Andrea Palladio: cantieri di carta, calce e mattoni

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

XIV seminario internazionale sul restauro architettonico ad Albettone.

Giovedì 27 novembre 2014, alle ore 9,30, presso il municipio di Albettone, in provincia di Vicenza, si aprirà la prima sessione della giornata di studi, Andrea Palladio: cantieri di carta, calce e mattoni“.

Per Andrea Palladio linguaggio e tecnica sono due aspetti strettamente connessi del suo fare architettura. Il lapicida Andrea è particolarmente abile nel piegare, rielaborare e interpretare materiali, procedure edificatorie e motivi strutturali appartenenti al vastissimo repertorio della tradizione, coniugandoli in base alle esigenze espressive di quella “nuova usanza” di cui è ambasciatore.

La produzione palladiana può essere letta come una continua sperimentazione costruttiva: alcune soluzioni vengono via via affinate, altre invece abbandonate, altre ancora appaiono in momenti particolari del suo percorso architettonico, in stretto rapporto con la comparsa di specifiche scelte compositive. Forma e materia sono i due poli di un dialogo costante che trova nella fase di cantiere il momento di sintesi.

Il convegno mira a presentare le ricerche in corso sulle tecniche costruttive palladiane, confrontando le informazioni provenienti dai documenti d’archivio e dall’osservazione e analisi degli edifici realizzati; due fonti che permettono di raccontare una molteplicità di storie, scritte non solo sulla carta, ma anche con la calce, la pietra e i mattoni.

Promosso da:
Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Comune di Albettone
Università IUAV di Venezia, Dipartimento di Culture del progetto
Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio
Fondazione Malandrin

con il patrocinio di:
Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Vicenza.

27 novembre 2014, Municipio di Albettone, via Roma 17, Albettone (VI)
a cura di Ugo Soragni, Mario Piana, Damiana Paternò.

Ingresso libero previa prenotazione, entro il 21.11.2011, all’indirizzo: segreteria AT palladiomuseum.org.

Disponibile un servizio navetta da Vicenza per Albettone.

Info

 

Articoli correlati
Antonio Labalestra. Storie in discreto disordine
“In questo libro, regnano, invece, in discreto disordine, ricordi di luoghi e cose abbandonate, fr...
QUALE FUTURO PER LA CAVALLERIZZA REALE DI TORINO?
Seminario, Giovedì 16 ottobre 2014 ore 14.00 Salone d’onore - Castello del Valentino Politecnico d...
I rami smaltati detti veneziani del Rinasci-mento italiano. Geografia artistica, collezionismo, tecn...
L’istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Cini organizza un convegno in collaborazione con il ...
LA CITTÀ E LA MEMORIA
La passione per l'arte di Enrico Mattei in una serie di ritratti di città. La complessità urbana a c...
Riapre il Museo del Vetro di Murano
Dal 9 febbraio 2015, riapre al pubblico, completamente ampliato e rinnovato, il  Museo che racconta ...
Scamozzi e i libri. 28° seminario internazionale di storia dell’architettura
Si terranno il 12 e il 13 giugno 2015,  a Vicenza, le giornate di studio dedicate a Vincenzo Scamozz...
Il Serraglio delle Meraviglie
Il mosaico romano di Lod alla Fondazione Giorgio Cini. La Fondazione Giorgio Cini prese...
MARMOMACC PREMIA I MASTRI DELLA PIETRA: RICONOSCIMENTO ALLA MEMORIA A KHALED AL-ASAAD, DIRETTORE DEL...
I nuovi Mastri della Pietra 2015 sono Zenildo Petrelli Nunes, della Graniti Gruppo Thor e Matteo Cav...
L'IMPEGNO DELLA TRADIZIONE. GIORNATE DI STUDIO IN ONORE DI ROBERTO GABETTI
Roberto Gabetti (29 novembre 1925 – 5 dicembre 2000), laureato e docente del Politecnico di Torino...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.