Rischio idrogeologico: Emilia Romagna regione più in pericolo

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Vicepresidente Ance Emilia Romagna: “Abbiamo il maggior numero di capannoni esposti a rischio naturale”

10/05/2013 – L’Emilia Romagna risulta essere la regione con la più elevata criticità idrogeologica per il rischio di frane e alluvioni. Un rischio che riguarda quasi il 20% della superficie totale e 307 comuni dove abitano oltre 800mila persone o oltre 370mila famiglie.

I dati sono stati divulgati questa mattina dal vicepresidente di Ance Emilia Romagna Giovanni Torri al convegno “La dimensione territoriale del partenariato pubblico privato” che si sta tenendo a Bologna presso la sede della Regione Emilia Romagna. “La nostra è anche una regione ad elevata concentrazione produttiva”, spiega Torri e “il risultato è che in Emilia Romagna abbiamo il maggior numero di capannoni esposti a rischio naturale, dal momento che ben 7.941 strutture si trovano nelle aree ad elevato rischio idrogeologico. Come abbiamo purtroppo visto in occasione del terremoto dell’anno scorso – aggiunge – farci trovare impreparati di fronte ad eventi naturali catastrofici può mettere a rischio la nostra stessa sopravvivenza economica.

Torri ricorda anche che il Ministero dell’Ambiente ha di recente sottolineato l’urgenza di un piano nazionale per la sicurezza e la manutenzione del territorio, quantificando gli investimenti necessari in 1,2 miliardi di euro all’anno per 20 anni. Oltre il doppio di quanto è stato speso mediamente nell’ultimo decennio. “Per mettere in atto gli interventi previsti dai piani regionali per l’assetto idrogeologico sarebbero, inoltre, necessari – chiarisce Torri – 40 miliardi di euro. Di questi il 68% al Centro-Nord. Viceversa gli stanziamenti per il ministero dell’Ambiente, finalizzati alla tutela del territorio, sono diminuiti del 91% negli ultimi 5anni. Dei 2 miliardi di euro stanziati tre anni fa dal Cipe per la riduzione del rischio idrogeologico sono stati impegnati meno del 10% dei fondi”.

Un altro dato negativo evidenziato dal vicepresidente riguarda i bandi di gara per lavori di sistemazione e prevenzione del dissesto idrogeologico che negli ultimi 10 anni (2002-2012) rappresentano, rispetto all’intero mercato delle opere pubbliche, solo il 5% per numero di interventi e il 2% per importi di gara.

Titty Santoriello, giornalista – Strategie & Comunicazione Srl

 

Articoli correlati
Strutture Prefabbricate Assobeton: come progettare in conformità alle nuove normative
 Il 25 maggio 2012  a Parma si terrà il primo di tre appuntamenti in cui saranno analizzati i princi...
NUOVA EDIZIONE DEL PREMIO APULIA PER OPERE DI ARCHITETTURA CONTEMPORANEA O DI URBANISTICA
Anche per l’anno 2012 è bandito il Premio Apulia, istituito dalla LR 14/2008 e articolato in due sez...
NUOVO CONTO ENERGIA TERMICO
focus sui nuovi incentivi con il Ministero dello Sviluppo Economico All’indomani dell’entrata in v...
Etruscanning 3D ai Musei Vaticani
Inaugurata presso il complesso museale romano l'installazione interattiva che consente ai visitatori...
ISTITUTO VENETO DI SCIENZE LETTERE ED ARTI
Glass in Venice si arricchisce di un nuovo premio grazie all’accordo tra l’Istituto Veneto di Scie...
CONVEGNO NAZIONALE AUDIS PER IL FUTURO DELLE CITTA’ ITALIANE
Un’occasione per fare il punto sulla rigenerazione urbana in Italia: strumenti, obiettivi e prospett...
Icone del Design Italiano
Triennale Design Museum presenta negli spazi del CreativeSet un nucleo di icone dalla Collezione Per...
92 TWh di energia risparmiata e 7.400 milioni di giro d’affari stimato. Ecco il potenziale beneficio...
Se ne è parlato ieri a Milano durante la prima tappa del Comfort Technology Roadshow di MCE – Mostra...
Strutture di recupero industriale divengono moderni edifici adibiti al self-storage
Milano, 24 agosto 2015 – C’è una struttura particolarmente peculiare nel contesto urbano: quella del...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.