Base isolation: dalle origini ai giorni nostri

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

L’isolamento sismico è una tecnica di protezione che riduce l’azione sismica sugli edifici durante i terremoti che ha oramai dimostrato la propria efficienza e competitività economica, rispetto alle consuete modalità di costruzioni antisismiche di ponti ed edifici, ed anche nella protezione del patrimonio culturale.
Quando l’azione sismica arriva alla struttura, questa, in un modo o nell’altro, cerca di fronteggiarla. La soluzione sembra semplice: non fare arrivare il sisma alla struttura o comunque farne arrivare solo una parte. Quando l’azione sismica arriva alla struttura, questa, in un modo o nell’altro, cerca di fronteggiarla. La soluzione sembra semplice: non fare arrivare il sisma alla struttura o comunque farne arrivare solo una parte. Il concetto base dell’isolamento sismico è quello di ridurre gli effetti della componente orizzontale dell’accelerazione del terreno, interponendo elementi strutturali a bassa rigidezza orizzontale tra l’edificio e la sua fondazione, disaccoppiando, di fatto, il moto della struttura da quello del terreno. Se la sovrastruttura è sufficientemente rigida, è il primo modo di vibrare quello che passa e gli spostamenti e le deformazioni sono concentrate al solo sistema di isolamento, mentre i modi superiori, che producono le deformazioni nelle strutture, in quanto ortogonali al primo, ed al movimento del terreno, in questo caso, non partecipano nel moto della struttura se non in maniera estremamente limitata, e pertanto se il sisma possiede un elevato contenuto energetico alle alte frequenze, questa energia non viene trasmessa all’edificio.
Questo diverso modo di pensare e di progettare, apparso da poco sulla scena della moderna ingegneria sismica, ha origini molto antiche.

LEGGI LA MONOGRAFIA COMPLETA IN PDF >>>> DOWNLOAD

AUTORI: Fausto GIOVANNARDI e Adriana GUISASOLA

Articoli correlati
Esame di Stato V.O. Il nuovo successo del Movimento DPR328
Transitorio 2011. Un meccanismo a due tempi Pubblicato il D.P.C.M. che estende il transitorio fino...
Saverio Dioguardi: Architetture disegnate
A cento anni di distanza dal primo progetto (Monumento per l’Imperatore Alessandro II a Pietroburgo,...
I grandi complessi del Novecento, una risorsa per la rigenerazione urbana. Incontro con Mario Cucine...
Lunedì 12 marzo, alle ore 16, presso l’Aula Magna del Politecnico di Bari, avrà luogo il primo di un...
L'architecture assassinèe
Tutto lo sporco degli anni ’90 con la tecnologia degli anni ’70 Incontro con ANTONIO LABALEST...
Analisi del territorio e perequazione urbanistica
Nella sala convegni di Confindustria Bari l’incontro di approfondimento sulle opportunità della pere...
Assicurazione professionale: le FAQ
Il Centro Studi del Cni ha deciso di aprire una sezione dedicata alle FAQ riguardante il tema dell'a...
LA PICCOLA PORZIUNCOLA E LA MAESTOSA BASILICA
Il pensiero di Paolo VI tra Angela da Foligno e Yves Congar Nel Libro di Angela da Foligno la p...
Cantiere Italia: ristrutturare 1500 abitazioni al giorno per rispettare il piano strategico dell’UE
L’osservatorio Saie fotografa il mercato potenziale e con SAIE SMART HOUSE (BolognaFiere 14 – 17 Ott...
Urbanistica a Bari: prove di partecipazione
Dal suo insediamento avvenuto nel giugno 2015 l’amministrazione comunale di Bari ha fondato buona pa...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.