La sfida della modernità. La lezione di Rafael Moneo

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Gli edifici non sono solo oggetti. Sono parte viva di un tessuto urbano che incorpora la città e si fanno incorporare da essa. E’ con questa visione di Rafael Moneo che appare, in tutta la sua interezza, un concetto di modernità che trae linfa dalla storia e dalle evoluzioni della cultura, ma si protende costantemente verso il futuro.

Il grande architetto spagnolo, docente alla Graduate School di Harvard, ha incontrato ieri il pubblico dell’edizione 2013 del Cersaie, il salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno allestito nei padiglioni di BolognaFiere, in occasione una lectio magistralis durante la quale ha illustrato la sua idea di una architettura che non può essere considerata autonoma dal contesto. “Ogni opera – ha detto Moneo – va vista come sostanza di quella che chiamiamo città”. Tutto lo straordinario percorso professionale di Moneo è del resto costellato di ordine, linearità, rigore, di un anelito a una modernità che si ravvisa soprattutto in edifici a cui è affidato il compito di integrarsi con il paesaggio antropizzato e con le altre opere realizzate dall’uomo.

Ne sono dimostrazione progetti famosi, firmati dall’architetto iberico a Toledo, New York, Cartagena, in tempi relativamente recenti, ma anche agli inizi della sua carriera, nel 1961, giovane laureato alla Scuola di Architettura di Madrid. Come il Centro Congressi di Toledo, sviluppato intorno all’idea di un muro che diventa anche un fianco della città, ma anche il Museo del Teatro Romano di Cartagena, con il quale Moneo ha ricucito strade e palazzi e piazze intorno a un antico anfiteatro, quasi colmando vuoti tra chiese e edifici del tardo Ottocento, senza condizionare o trasfigurare il teatro di cui ha mantenuto intatto il valore di documento storico. C’è infine, altra celebre opera, il campus della Columbia University di New York, ennesima prova di coerenza con un concetto di architettura che fa di ampi spazi, con facciate in vetro sulla strada, luoghi che vivono insieme al resto della città.

Moneo, secondo Francesco Dal Co, intervenuto in occasionde della conferenza, è l’architetto che forse più di altri ha saputo tenere la rotta  sulla costante ricerca della contemporaneità. “Quando si perde questa strada – dice Dal Co – si apre un destino tragico”. Ma Moneo, che ha cominciato ad operare nella Spagna franchista, è anche colui che, sempre secondo Dal Co, ha espresso pienamente la capacità del progettista di vivere, “nonostante tutto, nonostante il clima politico e sociale della dittatura, con un inusitata capacità di essere fedele alle necessità dell’architettura, con continui riferimenti alla storia e una struttura culturale che lo rende uno dei più colti architetti contemporanei”.

E’ di Moneo la fabbrica Diestre di Saragozza, opera rigorosa, ma anche di grande impatto. Sua anche la Torres Blanca di Madrid, così come l’ampliamento dell’Art Academy di Cranbrook. Opere che spiazzano i luoghi comuni, le certezze, le idee di infallibilità. “Perché città ed edifici – dice Moneo – devono proiettarsi nello stesso tempo”. E allora ecco palazzi che diventano varchi d’accesso a centri storici, chiese che sono corpi vivi dei quartieri che le circondano. In una sperimentazione costante di semplicità che si tramuta in bellezza.

Articoli correlati
CORSO DI AGGIORNAMENTO PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE AI S...
Il Centro di Formazione ARCHITA, organizza il primo corso di aggiornamento per coordinatori per la s...
Recupero della bellezza e crescita felice. Grottaglie città virtuosa
L’idea di far sviluppare una capacità del territorio “tutto” in modo che l’invisibile possa diventar...
PROGETTARE GREEN: ILLUMINAZIONE E VERDE URBANO
Aghape Ambiente propone due nuovi seminari dedicati a illuminazione eco-compatibile e progettazione ...
XIV Settimana della Cultura - 14/22 aprile 2012
Inizia la XIV Settimana della Cultura, che vedrà l'apertura in tutta Italia di musei e monumenti, ...
Politecnico di Bari, motore scientifico con lo sguardo ad Est
Bari, 24 maggio 2012 – Vocazione internazionale, sguardo all’Europa dell’Est sotto la guida dell’Uni...
NUOVA EDIZIONE DEL PREMIO APULIA PER OPERE DI ARCHITETTURA CONTEMPORANEA O DI URBANISTICA
Anche per l’anno 2012 è bandito il Premio Apulia, istituito dalla LR 14/2008 e articolato in due sez...
Scienza delle costruzioni: il saggio di Alfredo Sollazzo
fonte: Azione Universitaria Politecnico L'Arte del Costruire, nata agli albori della civiltà, si è ...
La Ceramica e il Progetto, al via la terza edizione
Torna il concorso di architettura che premia le migliori realizzazioni in piastrelle di ceramica ita...
Terremoto: aperta la piattaforma per l'iscrizione all'elenco speciale professionisti
Il commissario per la ricostruzione, Vasco Errani, ha emanato un avviso con il quale avvia l...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.