Il design per i musei

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Questo pomeriggio, a partire dalle 18,30, Fulvio Irace introdurrà il seminiario dedicato al rapporto tra il design e i musei. Interverranno Paola Albini, Silvana Annicchiarico, Leyla Ciagà, Eleonora Lupo, Raffaella Trocchianesi.

Triennale Design Museum presenta il convegno Il Design per i musei che si propone di analizzare il ruolo e le funzione che il design può svolgere per i musei, alla luce della nuova concezione di bene culturale sviluppatasi in questi anni e le opportunità che il digitale può offrire.

Queste tematiche sono oggetto di tre volumi, editi da Electa, design&culturalheritage, a cura di Fulvio Irace, Graziella Leyla Ciagà, Eleonora Lupo e Raffaella Trocchianesi.

Il terzo millennio sta promuovendo l’impiego capillare delle tecnologie digitali, dopo che gli ultimi decenni del secolo scorso avevano rivoluzionato il concetto di museo e i modi della sua fruizione. Archivi e collezioni online, visite guidate sullo smartphone, facilitate dall’utilizzo di una app, tecniche di restituzione virtuale dei grandi capolavori, sono solo alcuni esempi di questo fenomeno.

Dietro agli aspetti più visibili e commerciali  di queste infiltrazioni digitali risiedono però necessità e potenzialità che agiscono più a fondo, interessando alla radice la nozione stessa di bene culturale, tendente a sconfinare nei territori dell’intangibile (si pensi ad esempio all’Intangible Cultural Heritage, ICH, sostenuto dall’Unesco).

Il convegno affronterà problematiche, temi e spunti derivanti da questi nuovi scenari, fra i quali la definizione di ipermuseo e cybermuseo, l’apporto “animato” e interattivo che le nuove tecnologie possono dare agli archivi d’architettura e di design, la creazione di un possibile Archivio Digitale degli Allestimenti Temporanei, campo, quest’ultimo, in cui nuovi strumenti aprono le porte a inedite modalità di documentazione, archiviazione e visualizzazione di un bene culturale come l’allestimento, altrimenti destinato a un inevitabile oblio al termine della sua breve apparizione.

Articoli correlati
Hortus conclusus | giardino planetario
… Il torrente impetuoso che scende dalle montagne va a perdersi nei precipizi, ma la più piccola goc...
Il recupero dei grandi complessi architettonici e urbani del Novecento
Al via al Politecnico di Bari un ciclo di incontri sull'urbanistica e l'architettura della città. Il...
Costruzioni industrializzate: quale futuro?
È Bologna la sede del prossimo Congresso Nazionale ASSOBETON che si terrà il 15 giugno e avrà un osp...
Una guida ICMQ - Assobeton spiega le procedure per il calcolo della trasmittanza termica
Efficienza energetica più facile per gli edifici prefabbricati Indicazioni anche sull’iter per la c...
1950-1966. L'ultima Venezia. Cultura, presenze e progetti.
Omaggio a Vittore Branca nel centenario della nascita (1913 - 2004) Venerdì 12 aprile 2013 Palazzo...
Danneggiata la Chapelle Notre Dame du Haut a Ronchamp
Atti di vandalismo contro la Chapelle Notre Dame du Haut a Ronchamp è quando denuncia la Fondation L...
Così si rompe… il David di Michelangelo
Analisi dei meccanismi di rottura del monumento eseguiti dall’Istituto di geoscienze e georisorse de...
L’Italia sta invecchiando… e anche le sue case
11,6 milioni di abitazioni hanno più di 40 anni di età, sono energivore e dispendiose per i cittadin...
OMAGGIO AD ACHILLE E PIER GIACOMO CASTIGLIONI
Dal 21 ottobre al 7 novembre 2015 Zanotta Shop, in Piazza del Tricolore a Milano, si trasforma in un...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.