Il design per i musei

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Questo pomeriggio, a partire dalle 18,30, Fulvio Irace introdurrà il seminiario dedicato al rapporto tra il design e i musei. Interverranno Paola Albini, Silvana Annicchiarico, Leyla Ciagà, Eleonora Lupo, Raffaella Trocchianesi.

Triennale Design Museum presenta il convegno Il Design per i musei che si propone di analizzare il ruolo e le funzione che il design può svolgere per i musei, alla luce della nuova concezione di bene culturale sviluppatasi in questi anni e le opportunità che il digitale può offrire.

Queste tematiche sono oggetto di tre volumi, editi da Electa, design&culturalheritage, a cura di Fulvio Irace, Graziella Leyla Ciagà, Eleonora Lupo e Raffaella Trocchianesi.

Il terzo millennio sta promuovendo l’impiego capillare delle tecnologie digitali, dopo che gli ultimi decenni del secolo scorso avevano rivoluzionato il concetto di museo e i modi della sua fruizione. Archivi e collezioni online, visite guidate sullo smartphone, facilitate dall’utilizzo di una app, tecniche di restituzione virtuale dei grandi capolavori, sono solo alcuni esempi di questo fenomeno.

Dietro agli aspetti più visibili e commerciali  di queste infiltrazioni digitali risiedono però necessità e potenzialità che agiscono più a fondo, interessando alla radice la nozione stessa di bene culturale, tendente a sconfinare nei territori dell’intangibile (si pensi ad esempio all’Intangible Cultural Heritage, ICH, sostenuto dall’Unesco).

Il convegno affronterà problematiche, temi e spunti derivanti da questi nuovi scenari, fra i quali la definizione di ipermuseo e cybermuseo, l’apporto “animato” e interattivo che le nuove tecnologie possono dare agli archivi d’architettura e di design, la creazione di un possibile Archivio Digitale degli Allestimenti Temporanei, campo, quest’ultimo, in cui nuovi strumenti aprono le porte a inedite modalità di documentazione, archiviazione e visualizzazione di un bene culturale come l’allestimento, altrimenti destinato a un inevitabile oblio al termine della sua breve apparizione.

Articoli correlati
Storie e vicende urbanistiche di Madrid
Giovedì 3 maggio alle ore 10, presso l'aula Giovannnoni della Facoltà di Architettura del Politecnic...
Rivisitazioni in Levante
Sabato 8 settembre 2012 Rivisitazioni approda in Fiera del Levante. La mostra a cielo aperto di fot...
THE VISION OF PAOLO SOLERI: PROPHET IN THE DESERT
Mona Lisa Film Productions is proud to announce: THE VISION OF PAOLO SOLERI: PROPHET IN THE DESERT ...
Storie in discreto disordine. Architetture immaginarie e luoghi della memoria collettiva
Mostra di fotomontaggi e opere di Antonio Labalestra A cura di Caterina Rinaldo Martedì 10 dicem...
Mamma Roma. Visioni di Roma Antica con Piranesi e Pasolini
Le visioni di Roma aprono un anno di mostre al Palladio Museum Il Palladio Museum ha prodotto u...
Così si rompe… il David di Michelangelo
Analisi dei meccanismi di rottura del monumento eseguiti dall’Istituto di geoscienze e georisorse de...
Smart Cities Challenges: Planning for Smart Cities
Il 10 settembre scade il termine per l’invio degli articoli. La Rivista TeMA, nata nel 2007, è una ...
Il design parigino si fa italiano e diventa arte contemporanea
Inspiration, la sofisticata collezione nata dalle linee di tendenza del design di interni parigino e...
Gli effetti della corrosione sulle strutture in acciaio: il metodo suggerito dall’Eurocodice 3
Gli effetti della corrosione sulle strutture in carpenteria metallica possono essere notevoli e, spe...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.