CONCLUSA CON UNA PERFORMANCE LA MOSTRA DI SCULTURE IN METALLO “DENSITA’ IN_MATERIALI”

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

A Palazzo Castromediano-Vernazza a Lecce la serata conclusiva dell’evento.

Domenica 12 gennaio si è conclusa la mostra di sculture in metallo di Daniele Dell’Angelo Custode, allestita al piano terra del Palazzo Castromediano-Vernazza a Lecce. Una performance finale ha chiuso l’evento con diversi interpreti e performers. Dopo aver polarizzato l’attenzione dei leccesi più curiosi, dei turisti e dei diversi neritini durante i due mesi, altri cittadini sono accorsi per l’iniziativa e la sala principale dell’edificio cinquecentesco alle ore 19.00 si è popolata in occasione della manifestazione conclusiva. Paolo Marzano è stato il curatore della mostra dal titolo DENSITA’ IN_MATERIALI di Daniele Dell’Angelo Custode che per tutto il 2013 ha esposto le sue, sempre più interessanti ed incredibili, opere di metallo. Dagli acciai che fanno bella mostra, tutt’ora, alla GX Gallery di Londra, fino all’originale “the Gherkin”, dove primeggia una bellissima opera nella collezione interna al circolo privato alla ‘punta’ del 40esimo piano dell’edificio, nella City londinese.

A Lecce, dunque, la spettacolare performance che chiude il giro di esposizioni di un anno, titolata “INTEGR_ARTI”, ideata progettata e realizzata dal curatore, proprio per lanciare un messaggio chiaro sulla necessità di aprire (percepire ed interpretare) nuovi spazi dedicati all’arte, ritenendo che si debbano allestire e continuamente combinarsi, come scena di ‘varie‘ azioni utili ad esortare (risvegliare) la percezione, colta nell’imminenza degli accadimenti, nel contesto di spazi ben strutturati, solo se sono individuati e scoperti, proprio dal ‘gesto’ che vi si realizza. La performance infatti è stata costruita proprio ‘intorno’ e ‘per’ le opere in metallo, ed ha coinvolto segni, forme, parole, gestualità e originali sonorità derivate dal metallo sollecitato e dalla risposta sonora delle opere presenti. L’alternanza dei mondi differenti, ma tutti altamente comunicativi, è iniziata dalle letture declamate dal pittore Angelo Lupi Tarantino (Lucrezio, DE RERUM NATURA “La natura delle cose – Il lampo e il tuono; Salvatore Toma, CANZONIERE DELLA MORTE – Il poeta è uno scienziato; Eugenio Montale QUADERNO DI QUATTRO ANNI – Big bang o altro; Jorge Luis Borges, L’ALTRO, LO STESSO – L’alchimista; Jorge Luis Borges, LA MONEDA DE HIERRO – La moneta di ferro; Dino Campana, SOGNO DI PRIGIONE – Nel viola della notte …), ai passi di danza, realizzati sul ritmo vibrante di una lamina di metallo, interpretati come pulsazioni del ferro, quando, dall’arroventarsi poi si solidifica e dopo l’esaltante incandescenza si contrae, tristemente raffreddandosi, proposti in una coreografia da Erika Sciacca insegnate di danza classica e moderna, sul tema “ECO DEL FERRO”. Al ‘gesto’ è susseguita la ‘visione’; contemporaneamente infatti era presente nella sala, l’esposizione della raccolta di immagini del direttore di fotografia Cosimo Fiore che ha catturato la densa attività comunicativa delle due installazioni (“MIMESI” e “OSSID[E]AZIONE”), create dall’artista Dell’Angelo Custode, in tempi diversi, proprio durante la mostra e presenti nei due atri all’aperto, interni del palazzo. Il curatore ha creduto opportuna e quanto mai concettualmente interessante, la presenza anche degli appunti e gli schizzi da laboratorio, cioè quella ricerca e lo studio dell’artista che ha generato poi quelle forme, come indicazioni reali per la sperimentazione di territori (paesaggi metallici) tutti da comporre.

Conclude il curatore:  “Continuiamo dunque a ricercare e stabilire nuove relazionalità supportati da quei metodi e quei modi utili ad unire la cultura dell’arte alla quotidianità, sempre più,  coinvolgendo spazi urbani alternativi, all’indirizzo dello sviluppo ‘sensibile’ e ‘sostenibile’. Sono queste le ‘prossimità’ da indagare e responsabilmente ricercare. Da qui, si può partire per la costruzione delle nuove città (di segni) a venire. Ancora una volta, ritengo che Lecce colga, con scrupolosa competenza, l’opportunità di avvalersi delle preziose potenzialità artistiche emergenti del suo territorio, proponendosi come virtuosa e concreta interlocutrice, nel complesso discorso internazionale, sull’arte contemporanea”.

La mostra rientra nella rassegna di “MUST IN ART – Generazioni a confronto.

Articoli correlati
Fare arte di Silvia Camporesi
Su invito dell’associazione culturale DamageGood, arriva per la prima volta nel Sud Italia “Fare art...
Il verde e la riqualificazione degli spazi pubblici
Nell'ambito della manifestazione Primavera Mediterranea - Architettura verde città, che si è svolta ...
Lectio magistralis di ABDR/Opere e progetti. Ieri, oggi, domani
La lezione è promossa in occasione della presentazione ufficiale del Workshop Internazionale di Arch...
Denis Diderot: Prospectus dell'Encyclopédie
L’evento rappresenta il Preludio alle celebrazioni dell’Anno Diderottiano che si terranno nel 2013 a...
La Ceramica e il Progetto, al via la terza edizione
Torna il concorso di architettura che premia le migliori realizzazioni in piastrelle di ceramica ita...
SIRACUSA PRIMA CITTA' SMART
La città si candida tra le città intelligenti internazionali, grazie a un progetto del Cnr che, tram...
UNCONVENTIONAL AT_TRACTIONS
SCULTURE IN METALLO DI  DANIELE DELL’ ANGELO CUSTODE GX GALLERY ,  28 Ago 2014 - 19 Sett 2014, 43...
Fare architettura a Milano, con alcuni tra i più affermati studi milanesi
Il progetto rivolto a studenti, architetti e amanti del mondo dell'Architettura. Segrate, 13 febbra...
Rifare paesaggi. Quattro architetti propongono la loro idea di città
Quattro architetti e paesaggisti di Lisbona, titolari degli studi più noti a livello internazional...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.