La sfida della modernità. La lezione di Rafael Moneo

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Gli edifici non sono solo oggetti. Sono parte viva di un tessuto urbano che incorpora la città e si fanno incorporare da essa. E’ con questa visione di Rafael Moneo che appare, in tutta la sua interezza, un concetto di modernità che trae linfa dalla storia e dalle evoluzioni della cultura, ma si protende costantemente verso il futuro.

Il grande architetto spagnolo, docente alla Graduate School di Harvard, ha incontrato ieri il pubblico dell’edizione 2013 del Cersaie, il salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno allestito nei padiglioni di BolognaFiere, in occasione una lectio magistralis durante la quale ha illustrato la sua idea di una architettura che non può essere considerata autonoma dal contesto. “Ogni opera – ha detto Moneo – va vista come sostanza di quella che chiamiamo città”. Tutto lo straordinario percorso professionale di Moneo è del resto costellato di ordine, linearità, rigore, di un anelito a una modernità che si ravvisa soprattutto in edifici a cui è affidato il compito di integrarsi con il paesaggio antropizzato e con le altre opere realizzate dall’uomo.

Ne sono dimostrazione progetti famosi, firmati dall’architetto iberico a Toledo, New York, Cartagena, in tempi relativamente recenti, ma anche agli inizi della sua carriera, nel 1961, giovane laureato alla Scuola di Architettura di Madrid. Come il Centro Congressi di Toledo, sviluppato intorno all’idea di un muro che diventa anche un fianco della città, ma anche il Museo del Teatro Romano di Cartagena, con il quale Moneo ha ricucito strade e palazzi e piazze intorno a un antico anfiteatro, quasi colmando vuoti tra chiese e edifici del tardo Ottocento, senza condizionare o trasfigurare il teatro di cui ha mantenuto intatto il valore di documento storico. C’è infine, altra celebre opera, il campus della Columbia University di New York, ennesima prova di coerenza con un concetto di architettura che fa di ampi spazi, con facciate in vetro sulla strada, luoghi che vivono insieme al resto della città.

Moneo, secondo Francesco Dal Co, intervenuto in occasionde della conferenza, è l’architetto che forse più di altri ha saputo tenere la rotta  sulla costante ricerca della contemporaneità. “Quando si perde questa strada – dice Dal Co – si apre un destino tragico”. Ma Moneo, che ha cominciato ad operare nella Spagna franchista, è anche colui che, sempre secondo Dal Co, ha espresso pienamente la capacità del progettista di vivere, “nonostante tutto, nonostante il clima politico e sociale della dittatura, con un inusitata capacità di essere fedele alle necessità dell’architettura, con continui riferimenti alla storia e una struttura culturale che lo rende uno dei più colti architetti contemporanei”.

E’ di Moneo la fabbrica Diestre di Saragozza, opera rigorosa, ma anche di grande impatto. Sua anche la Torres Blanca di Madrid, così come l’ampliamento dell’Art Academy di Cranbrook. Opere che spiazzano i luoghi comuni, le certezze, le idee di infallibilità. “Perché città ed edifici – dice Moneo – devono proiettarsi nello stesso tempo”. E allora ecco palazzi che diventano varchi d’accesso a centri storici, chiese che sono corpi vivi dei quartieri che le circondano. In una sperimentazione costante di semplicità che si tramuta in bellezza.

Articoli correlati
Laureati over 30: chi ha davvero un atteggiamento civile?
Riceviamo e pubblichiamo da Antonella Maizza, ingegnere civile geotecnico. Vorrei sollevare l'atten...
L'architettura della città di Padova
Spesso la fotografia è l'unico modo per conoscere l'architettura scrive Cinzia Simione nel suo, &quo...
Premio Apulia 2012
Il 18 settembre 2012, presso l’ex Palazzo delle Poste di Piazza Cesare Battisti a Bari, si terrà la ...
NUOVA EDIZIONE DEL PREMIO APULIA PER OPERE DI ARCHITETTURA CONTEMPORANEA O DI URBANISTICA
Anche per l’anno 2012 è bandito il Premio Apulia, istituito dalla LR 14/2008 e articolato in due sez...
Il palazzo Barone Ferrara
In occasione delle XXI giornate FAI di primavera, sarà aperto al pubblico uno storico edificio sul c...
Il palazzo dell'Acquedotto Pugliese apre le porte al Politecnico di Bari
Giovedì 20 febbraio 2014 alle ore 15,00,  nella sede del Palazzo storico dell’Acquedotto Pugliese di...
ISTITUTO VENETO DI SCIENZE LETTERE ED ARTI
Glass in Venice si arricchisce di un nuovo premio grazie all’accordo tra l’Istituto Veneto di Scie...
SI CONSOLIDA A 950 MILIONI DI EURO IL SALDO POSITIVO DELL’IMPORT-EXPORT DI MACCHINE E ATTREZZATURE ...
Europa occidentale primo mercato. Crolla la Russia dopo le sanzioni per la crisi ucraina e la svalut...
La città sommersa: Venezia rinasce dalle sue fondazioni
Venezia si regge su un complicato e delicato equilibrio tra acqua, terra e legno. Un programma di ri...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.