Domus Lignea: nasce a Cinisello Balsamo il primo edificio con struttura portante in legno eco-sostenibile, sicuro e confortevole

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Presentato a Cinisello Balsamo l’innovativo progetto edilizio che prevede la costruzione di un edificio basato su strutture portanti in legno. I 16 appartamenti previsti, proposti in edilizia convenzionata, saranno realizzati dal Consorzio Co.CEC costituito dalle Cooperative UniAbita, Armando Diaz e La Nostra Casa.

Cinisello Balsamo, 6 novembre 2013 – Prenderà il via a metà dicembre a Cinisello Balsamo il cantiere “Domus Lignea”, un innovativo progetto edilizio residenziale che verrà realizzato con un sistema di strutture portanti in legno.

L’edificio sorgerà nell’area nord di Cinisello Balsamo, nel quartiere di S. Eusebio, in via dei Martiri Palestinesi all’angolo con via Risorgimento.

I sedici appartamenti che comporranno la Domus Lignea, proposti in edilizia convenzionata, saranno realizzati dal Consorzio Cooperativo Edificatore Cinisellese (CoCEC), costituito dalle Cooperative UniAbita, Armando Diaz e La Nostra Casa.

La caratteristica innovativa del progetto sta nell’utilizzo di un sistema costruttivo e strutturale formato da pannelli massicci in legno incollato a strati incrociati (X-LAM). Pareti e solette in X-LAM formano una struttura scatolare di notevole rigidezza e robustezza strutturale, permettendo di rinunciare all’impiego di pilastri ed evitando la concentrazione delle forze agenti sulla struttura e sulle fondamenta. Questo sistema migliora l’inerzia termica della parete, grazie alla massa elevata e permettendo di costruire in altezza edifici stabili e sicuri mantenendo proprietà ecologiche, tempi di costruzione veloci, elevato isolamento termico ed acustico.

Particolarmente rilevanti sono gli aspetti legati ai temi dell’ecologia e del risparmio energetico. Il cantiere infatti si caratterizzerà per la sua estrema pulizia e per la bassissima produzione di rifiuti, quasi tutti riciclabili. Inoltre, grazie all’utilizzo di materiali naturali, il processo realizzativo non genererà sostanze tossiche né all’interno né all’esterno del cantiere. Infine, i collanti impiegati nei pannelli in legno sono completamente privi di formaldeide.

Dal punto di vista dell’efficienza energetica, la perfetta coibentazione che contraddistinguerà la Domus Lignea permetterà di risparmiare notevolmente sulle spese di riscaldamento invernale e di condizionamento estivo. La creazione di uno sfasamento termico consentirà di rendere la casa piacevolmente vivibile sia d’estate sia d’inverno. Le caratteristiche proprie del materiale legno garantiranno un ottimo comfort abitativo e ambientale.

La scelta dei pannelli in legno strutturale, infine, costituirà un ulteriore valore aggiunto sul piano della sostenibilità ambientale: i pannelli provengono tutti dalle foreste certificate dell’Austria in cui è praticata un’attenta gestione delle risorse forestali che garantisce una costante crescita del patrimonio boschivo: si calcola che il legno utilizzato verrà rigenerato integralmente in meno di quattro ore.

Grande importanza è attribuita alla sicurezza. Al contrario di ciò che si pensa, infatti, il legno lamellare brucia più lentamente di quanto non fonda il ferro del cemento armato; inoltre una struttura in legno massiccio resiste meglio delle strutture tradizionali agli incendi perché ha una combustione lenta laddove queste collassano velocemente ad alte temperature. Inoltre, le strutture in legno pesano un terzo di quelle in cemento e si basano sul principio della flessibilità del nodo, non della rigidità; questo fa si che in caso di evento sismico la struttura in legno dissipi l’energia prodotta dalla terra, flettendosi senza deformarsi né crollare.

L’utilizzo del legno per la struttura portante avrà poi un impatto notevole anche sulla riduzione dei tempi realizzativi: i pannelli X-LAM di grandi dimensioni, una volta giunti in cantiere, dovranno solo essere montati. Questo consentirà di ridurre i rischi delle fasi di lavorazione, rendendo tutto il processo di costruzione più rapido ed economicamente sostenibile, con un impatto significativo anche sul costo finale degli appartamenti riferibili esclusivamente alla reale qualità dei materiali di costruzione e non a fattori terzi.

 
Articoli correlati
Rivisitazioni a cielo aperto, dieci fotografi per Polignano a Mare
Mostra a cielo aperto di fotografia per la promozione delle risorse territoriali Giovedì 12 luglio ...
Scoperti i primi camini di pietra nel Mediterraneo
La campagna oceanografica diretta dall’Ismar-Cnr ha svelato l'esistenza nei fondali adriatici del Mo...
Paola De Pietri, seccoumidofuoco. Una ricerca sulla realtà produttiva del settore ceramico
Bologna, CERSAIE - 23 - 27 Settembre 2013  In occasione del CERSAIE 2013 è allestita in anteprima n...
Architectura ficta, una lectio sull’architettura rappresentata
Sabato 14 dicembre 2013 alle 18,30, nell’ ambito delle iniziative collaterali alla mostra “Storie ...
HEINZ MACK: THE SKY OVER NINE COLUMNS
Il 3 giugno 2014 sull’Isola di San Giorgio Maggiore sarà svelata l’installazione dell’artista tedesc...
Così si rompe… il David di Michelangelo
Analisi dei meccanismi di rottura del monumento eseguiti dall’Istituto di geoscienze e georisorse de...
Lectio magistralis di Toyo Ito
Giovedi 25 settembre 2014 l’architetto giapponese, vincitore nel 2013 del Premio Pritzker, terrà una...
Prevedere le frane: le tecnologie del Cnr
L’Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica (Irpi) del Consiglio nazionale delle ricerche ...
Un ponte tra la natura di Asiago e il cuore di Milano
La Rigoni di Asiago sostiene il 50^ Progetto di Fondaco: Il Restauro dell'Atrio dei Gesuiti del Pal...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.