Area ex Star-Black&Decker: Safond-Martini dà il via alle bonifiche

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Procede a ritmo incalzante l’attività di decommissioning dell’area ex Star-Black&Decker di Civate (LC). Il cantiere, un insieme di fabbricati

 in disuso da diversi anni, in pieno centro città, ha aperto a novembre 2013 ed è seguito da Safond-Martini, azienda che da oltre 30 anni è impegnata nel settore delle bonifiche ambientali, nel trattamento e smaltimento dei rifiuti industriali, e nella riqualificazione di aree dismesse, in stretta collaborazione con il Comune di Civate e con la Società di Ingegneria Tecno Habitat alla Direzione dei Lavori, particolarmente competente in tali interventi su tutto il territorio Nazionale ed in particolare nella Provincia di Lecco.

Dopo la prima fase, ormai al termine, che si è concretizzata con i lavori di messa in sicurezza delle aree, strip out di elementi impiantistici non pericolosi, come serramenti, arredo, etc., suddivisione dei rifiuti prodotti, caratterizzazione chimico fisica ai fini dello smaltimento unitamente alla bonifica e smaltimento di materiali pericolosi in opera come le fibre artificiali vetrose, cominciano proprio in questi giorni gli ultimi lavori di bonifica industriale che precedono la demolizione.

Nello specifico, le attività in essere riguardano la bonifica da amianto in matrice friabile, presente sia sotto forma di elementi in componenti impiantistiche (locali tecnici come centrale termica, ascensore, forni di lavorazione), sia in diversi ambienti dell’edificio come materiale da costruzione (colle bituminose e pavimentazioni viniliche in amianto), e la bonifica da amianto in matrice compatta (tipo Eternit) che costituisce tutta la superficie coperta dell’area.

Come imposto dalla normativa vigente in materia di dismissione dei materiali contenenti amianto, e sicurezza e salute sui luoghi di lavoro, particolare attenzione e accuratezza sono state poste nell’allestimento di sei aree confinate, sia staticamente mediante la sigillatura dei volumi con strati di polietilene, sia dinamicamente mediante l’installazione di estrattori d’aria atti a mantenere i volumi confinati in costante depressione rispetto agli ambienti esterni, all’interno delle quali è prevista la bonifica dell’amianto in matrice friabile.

Le aree sono soggette a collaudo da parte dell’ASL di Lecco, territorialmente competente: solo con il parere di idoneità delle stesse, si ha il benestare ad avviare i lavori di rimozione amianto secondo quanto riportato nel piano di lavoro approvato.

“I lavori procedono a ritmo sostenuto e siamo in continua collaborazione con i competenti enti locali per il controllo delle aree soggette a bonifica” ha affermato Guido Zappa, Direttore Generale di Safond-Martini “Entro la fine di marzo questa fase sarà conclusa e tutti i locali, bonificati e validati, verranno restituiti per poter procedere con la demolizione degli edifici.”

“Sono davvero soddisfatto della professionalità e dell’impegno che Safond-Martini e Tecno Habitat stanno investendo in questo cantiere” ha affermato Baldassare Cristoforo Mauri, Sindaco del Comune di Civate “La cittadinanza di Civate è sempre molto attenta e dimostra un grande interesse per le attività in corso nella ex Star Black&Decker, un’azienda che per molti cittadini è parte integrante della storia personale. Non ci è inoltre mai giunta alcuna segnalazione negativa, il che vuol dire che in questi mesi di attività non si è mai creato disagio”.

Al termine dei lavori di bonifica, difatti, prima di restituire gli ambienti e definirli, quindi, bonificati da amianto, la ASL effettuerà un secondo sopralluogo e, a seguito di monitoraggi ambientali con metodica di rilievo ed analisi che prevedono l’utilizzo di microscopi elettronici a scansione, avvierà la procedura di restituzione degli ambienti. Da questo momento, essendo gli edifici completamente risanati da rifiuti e materiali pericolosi, si darà avvio ai lavori di demolizione completa dei fabbricati.

Veronica Gaviraghi A Più srl

Articoli correlati
GRATTACIELI: UN NUOVO RECORD DOPO IL BURJ KHALIFA
di ing. Mario Mancini  Soltanto un anno fa scrissi l’articolo sull’allora grattacielo dei record: i...
A Luigi e Paola Ghirri. Fin dove può arrivare l’infinito?
Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea Nell’autunno dello scorso anno alcuni amici di...
VAJONT Paesaggio e architettura a cinquant'anni dal disastro
Si inaugura venerdì 4 ottobre 2013, presso la sede della Soprintendenza per i beni architettonici e ...
Domus Lignea: nasce a Cinisello Balsamo il primo edificio con struttura portante in legno eco-sosten...
Presentato a Cinisello Balsamo l’innovativo progetto edilizio che prevede la costruzione di un edifi...
Documentaria
Dal 20 al 30 novembre si svolgerà a Bari DOCUMENTARIA, un ciclo di seminari e workshop sulla fotogra...
A cinque mesi dall'evento, Cersaie verso il tutto esaurito. I nuovi settori merceologici presenti i...
Il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e l’Arredobagno si terrà dal 22 al 26 set...
Mappatura Acustica Strategica
Mappatura Acustica Strategica dell'agglomerato di Rimini Il Comune di Rimini, con Deliberazione di ...
INDIA: IN CRESCITA ECONOMIA, LAVORI PUBBLICI E MERCATO DELLE MACCHINE PER COSTRUZIONI
Confindustria Modena, SaMoTer e Unacea organizzano il padiglione italiano delle macchine per costruz...
Emirati Arabi Uniti - Un nuovo grattacielo da record a Dubai: la TORRE
di Ing. Mario MANCINI (*) La Torre (in arabo: البرج) è il prossimo grattacielo di Dubai, la cui cos...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.