Una mostra per raccontare la città

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Lunedì 8 aprile 2013 alle 19,30, presso la Galleria Spazio Giovani in via Venezia 41 a Bari, si inaugura la mostra, Fotografare la città, raccontare la città. Le trasformazioni del quartiere Murat, un percorso tra arte e storia a cura dell’associazione Camera 231.

In occasione del bicentenario della fondazione del quartiere Murat della città di Bari, l’associazione Camera 231 in collaborazione con l’associazione Il Murattiano, ha proposto un incontro volto a promuovere la conoscenza della città moderna attraverso il mezzo fotografico per riscoprire elementi e aspetti dimenticati o per rivelarne di nuovi. I partecipanti sono stati invitati a fotografare il quartiere Murat di Bari e le trasformazioni in esso avvenute, secondo una visione personale e conoscitiva.

L’evento è consistito in un percorso guidato, volto a illustrare i principali aspetti storici e le modificazioni progressivamente intervenute nel tessuto urbano, aperto a fotografi che volessero provare a raccontare la città e le caratteristiche di crescita, a partire dall’anno di fondazione del Borgo avvenuta nel 1813.

 

L’area interessata ha riguardato il quadrilatero murattiano che si estende da corso Vittorio Emanuele fino via Quintino Sella, da corso Cavour fino alla Stazione Ferroviaria.

 

L’invito a partecipare è stato esteso a tutti, esperti o principianti, alle prese con il difficile compito di documentare una  città perennemente sospesa in una dimensione oscillante tra classico e moderno, tra recupero e innovazione, tra spazio pubblico e privato. Le tematiche che le immagini svelano sono molto differenti nonostante l’opera di distruzione del quartiere, avviata durante gli anni Cinquanta e mai definitivamente conclusasi, abbia contribuito a cancellarne silenziosamente la memoria.

Esse costringono ad un continuo salto temporale tra tessuto ottocentesco ed edilizia del primo Novecento, tra tardo-liberty e Movimento Moderno; come le corti silenziose dei palazzi signorili, simili a quinte di teatro, su cui si aprono lucernai dimenticati tra il nuovo che avanza e il vecchio che resiste; come le ardite sperimentazioni di Vittorio Chiaia o le raffinate architetture di Vito Sangirardi; come l’esuberante eclettismo di Ettore Bernich o le lunghe prospettive che si aprono verso la città moderna, ricordando l’ambizione che accompagnò, nel 1813, la nascita del nuovo quartiere e le decisioni che, a partire dal 1955, ne decretarono l’inizio della distruzione.

 

Ottanta le fotografie in esposizione, quarantuno i fotografi partecipanti, Danilo Abrescia, Salvatore Balice, Giorgia Barbieri, Francesco Bellafronte, Tiziana Bellanova, Vito Bellino, Dario Birardi, Enrica Birardi, Stefania Bux, Roberta Cascione, Giovanni Chiaia, Carla Corvasce, Antonella Deiana, Alessia D’Addabbo, Roberta Erriquez, Angela Fragassi, Maria Luisa Franza, Rossella Friggione, Annarita Fucilli, Domenico Gissi, Tiziana Giudice, Donato Grieco, Liliana Messina, Maurizio Mercante, Donato Minuto, Marco Mudoni, Angela Pacucci, Nicola Patino, Teresa Pensa, Cristina Pierno, Mariangela Ranieri, Simona Sabato, Michele Salomone, Stefano Sansone, Nancy Signorile, Margherita Stufano, Sara Tomasicchio, Gianluca Traversa, Roberta Trevisi, Anna Uva, Marco Villasmunta.

Sabato 13 aprile, ore 19, i tre lavori giudicati più interessanti saranno premiati nell’ambito della cerimonia di chiusura dell’evento. Un quarto premio sarà assegnato a seguito di votazione popolare.

La mostra sarà aperta tutti i giorni dalle 17 alle 20.

http://fotografarelacitta.wordpress.com

© Caterina Rinaldo 2013 – riproduzione vietata

Articoli correlati
Il degrado del cemento
Il danneggiamento delle opere cementizie rappresenta un inevitabile evento proprio della vita stessa...
HEINZ MACK: THE SKY OVER NINE COLUMNS
Il 3 giugno 2014 sull’Isola di San Giorgio Maggiore sarà svelata l’installazione dell’artista tedesc...
Le terrain vague
LE TERRAIN VAGUE  La fotografia interpreta il territorio a cura di Francesco Selicato....
Heinz Mack, The Sky Over Nine Columns
L’installazione di Heinz Mack sarà svelata ufficialmente al pubblico martedì 3 giugno 2014. Interver...
LA PICCOLA PORZIUNCOLA E LA MAESTOSA BASILICA
Il pensiero di Paolo VI tra Angela da Foligno e Yves Congar Nel Libro di Angela da Foligno la p...
UNCONVENTIONAL AT_TRACTIONS
SCULTURE IN METALLO DI  DANIELE DELL’ ANGELO CUSTODE GX GALLERY ,  28 Ago 2014 - 19 Sett 2014, 43...
XXI Triennale International Exhibition 21st Century. Design After Design
Sabato 15 novembre 2014 l'incontro pubblico. Interventi di Andrea Branzi, Luisa Collina, Kenya Hara,...
I giunti nelle strutture in acciaio: considerazioni sulla classificazione dei collegamenti
Nell’ambito delle opere in carpenteria metallica, un collegamento può essere definito come un insiem...
DA TORINO 2006 A PECHINO 2022: ARCHITETTURE PER I GIOCHI OLIMPICI
Politecnico di Torino e Tsinghua University di Pechino mettono a disposizione competenze tecniche e ...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.