Domus Lignea: nasce a Cinisello Balsamo il primo edificio con struttura portante in legno eco-sostenibile, sicuro e confortevole

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Presentato a Cinisello Balsamo l’innovativo progetto edilizio che prevede la costruzione di un edificio basato su strutture portanti in legno. I 16 appartamenti previsti, proposti in edilizia convenzionata, saranno realizzati dal Consorzio Co.CEC costituito dalle Cooperative UniAbita, Armando Diaz e La Nostra Casa.

Cinisello Balsamo, 6 novembre 2013 – Prenderà il via a metà dicembre a Cinisello Balsamo il cantiere “Domus Lignea”, un innovativo progetto edilizio residenziale che verrà realizzato con un sistema di strutture portanti in legno.

L’edificio sorgerà nell’area nord di Cinisello Balsamo, nel quartiere di S. Eusebio, in via dei Martiri Palestinesi all’angolo con via Risorgimento.

I sedici appartamenti che comporranno la Domus Lignea, proposti in edilizia convenzionata, saranno realizzati dal Consorzio Cooperativo Edificatore Cinisellese (CoCEC), costituito dalle Cooperative UniAbita, Armando Diaz e La Nostra Casa.

La caratteristica innovativa del progetto sta nell’utilizzo di un sistema costruttivo e strutturale formato da pannelli massicci in legno incollato a strati incrociati (X-LAM). Pareti e solette in X-LAM formano una struttura scatolare di notevole rigidezza e robustezza strutturale, permettendo di rinunciare all’impiego di pilastri ed evitando la concentrazione delle forze agenti sulla struttura e sulle fondamenta. Questo sistema migliora l’inerzia termica della parete, grazie alla massa elevata e permettendo di costruire in altezza edifici stabili e sicuri mantenendo proprietà ecologiche, tempi di costruzione veloci, elevato isolamento termico ed acustico.

Particolarmente rilevanti sono gli aspetti legati ai temi dell’ecologia e del risparmio energetico. Il cantiere infatti si caratterizzerà per la sua estrema pulizia e per la bassissima produzione di rifiuti, quasi tutti riciclabili. Inoltre, grazie all’utilizzo di materiali naturali, il processo realizzativo non genererà sostanze tossiche né all’interno né all’esterno del cantiere. Infine, i collanti impiegati nei pannelli in legno sono completamente privi di formaldeide.

Dal punto di vista dell’efficienza energetica, la perfetta coibentazione che contraddistinguerà la Domus Lignea permetterà di risparmiare notevolmente sulle spese di riscaldamento invernale e di condizionamento estivo. La creazione di uno sfasamento termico consentirà di rendere la casa piacevolmente vivibile sia d’estate sia d’inverno. Le caratteristiche proprie del materiale legno garantiranno un ottimo comfort abitativo e ambientale.

La scelta dei pannelli in legno strutturale, infine, costituirà un ulteriore valore aggiunto sul piano della sostenibilità ambientale: i pannelli provengono tutti dalle foreste certificate dell’Austria in cui è praticata un’attenta gestione delle risorse forestali che garantisce una costante crescita del patrimonio boschivo: si calcola che il legno utilizzato verrà rigenerato integralmente in meno di quattro ore.

Grande importanza è attribuita alla sicurezza. Al contrario di ciò che si pensa, infatti, il legno lamellare brucia più lentamente di quanto non fonda il ferro del cemento armato; inoltre una struttura in legno massiccio resiste meglio delle strutture tradizionali agli incendi perché ha una combustione lenta laddove queste collassano velocemente ad alte temperature. Inoltre, le strutture in legno pesano un terzo di quelle in cemento e si basano sul principio della flessibilità del nodo, non della rigidità; questo fa si che in caso di evento sismico la struttura in legno dissipi l’energia prodotta dalla terra, flettendosi senza deformarsi né crollare.

L’utilizzo del legno per la struttura portante avrà poi un impatto notevole anche sulla riduzione dei tempi realizzativi: i pannelli X-LAM di grandi dimensioni, una volta giunti in cantiere, dovranno solo essere montati. Questo consentirà di ridurre i rischi delle fasi di lavorazione, rendendo tutto il processo di costruzione più rapido ed economicamente sostenibile, con un impatto significativo anche sul costo finale degli appartamenti riferibili esclusivamente alla reale qualità dei materiali di costruzione e non a fattori terzi.

 
Articoli correlati
ECOQUARTIERI IN ITALIA: UN PATTO PER LA RIGENERAZIONE URBANA Rigenerazione sostenibile delle città e...
Audis, GBC Italia e Legambiente presentano il 6 giugno a Milano presso la sala Consiglio di Assimpre...
Il poliuretano espanso rigido per l’isolamento termico a cura dell'ANPE
Apprendere le principali caratteristiche prestazionali dei prodotti in poliuretano e indiv...
Il verde e la riqualificazione degli spazi pubblici
Nell'ambito della manifestazione Primavera Mediterranea - Architettura verde città, che si è svolta ...
Architettura italiana dal dopoguerra ad oggi. Teorie, Storie e Progetti
Lectio Magistralis di Francesco Moschini Matera Presentazione di Angela Colonna e Antonio Conte A ...
NAPOLEONE MARTINUZZI. VENINI 1925–1931
L’8 settembre 2013 apre al pubblico sull’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia la mostra Napoleone...
Prevedere le frane: le tecnologie del Cnr
L’Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica (Irpi) del Consiglio nazionale delle ricerche ...
92 TWh di energia risparmiata e 7.400 milioni di giro d’affari stimato. Ecco il potenziale beneficio...
Se ne è parlato ieri a Milano durante la prima tappa del Comfort Technology Roadshow di MCE – Mostra...
Tre Frecce per “Accorciare Le Distanze”
Il progetto vincitore del bando promosso dal Comune e dal Centro Commerciale Naturale di Bedonia per...
PROGETTO MAPUTO/KATEMBE/PONTA DO OURO
di Ing. Mario MANCINI Questo articolo descrive l'intervento di Betar Consultores Lda di Lisbona (Po...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.