A Champigny Sur Marne, Piuarch progetta un edificio per uffici che ridisegna lo spazio urbano

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Piuarch si è aggiudicata il concorso di progettazione internazionale indetto dalla società IDF Habitat per la realizzazione della propria sede di 2700 mq. a Champigny-sur-Marne. Il progetto per un edificio amministrativo diventa anche l’occasione per ridefinire lo spazio urbano.

Il progetto, realizzato assieme all’architetto Stefano Sbarbati, risponde alla doppia intenzione di realizzare un edificio efficiente, per ospitare la sede della società, e definire il perimetro e il ruolo della piazza antistante come spazio pubblico. Il posizionamento dell’edificio disegna, quindi, l’ambiente urbano e libera il centro del lotto per lo sviluppo di una zona alberata.

Lineare ed efficiente, con il fronte rivolto verso la piazza, l’edificio si articola su vari piani come una loggia, accessibile dall’interno degli uffici per permettere un affaccio sullo spazio urbano.

Nella visione di Piuarch, è un esempio di come l’architettura possa contribuire a definire i vuoti, trasformandoli in spazi di socialità.

Il progetto fa parte del piano attuativo che avvia la trasformazione di una vasta area nel cuore della città di Champigny-sur-Marne, a 12 km da Parigi, lo ZAC (Zone d’Aménagement Concerté) des Bords de Marne.

Un’area in riva al fiume oggi separata dalla città da un imponente edificio per uffici dell’Air Liquide e da un terrapieno ferroviario della Società Nazionale delle Ferrovie Francesi (SNCF).

L’ambizioso piano urbanistico prevede che il nuovo sviluppo urbano non si colleghi in maniera passiva al resto della città ma ne costituisca un nuovo motore sociale, culturale e produttivo, con un programma che comprende la realizzazione di un Museo della Resistenza, un centro intercomunale di documentazione pedagogica, un laboratorio di arti plastiche, una residenza alberghiera di 6.500 mq e 15 mila mq di uffici, a cui si aggiunge la nuova sede di IDF Habitat, oggetto del progetto di Piuarch.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Concorso, 1° premio

tipologia                                   Uffici

superficie costruita                2.700 mq

committente                           IDF Habitat

luogo                                        Champigny Sur Marne, Île-de-France, Francia

anno                                         2013 – …

progetto architettonico        Piuarch. Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini, Monica Tricario

con Stefano Sbarbati

Stato di avanzamento:         in gara di appalto

Articoli correlati
Il rifugio Piz Boè. Il primo KlimaHotel dell’Alta Badia
Nasce in un mix fra tradizione e tecnologia il nuovo rifugio a monte della cabinovia Boé a 2.190 met...
A MADE expo 2015 IL FORUM INVOLUCRO E SERRAMENTI: PROVE, DIMOSTRAZIONI E CULTURA
All’interno della Fiera milanese dell’Architettura e dell’Edilizia e del Salone MADE Involucro Serra...
Tre Frecce per “Accorciare Le Distanze”
Il progetto vincitore del bando promosso dal Comune e dal Centro Commerciale Naturale di Bedonia per...
Piuarch progetta il padiglione Enel per EXPO 2015
650 vettori in policarbonato per esprimere l’innovazione della smart grid. Nel progettare il Padigl...
Podere Navigliano, un antico casolare toscano, ristrutturato nel pieno rispetto del contesto natural...
Situato nelle Crete senesi, la zona di colline dolcemente ondulate a sud-est della città di Siena, q...
Legno ad alte prestazioni per il risparmio energetico
La scelta di una casa in legno rappresenta oggi una soluzione eccellente per garantire comfort e ben...
Appartamento sul fiume. Una casa aristocratica e moderna sulle rive del Po
Aristocratico e raffinato, e contemporaneamente storico e moderno, “L'appartamento sul fiume”, reali...
LA SFIDA DEL CUBO DI GHIACCIO SBARCA SUL LARIO
BLM Domus porta il progetto itinerante a ComoCasaClima 2015. Tradate (Va), 7 ottobre 2015 – La sfid...
Riba Sterling Prize: Secco Sistemi tra i finalisti
Maggie’s Cancer Caring Centre entra nella shortlist del prestigioso premio d’architettura britannico...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.