La città senza filtro, una conversazione con Antonio Labalestra

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Sabato 13 aprile 2013 alle 19,00, presso la Galleria Spazio Giovani in via Venezia 41 a Bari, l’architetto Antonio Labalestra terrà una conversazione dal titolo,  MURAT senza filtro. 1813-2013 duecento anni di architettura al centro di Bari, nell’ambito della cerimiona di premiazione dell’evento, Fotografare la città. Le trasformazioni del quartiere Murat, un percorso tra arte e storia, che ha visto l’inaugurazione di una mostra fotografica a conclusione di una serie di itinerari condotti nel quartiere volti a promuovere la conoscenza della città.

Si ripercorreranno i principali aspetti storici e le modificazioni progressivamente intervenute nel tessuto urbano del quartiere, a partire dall’anno di fondazione del Borgo avvenuta nel 1813, nonché i rapporti tra tipologia edilizia e morfologia urbana.

L’intento è di proporre una visione altra rispetto alle interpretazioni precostituite e preconcette che nel tempo si sono consolidate. Uno sguardo senza i filtri rispetto l’immagine costituitasi nell’immaginario collettivo del quadrilatero murattiano che si estende da corso Vittorio Emanuele fino via Quintino Sella, da corso Cavour fino alla Stazione Ferroviaria. La conversazione sarà accompagnata da immagini della mostra, unitamente a fotografie inedite, nell’ottica di provare a raccontare il continuo rinnovamento del quartiere avviato a partire dagli anni Cinquanta e mai definitivamente conclusosi, in relazione alla dimensione originaria del luogo. Una evoluzione che appare oggi senza soluzione di continuità tra tessuto ottocentesco ed edilizia del primo Novecento, tra liberty e Movimento Moderno.

Una narrazione che riprende il percorso proposto dalla curatrice Caterina Rinaldo tra  “le corti silenziose dei palazzi signorili, simili a quinte di teatro, su cui si aprono lucernai dimenticati tra il nuovo che avanza e il vecchio che resiste; come le ardite sperimentazioni di Vittorio Chiaia o le raffinate architetture di Vito Sangirardi; di come l’esuberante eclettismo di Ettore Bernich o le lunghe prospettive che si aprono verso la città moderna, ricordino l’ambizione che accompagnò, nel 1813, la nascita del nuovo quartiere e le decisioni che, a partire dal 1955, ne decretarono l’inizio della distruzione.”

Antonio Labalestra nasce a Torino. Si laurea in Architettura con una tesi in Storia dell’Architettura e teoria della Progettazione con il prof. Pippo Ciorra, il prof. Francesco Moschini e il prof. Franco Purini. Dal 2000 svolge attività didattica nei Corsi di Storia dell’Architettura e di Storia dell’Arte Contemporanea presso il Politecnico di Bari. Mentre cerca una costruzione autonoma e trasversale dei propri riferimenti culturali in maniera quasi situazionista, cede alla tentazione di conseguire istituzionalmente il Master Europeo di secondo livello in Storia dell’Architettura presso l’Università degli Studi di Roma Tre e il Perfezionamento in filosofie teoretiche ed estetiche del Novecento presso i dipartimenti di Lingue e Letterature Romanze e Mediterranee e di Italianistica dell’Università Degli Studi di Bari. Dal 2004 collabora con l’Archivio disegni del Fondo Francesco Moschini Archivio A. A. M. Architettura Arte Moderna per le Arti, le Scienze e l’Architettura avendo l’opportunità di guardare, da un osservatorio privilegiato, una serie di mostre dedicate all’architettura e alle arti ed autori del ‘900. Ha organizzato, coordinato e curato seminari, cicli di lezioni, rassegne cinematografiche, mostre ed eventi espositivi in Italia ed all’estero. All’attività didattica e divulgativa esercitata attraverso interventi ed incontri pubblici, giornate di studio e convegni, associa un’intensa attività editoriale attraverso la pubblicazione di libri, e con interventi su riviste e media specializzati. È autore di saggi, articoli e recensioni dedicati principalmente al rapporto tra arte e architettura e tra storia, teoria e progetto, con pubblicazioni autonome e su riviste italiane di settore, tra queste: “XY dimensioni del disegno”, “Segno”, “L’Industria delle Costruzioni”, “Paesaggio Urbano”, “Disegnare idee immagini” e “Progetti”.

Al termine della comunicazione, durante la cerimonia di chiusura dell’evento, saranno premiati i lavori giudicati più interessanti tra i partecipanti alla mostra “Fotografare la città, raccontare la città. Le trasformazioni del quartiere Murat, un percorso tra arte e storia” a cura dell’associazione Camera 231.

Articoli correlati
Recupero della bellezza e crescita felice. Grottaglie città virtuosa
L’idea di far sviluppare una capacità del territorio “tutto” in modo che l’invisibile possa diventar...
Incontro sull'architettura penitenziaria
Il gruppo Amnesty International Palagiano propone un incontro-dibattito dal titolo,  Architettura P...
Guido Guidi. Carlo Scarpa. Tomba Brion.
Il Museo Casa Giorgione presenta una mostra dedicata a Guido Guidi, a Carlo Scarpa e alla Tomba Brio...
Al via la seconda edizione del progetto Ceramic Futures
From poetry to science fiction, il progetto social sulla ceramica È iniziata in questi giorni la se...
COSTRUIRE. BIENNALE INTERNAZIONALE DELL'EDILIZIA
I materiali, le tecnologie, l’eccellenza del costruire: il mondo dell’edilizia internazionale si dà ...
Tavola rotonda: la new economy dell'immobiliare
La sfida decennale per la ripresa economica, il recupero edilizio e la tutela ambientale. &nb...
PATTO CITTA’ CAMPAGNA: TRA RIGENERAZIONI URBANE E TERRITORIO
Lunedì 16 Novembre 2015, ore 15,00, a Bitonto presso l’Istituto Femminile Maria Cristina di Savoia, ...
Bari e il progetto del waterfront
Sea and the City Bari e il progetto del waterfront Step 3, seminario di studio dedicato alla c...
Il complesso fortificato di Balsignano
Il FAI Giovani Bari organizza venerdì 30 giugno 2017, a partire dalle ore 18,00, una visita guidata ...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.