Base isolation: dalle origini ai giorni nostri

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

L’isolamento sismico è una tecnica di protezione che riduce l’azione sismica sugli edifici durante i terremoti che ha oramai dimostrato la propria efficienza e competitività economica, rispetto alle consuete modalità di costruzioni antisismiche di ponti ed edifici, ed anche nella protezione del patrimonio culturale.
Quando l’azione sismica arriva alla struttura, questa, in un modo o nell’altro, cerca di fronteggiarla. La soluzione sembra semplice: non fare arrivare il sisma alla struttura o comunque farne arrivare solo una parte. Quando l’azione sismica arriva alla struttura, questa, in un modo o nell’altro, cerca di fronteggiarla. La soluzione sembra semplice: non fare arrivare il sisma alla struttura o comunque farne arrivare solo una parte. Il concetto base dell’isolamento sismico è quello di ridurre gli effetti della componente orizzontale dell’accelerazione del terreno, interponendo elementi strutturali a bassa rigidezza orizzontale tra l’edificio e la sua fondazione, disaccoppiando, di fatto, il moto della struttura da quello del terreno. Se la sovrastruttura è sufficientemente rigida, è il primo modo di vibrare quello che passa e gli spostamenti e le deformazioni sono concentrate al solo sistema di isolamento, mentre i modi superiori, che producono le deformazioni nelle strutture, in quanto ortogonali al primo, ed al movimento del terreno, in questo caso, non partecipano nel moto della struttura se non in maniera estremamente limitata, e pertanto se il sisma possiede un elevato contenuto energetico alle alte frequenze, questa energia non viene trasmessa all’edificio.
Questo diverso modo di pensare e di progettare, apparso da poco sulla scena della moderna ingegneria sismica, ha origini molto antiche.

LEGGI LA MONOGRAFIA COMPLETA IN PDF >>>> DOWNLOAD

AUTORI: Fausto GIOVANNARDI e Adriana GUISASOLA

Articoli correlati
GRATTACIELI: UN NUOVO RECORD DOPO IL BURJ KHALIFA
di ing. Mario Mancini  Soltanto un anno fa scrissi l’articolo sull’allora grattacielo dei record: i...
Riuso, restauro sostenibile, conservazione "intelligente" del patrimonio immobiliare del N...
NAPOLI 30 maggio, ore 14.00-18.00 Expo Napoli Palazzo dei Congressi Molo Angioino Staz. Mari...
ACQUA E CIBO, ENERGIA E TRASPORTI: PIANIFICARE IL FUTURO DEL TERRITORIO CON LA QUALITÀ DEL PAESAGGIO
Convegno organizzato nell'ambito della manifestazione Life2020. L’evento, organizzato dalla Soprinte...
Rivisitazioni a cielo aperto, dieci fotografi per Polignano a Mare
Mostra a cielo aperto di fotografia per la promozione delle risorse territoriali Giovedì 12 luglio ...
Antonio Labalestra. Storie in discreto disordine
“In questo libro, regnano, invece, in discreto disordine, ricordi di luoghi e cose abbandonate, fr...
Smart Cities Challenges: Planning for Smart Cities
Il 10 settembre scade il termine per l’invio degli articoli. La Rivista TeMA, nata nel 2007, è una ...
L’Italia vicina ai 300 progetti certificati LEED
Nuovo rapporto LEED in Motion Italia: US Green Building Council sul sistema di rating di bioedilizia...
ANCE: EDILIZIA, SEGNALI POSITIVI DA CREDITO E OCCUPAZIONE MA LA RIPRESA NON CI SARÀ PRIMA DEL 2016
Il settore delle costruzioni mostra alcuni segnali di risveglio in Veneto, sebbene resti ancora lo...
REbuild 2016 L’industria manifatturiera incontra l’edilizia. Nuove opportunità per l’Italia
La digitalizzazione del processo e la prefabbricazione flessibile supportata dalle nuove tecnologie ...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.