CARME PINÓS PROTAGONISTA AL CERSAIE 2014

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Martedì 23 settembre l’ incontro con l’architetto catalano, membro onorario dell’American Institute of Architects.

La grande architettura sarà ancora protagonista in occasione del Cersaie 2014. È l’architetto catalano, pluripremiata al mondo, Carme Pinós che martedì 23 settembre terrà una conferenza all’interno della Galleria dell’Architettura, a partire dalle ore 15.00.

Carme Pinós ha unito la sua professione di architetto con attività didattiche e ha tenuto importanti corsi di formazione e workshop. È stata anche visiting professor all’Università dell’Illinois ad Urbana-Champaign (1994-1995), alla Kunstakademie di Düsseldorf (1996-1997), alla Columbia University di New York (1999), all’Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna (2001-2002), alla Harvard University Graduate School of Design (2003), alla Accademia di Architettura di Mendrisio in Svizzera (2005-2006) e all’Universitá di Roma Tre (2007-2008).

Tra i progetti recenti di maggior importanza vi sono il Piano di Riqualificazione del centro storico di Saint Dizier (Francia), dove l’architetto sta svolgendo vari interventi negli spazi pubblici; l’edificio dei Dipartimenti del nuovo campus della Facoltà di Economia dell’Università di Vienna (Austria); e la Torre Cube II di Guadalajara (Messico). In Spagna, i suoi progetti comprendono il Centro Culturale Caixaforum e il Centro Esposizioni di Saragozza; il Palazzo della Regione del Governo di Tortosa; la sistemazione dello spazio composto da Piazza Gardunya, la Scuola d’arte di Massana, un grande edificio residenziale e la facciata posteriore del famoso Mercato di Boqueria nel Centro Storico di Barcellona; un grande edificio di case popolari nel quartiere di Vallecas (Madrid).

Carme Pinós ha ricevuto premi di prestigio, tra cui il National Architecture Award dell’Alto Consiglio degli Architetti Spagnoli (1995), il Premio dell’Associazione Professionale degli Architetti della Comunità di Valencia (2001), il premio ‘AraCatMon’ dell’Associazione Professionale degli Architetti della Catalogna (2005), il Primo Premio alla Biennale spagnola di Architettura (2008), il Premio Nazionale per l’Architettura Pubblica del Governo Catalano (2008) e il Premio A-Plus per la migliore carriera professionale nel 2013.

Tra le sue opere premiate più significative vi sono il Ponte Pedonale di Petrer (Alicante), il Lungo Mare Juan Aparicio di Torrevieja e la Torre Cube I di Guadalajara (Messico), i cui modelli sono stati acquisiti dal MOMA nel 2006. Nel 2010 anche il Centro Pompidou ha acquisito, tra gli altri, modelli in scala del progetto Caixaforum di Saragozza e dell’Hotel Pizota in Messico.

Articoli correlati
Una mostra per raccontare la città
Lunedì 8 aprile 2013 alle 19,30, presso la Galleria Spazio Giovani in via Venezia 41 a Bari, si inau...
COME LIBERARSI DAI COSTI DEI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE
Aghape Ambiente aderisce al progetto Software libero per l’Architettura e mette a disposizione la re...
TRIBUTO A PAOLO SOLERI, L'IDEOLOGO DELL'ARCOLOGIA
Martedì 24 settembre il Salone internazionale della Ceramica per l'Architettura e dell'Arredobagno d...
IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE MILITARI IN AMBITO URBANO
Dalla collaborazione fra  Difesa, Politecnico di Torino e Politecnico di Milano nasce il workshop “T...
Donato Bramante e l'arte della progettazione
Il Palladio Museum organizza un convegno dedicato alla grande architettura classica. Per Palladio...
UNE ÉCOLE D’ARCHITECTURE EST INVITÉE À LA TOURETTE
Exposition et colloque organisés par le Couvent Sainte-Marie de la Tourette et l’Ecole Nationale Sup...
Tavola rotonda: la new economy dell'immobiliare
La sfida decennale per la ripresa economica, il recupero edilizio e la tutela ambientale. &nb...
ALLA SCOPERTA DELLE NUOVE VIE DELLA PROGETTAZIONE
Dal 12 al 16 aprile 2016 space&interiors metterà il dettaglio al centro del progetto. Gra...
Il FAI apre il convento di San Francesco della Scarpa
L’ex-convento di San Francesco della Scarpa e i laboratori della Soprintendenza per i Beni Storici, ...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.