La sfida della modernità. La lezione di Rafael Moneo

Gli edifici non sono solo oggetti. Sono parte viva di un tessuto urbano che incorpora la città e si fanno incorporare da essa. E’ con questa visione di Rafael Moneo che appare, in tutta la sua interezza, un concetto di modernità che trae linfa dalla storia e dalle evoluzioni della cultura, ma si protende costantemente verso il futuro.

Il grande architetto spagnolo, docente alla Graduate School di Harvard, ha incontrato ieri il pubblico dell’edizione 2013 del Cersaie, il salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno allestito nei padiglioni di BolognaFiere, in occasione una lectio magistralis durante la quale ha illustrato la sua idea di una architettura che non può essere considerata autonoma dal contesto. “Ogni opera – ha detto Moneo – va vista come sostanza di quella che chiamiamo città”. Tutto lo straordinario percorso professionale di Moneo è del resto costellato di ordine, linearità, rigore, di un anelito a una modernità che si ravvisa soprattutto in edifici a cui è affidato il compito di integrarsi con il paesaggio antropizzato e con le altre opere realizzate dall’uomo.

Ne sono dimostrazione progetti famosi, firmati dall’architetto iberico a Toledo, New York, Cartagena, in tempi relativamente recenti, ma anche agli inizi della sua carriera, nel 1961, giovane laureato alla Scuola di Architettura di Madrid. Come il Centro Congressi di Toledo, sviluppato intorno all’idea di un muro che diventa anche un fianco della città, ma anche il Museo del Teatro Romano di Cartagena, con il quale Moneo ha ricucito strade e palazzi e piazze intorno a un antico anfiteatro, quasi colmando vuoti tra chiese e edifici del tardo Ottocento, senza condizionare o trasfigurare il teatro di cui ha mantenuto intatto il valore di documento storico. C’è infine, altra celebre opera, il campus della Columbia University di New York, ennesima prova di coerenza con un concetto di architettura che fa di ampi spazi, con facciate in vetro sulla strada, luoghi che vivono insieme al resto della città.

Moneo, secondo Francesco Dal Co, intervenuto in occasionde della conferenza, è l’architetto che forse più di altri ha saputo tenere la rotta  sulla costante ricerca della contemporaneità. “Quando si perde questa strada – dice Dal Co – si apre un destino tragico”. Ma Moneo, che ha cominciato ad operare nella Spagna franchista, è anche colui che, sempre secondo Dal Co, ha espresso pienamente la capacità del progettista di vivere, “nonostante tutto, nonostante il clima politico e sociale della dittatura, con un inusitata capacità di essere fedele alle necessità dell’architettura, con continui riferimenti alla storia e una struttura culturale che lo rende uno dei più colti architetti contemporanei”.

E’ di Moneo la fabbrica Diestre di Saragozza, opera rigorosa, ma anche di grande impatto. Sua anche la Torres Blanca di Madrid, così come l’ampliamento dell’Art Academy di Cranbrook. Opere che spiazzano i luoghi comuni, le certezze, le idee di infallibilità. “Perché città ed edifici – dice Moneo – devono proiettarsi nello stesso tempo”. E allora ecco palazzi che diventano varchi d’accesso a centri storici, chiese che sono corpi vivi dei quartieri che le circondano. In una sperimentazione costante di semplicità che si tramuta in bellezza.

Articoli correlati

Lauree triennali in Ingegneria: esami di Stato, iscrizione all’Albo professionale, competenze alla l...
Si tenterà di definire alla luce del D.P.R. 328/01, (Modifiche ed integrazioni della disciplina dei ...
Confindustria ceramica ospita Riccardo Dalisi
Sabato 7 dicembre 2013 alle ore 17,00, si terrà, presso l’Auditorium di Confindustria Ceramica in Vi...
Cersaie disegna la tua casa
Al via la terza edizione dell'evento. Partecipano 25 testate di interior design italiane ed una sele...
L'infinita sonorità dell'acustica
Cersaie ospita martedì 23 settembre un convegno con Higini Arau, Saturnino Celani e Lorenzo Palmeri....
I rami smaltati detti veneziani del Rinasci-mento italiano. Geografia artistica, collezionismo, tecn...
L’istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Cini organizza un convegno in collaborazione con il ...
Rifare paesaggi. Quattro architetti propongono la loro idea di città
Quattro architetti e paesaggisti di Lisbona, titolari degli studi più noti a livello internazional...
Urbanistica a Bari: prove di partecipazione
Dal suo insediamento avvenuto nel giugno 2015 l’amministrazione comunale di Bari ha fondato buona pa...
Il linguaggio delle strutture. La scuola italiana di ingegneria
Al Politecnico di Bari la storia dell’ingegneria strutturale in Italia sarà ripercorsa nel corso di ...
SANT’ELIA NEXT GENERATION. LO STADIO DEL FUTURO CHE FONDA LE RADICI SULLA SUA STORIA
J+S e One Works presentano il progetto per il nuovo stadio di Cagliari, tra i tre finalisti nella ga...
Focus Architettura La Bourse de Commerce e Tadao Ando
Palazzo Grassi – Punta della Dogana presenta da martedì 22 maggio uno speciale programma di appuntam...

Share

Leave a Comment