urbana e quello della qualità della vita in una città, sono due aspetti connessi: “A Venezia si sono realizzati tra nuove costruzioni e riqualificazioni radicali oltre 400 edifici. Per Venezia 400 interventi di non sono pochi e sono la dimostrazione che intervenire è possibile e porta nuovo valore e migliora la qualità della città e della vita della popolazione”, ha concluso Cacciari.

Titty Santoriello, giornalista – Strategie & Comunicazione Srl – Ufficio stampa / via P. Carnabuci, 27 – 00139 Roma

Articoli correlati
ECOQUARTIERI IN ITALIA: UN PATTO PER LA RIGENERAZIONE URBANA Rigenerazione sostenibile delle città e...
Audis, GBC Italia e Legambiente presentano il 6 giugno a Milano presso la sala Consiglio di Assimpre...
Esame di Stato V.O. Il nuovo successo del Movimento DPR328
Transitorio 2011. Un meccanismo a due tempi Pubblicato il D.P.C.M. che estende il transitorio fino...
Archivio Fotografico Fotogramma
A Bari corsi di fotografia ed elaborazione dell’immagine Scuola di fotografia FOTOGRAMMA dell'Arc...
TAV Bologna - Milano. Fotografia, ricerca e territorio
John Gossage, Dominique Auerbacher, William Guerrieri, Guido Guidi, Walter Niedermayr, Vittore Fossa...
Il palazzo Barone Ferrara
In occasione delle XXI giornate FAI di primavera, sarà aperto al pubblico uno storico edificio sul c...
Il nuovo rifugio "Rabothytta" dà un caldo benvenuto agli escursionisti della Norvegia
Il rifugio per escursionisti 'Rabothytta' è situato al 66° parallelo nord, 1200 metri sul livello de...
Restituire valore al progetto: su Civiltà di Cantiere numero 3 un’intervista a Leopoldo Freyrie.
Finita la fase delle grandi opere firmate da archistar, è venuto il momento che il settore delle cos...
AL 50° MARMOMACC LA PIETRA NATURALE PARLA TUTTE LE LINGUE DEL MONDO
Al via domani il più importante salone dedicato al business e alla cultura del marmo. Internazionali...
MIGRANT GARDEN UNTOUCHABLE LANDSCAPES with the new bird nest by Bernard Khoury
Dopo l’inaugurazione ufficiale a Piacenza, presso il Polo territoriale del Politecnico di Milano, SP...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.