Il design per i musei

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Questo pomeriggio, a partire dalle 18,30, Fulvio Irace introdurrà il seminiario dedicato al rapporto tra il design e i musei. Interverranno Paola Albini, Silvana Annicchiarico, Leyla Ciagà, Eleonora Lupo, Raffaella Trocchianesi.

Triennale Design Museum presenta il convegno Il Design per i musei che si propone di analizzare il ruolo e le funzione che il design può svolgere per i musei, alla luce della nuova concezione di bene culturale sviluppatasi in questi anni e le opportunità che il digitale può offrire.

Queste tematiche sono oggetto di tre volumi, editi da Electa, design&culturalheritage, a cura di Fulvio Irace, Graziella Leyla Ciagà, Eleonora Lupo e Raffaella Trocchianesi.

Il terzo millennio sta promuovendo l’impiego capillare delle tecnologie digitali, dopo che gli ultimi decenni del secolo scorso avevano rivoluzionato il concetto di museo e i modi della sua fruizione. Archivi e collezioni online, visite guidate sullo smartphone, facilitate dall’utilizzo di una app, tecniche di restituzione virtuale dei grandi capolavori, sono solo alcuni esempi di questo fenomeno.

Dietro agli aspetti più visibili e commerciali  di queste infiltrazioni digitali risiedono però necessità e potenzialità che agiscono più a fondo, interessando alla radice la nozione stessa di bene culturale, tendente a sconfinare nei territori dell’intangibile (si pensi ad esempio all’Intangible Cultural Heritage, ICH, sostenuto dall’Unesco).

Il convegno affronterà problematiche, temi e spunti derivanti da questi nuovi scenari, fra i quali la definizione di ipermuseo e cybermuseo, l’apporto “animato” e interattivo che le nuove tecnologie possono dare agli archivi d’architettura e di design, la creazione di un possibile Archivio Digitale degli Allestimenti Temporanei, campo, quest’ultimo, in cui nuovi strumenti aprono le porte a inedite modalità di documentazione, archiviazione e visualizzazione di un bene culturale come l’allestimento, altrimenti destinato a un inevitabile oblio al termine della sua breve apparizione.

Articoli correlati
Tetralogia della polvere
Uno splendido edificio antonelliano abbandonato per oltre trent’anni. Una storia dimenticata trasfor...
Costruzioni industrializzate: quale futuro?
È Bologna la sede del prossimo Congresso Nazionale ASSOBETON che si terrà il 15 giugno e avrà un osp...
IL GIARDINO MEDITERRANEO
Per una sostenibilità  dello sviluppo Si svolgerà  giovedì 17 maggio alle ore 10.00, presso la Faco...
IL PUNTO SUL PAESAGGIO. ESPERIENZE INTERNAZIONALI A CONFRONTO / CICLO DI CONFERENZE. MILANO 2013
Il paesaggio risulta sempre più essere tema d'attualità. Non solo perché la Convenzione Europea del ...
La sfida della modernità. La lezione di Rafael Moneo
Gli edifici non sono solo oggetti. Sono parte viva di un tessuto urbano che incorpora la città e si ...
Daniel Libeskind: a Milano la sua visione di città del futuro
Alla Bocconi l’incontro con l’archistar che ha parlato del suo rapporto con la città di Milano e dei...
Terremoto: aperta la piattaforma per l'iscrizione all'elenco speciale professionisti
Il commissario per la ricostruzione, Vasco Errani, ha emanato un avviso con il quale avvia l...
Responsabilità dei professionisti tecnici: la responsabilità penale
Ciascun professionista tecnico è tenuto all’osservanza di normative e codici comportamentali ben def...
Con gli stipendi medi di Milano e Firenze si può affittare un appartamento poco più grande di 30 met...
A Catanzaro una persona sola può permettersi oltre 80 metri quadri Milano, febbraio 2018 – St...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.