VAJONT Paesaggio e architettura a cinquant’anni dal disastro

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Si inaugura venerdì 4 ottobre 2013, presso la sede della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici di Udine, la mostra Vajont paesaggio e architettura a cinnquant’anni dal disastro dedicata al tragico evento che, durante la sera del 9 ottobre 1963, cancellò la cittadina di Longarone posta di fronte e sotto la diga costruita tra il 1957 e il 1960. I morti furono quasi duemila. L’intento è di illustrare il paesaggio e i beni culturali del Vajont quali testimonianze del “prima” per ricordarli, ritrovarli contribuendo così a riallacciare i fili spezzati della memoria.

L’evento, che si concluderà il 15 dicembre 2013, sarà ospitato successivamente nella sede del Municipio storico di Erto dal 4 al 10 ottobre, in occasone di “Arte in fiera“, dal 12 al 14 ottobre a Longarone, e infine presso la Biblioteca civica di Pordenone dal 29 al 15 dicembre 2013.

Vajont Paesaggio e architettura a cinquant’anni dal disastro

Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggisticidi Udine, via Zanon

4 ottobre – 15 dicembre 2013, lun /ven  9.00-15.00.

Articoli correlati
Saverio Dioguardi: Architetture disegnate
A cento anni di distanza dal primo progetto (Monumento per l’Imperatore Alessandro II a Pietroburgo,...
Costruzioni industrializzate: quale futuro?
È Bologna la sede del prossimo Congresso Nazionale ASSOBETON che si terrà il 15 giugno e avrà un osp...
1950-1966. L'ultima Venezia. Cultura, presenze e progetti.
Omaggio a Vittore Branca nel centenario della nascita (1913 - 2004) Venerdì 12 aprile 2013 Palazzo...
Schüco PVC partner dell’Earth Day 2014, la Giornata mondiale della Terra
Design, tecnologia e rispetto per l’ambiente: i valori di Schüco PVC, l’infisso che ama la natura. ...
Concorso internazionale di progettazione con strutture in legno. In palio oltre novemila euro
Marlegno Prefabricated Wooden Buildings, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Bergamo,...
Sognatore di opera grave. Tra leggerezza della pietra e gravità del pensiero
Presentazione del volume di Antonio Labalestra, “Singularis in singulis. Duodecim columnae vitinae e...
ZAHA HADID E LE SUE OPERE
di Ing. Mario MANCINI >> Sul panorama internazionale delle grandi opere di architet...
IL PAESAGGIO COME CAMPO DI STUDIO E RICERCA AL POLITECNICO DI TORINO
Un accordo tra l’Ateneo e l’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio vede la sua prima at...
Il linguaggio delle strutture. La scuola italiana di ingegneria
Al Politecnico di Bari la storia dell’ingegneria strutturale in Italia sarà ripercorsa nel corso di ...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.