L’antitesi dello spazio

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

CARCERI D’INVENZIONE
Incontro presso

LA CASA CIRCONDARIALE DI BARI

L’ANTITESI DELLO SPAZIO

Saluti del Magnifico Rettore del Politecnico di Bari Nicola Costantino e del Direttore della Casa Circondariale di Bari Lidia De Leonardis.
Introduce e coordina Antonio Labalestra.

Interverranno Prof. Antonella Calderazzi, Ing. Gabriella Massari.
Casa circondariale di Bari – Corso Alcide de Gasperi, 307 – Venerdì 31 Maggio 2013 – ore 9.30.

Durante l’incontro presso la Casa Circondariale di Bari saranno presentati i risultati delle ricerche sugli spazi della detenzione svolti presso il Politecnico di Bari a partire dal a.a. 2011. Nel corso della comunicazione verranno presentati i lavori progettuali svolti dagli studenti del Politecnico di Bari a partire da una serie di letture e interpretazioni date degli spazi del penitenziario di Bari con il coinvolgimento dei detenuti e della direzione dell’istituto. L’incontro rientra nel programma scientifico e culturale del progetto di ricerca Carceri d’Invenzione ricostruendo vicende storiche, sociali e artistiche degli spazi della detenzione intesi come antitesi dello spazio architettonico.

CARCERI D’INVENZIONE è un progetto di ricerca volontario avviato nel 2011 dedicato all’architettura penitenziaria che nasce al fine di promuovere indagini e studi sugli “spazi della detenzione” incoraggiando un approccio democratico e più civile ma, soprattutto, più responsabile verso la progettazione delle carceri. Il progetto, incentrato sul rispetto dei diritti umani dei detenuti, si propone come stimolo per un approccio innovativo all’architettura penitenziaria con l’obiettivo di creare un sistema tra saperi differenti capaci di stimolare relazioni e corrispondenze tra vari ambiti disciplinari e favorirne la collaborazione.

Non accade comunemente ad un progettista di imbattersi in un’area di ricerca che si spinga ideologicamente sino alla nozione di misura privativa della libertà, rendendo necessarie considerazioni sistemiche su aspetti etico – morali complessi. Per questa ragione, è stato necessario, non solo definire un metodo di analisi sperimentale nella definizione della tipologia carceraria, finora poco indagata dalla critica e dalla storia dell’architettura, ma prima ancora costruire solide basi concettuali che restituissero un’elaborazione organica del tema e sdradicassero l’oggetto architettonico dalla sua ambientazione distopica al fine di ri-semantizzare i materiali di progetto e stimolare impulsi per le successive fasi di ricerca.

Nell’ambito del progetto sono state elaborate alcune tesi di laurea presso il Politecnico di Bari e la Facoltà di Architettura di Alghero, coordinati laboratori progettuali all’interno del corso di Storia dell’Architettura Contemporanea tenuto dal prof. Francesco Moschini presso il Politecnico di Bari e, grazie alla collaborazione con la casa circondariale di Bari, è stato possibile sperimentare un approccio partecipativo incontrando i detenuti e somministrando loro dei questionari.

Coordinamento scientifico e culturale di Antonio Labalestra.
A cura di Antonio Labalestra e Gabriella Massari, con la collaborazione della casa circondariale di Bari e del
Politecnico di Bari

INFO: e-mail carceridinvenzione(AT)hotmail.com
pagina CARCERI D’INVENZIONE

Articoli correlati
LE FORME DEL CEMENTO - DINAMICITA’
  LE FORME DEL CEMENTO - PLASTICITA' A cura di Carmen Andriani Gangemi Editore, Ro...
Carceri a misura d’uomo. Da edilizia penitenziaria ad architettura penitenziaria, un nuovo modello d...
Un interessante progetto di ricerca di Antonio Labalestra e Annarita Digiorgio dedicato al tema dell...
Conservare il futuro Il pensiero della sostenibilità in architettura
Il tema della sostenibilità ambientale è quanto mai attuale. La terra non ci appartiene - dice Ruski...
Singularis in singulis. Duodecim columnae vitinae e marmore nella basilica di San Pietro in Vaticano
All’interno della basilica pietrana a Roma sono oggi conservate, come in un prezioso scrigno, undici...
La persistenza della memoria
Azione Universitaria Politecnico organizza un incontro con l'architetto Antonio Labalestra dal tema,...
Con l’olografia digitale possibile vedere attraverso fumo e fiamme
Una nuova tecnica sviluppata dai ricercatori dell’Istituto nazionale di ottica del Cnr consente per ...
Sognatore di opera grave. Tra leggerezza della pietra e gravità del pensiero
Presentazione del volume di Antonio Labalestra, “Singularis in singulis. Duodecim columnae vitinae e...
WikiHouse, la casa a due piani con tecnologia open source
Edilizia sostenibile combinata a tecnologie open source. I disegni del progetto, scaricabili da inte...
Piazza Castello a Milano: uno spazio pubblico condiviso
In mostra alla Triennale di Milano i progetti per la riqualificazione della storica area Milanese. P...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.