L’infinita sonorità dell’acustica

Cersaie ospita martedì 23 settembre un convegno con Higini Arau, Saturnino Celani e Lorenzo Palmeri.

Martedì 23 settembre alle ore 10.00 presso la Galleria dell’architettura (galleria 21/22) si terrà una conferenza sul tema dell’acustica in architettura, con particolare riferimento alle problematiche che emergono nella costruzione di auditorium e grandi sale da concerto.

The Place of Sound, questo il titolo dell’incontro che vedrà come protagonisti il grande esperto di acustica Higini Arau, l’architetto e designer Lorenzo Palmeri e il musicista Saturnino Celani.

Higini Arau, attraverso la sua società Arau Acustica con sede a Barcellona, si occupa di acustica architettonica da circa 40 anni ed ha lavorato a fianco dei più importanti architetti spagnoli e non: da Rafael Moneo a Francisco Mangado, da Mario Botta a Herzog & De Meuron, il lavoro di Arau ha reso possibile la realizzazione di importanti spazi dedicati al suono e alla corretta percezione dello stesso. Tra i suoi lavori più importanti vanno citati l’Auditori de Barcellona (Rafael Moneo, 1999), Kursaal San Sebastian Congress Palace e Auditorium (Rafael Moneo 1999), l’ Auditorium El Baluarte di Pamplona (Francisco Mangado 2003), il Forum Convention Center di Barcellona (Herzog De Meuron 2004), il restauro del Teatro Alla Scala Milano (Mario Botta, 2004), la New Philharmonic di Szczecin in Polonia (Barozzi-Veiga, 2014).

Saturnino Celani, meglio conosciuto come Saturnino, è un bassista, compositore e produttore discografico italiano. Considerato dalla critica più accreditata uno dei migliori bassisti sulla scena internazionale, lavora con Jovanotti dal 1991. Strumentista eclettico capace di affrontare qualunque stile, nei suoi album si fondono strategicamente influenze che gli derivano da una cultura segnata dagli studi di musica classica, avendo iniziato a studiare violino all’età di cinque anni, e dalla passione per le sonorità funky, jazz, rock e hip hop. La sua è una musica propensa alle contaminazioni secondo un concetto di nomadismo musicale in cui all’artista è concesso muoversi in libertà.

Lorenzo Palmeri, architetto, si occupa di progettazione, attivo nei campi del design, architettura, art direction, insegnamento, composizione e produzione musicale. Tra i suoi maestri Bruno Munari e Isao Hosoe con cui ha collaborato per diversi anni. Progettista di largo respiro, ha realizzato abitazioni, chitarre, lampade, vasi, tavoli e persino cioccolatini.

In veste di art director ha seguito vari progetti e percorsi aziendali, tra questi Milanosoundesign (con Giulio Iacchetti); 16 designer per Invicta, 2007; DesignRe (con Giovanni Pelloso); Lefel (progetto di design dell’editore Feltrinelli) 2009-2010; Arthemagroup, 2010; Stone Italiana dal 2012. Si occupa inoltre di didattica dal 1997, insegnando presso le più rinomate scuole di design nazionali e internazionali.

In campo musicale ha scritto colonne sonore per teatro e installazioni. Nel 2009 è uscito l’album “Preparativi per la pioggia”, sua prima raccolta di canzoni con la collaborazione di ospiti prestigiosi quali Saturnino al basso e Franco Battiato.

Articoli correlati

Share

Leave a Comment