COSTRUIRE SULLA CITTÀ ESISTENTE

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Al Politecnico di Torino si fa il punto sulla riqualificazione del patrimonio costruito delle città

Martedì 4 novembre 2014 – ore 14.00

Politecnico di Torino, Sala Consiglio di Facoltà – C.so Duca degli Abruzzi, 24.

Il recente dibattito, i diversi disegni di legge e gli altri provvedimenti assunti a vari livelli istituzionali sul tema del consumo del suolo pongono all’attenzione delle amministrazioni, del mondo professionale e degli studiosi la necessità di affrontare a livello legislativo e operativo il tema della riqualificazione del patrimonio costruito delle città. Operare sulla città esistente mediante interventi di metamorfosi urbana e architettonica associati a soluzioni rivolte all’efficienza energetica costituisce proprio una strategia ampiamente diffusa in alcuni paesi europei.

Il convegno propone un confronto fra alcuni operatori pubblici nazionali e internazionali: l’Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Torino (ATC), l’Istituto Trentino di Edilizia Abitativa (ITEA), l’Ente responsabile del programma ministeriale francese “REHA PUCA: Requalification de l’Habitat Collectif à haute performance énergétique”. Il confronto fra operatori verrà anticipato dalla presentazione, a cura del Politecnico di Torino, degli strumenti e delle strategie progettuali sviluppate in ambito europeo. La tavola rotonda finale con Regione Piemonte, città di Torino, Collegio dei Costruttori e gli operatori di edilizia residenziale pubblica evidenzierà le prospettive di intervento a livello regionale e nazionale.

Partecipano alla giornata, tra gli altri:

Antonio Recupero    Presidente SIAT, Società degli Ingegneri e degli Architetti in                              Torino

Rocco Curto              Direttore del Dipartimento di Architettura e Design,                                   Politecnico di Torino

Enzo Lavolta             Assessore all’Ambiente Comune di Torino e Presidente                                  Fondazione Smartcity

Augusto Ferrari        Assessore alle Politiche sociali, della famiglia e della casa,                         Regione Piemonte

Stefano Lo Russo      Assessore all’Urbanistica, Comune di Torino

Elvi Rossi                  Presidente ATC Torino

Aida Ruffini              Presidente ITEA Trento

Federico Merola       AD Fondo Immobiliare ARPINGE

Alessandro Cherio    Presidente Collegio Costruttori Torino

Articoli correlati
Proroga esame di Stato. Il Movimento 328 ottiene il sine die, ma una lettera del Presidente alle Cam...
a cura del Movimento Nazionale DPR328 Data di pubblicazione: 03/2012 Una lettera del...
Analisi del territorio e perequazione urbanistica
Nella sala convegni di Confindustria Bari l’incontro di approfondimento sulle opportunità della pere...
Il film "La visione di Paolo Soleri: profeta nel deserto" fa registrare il tutto esaurito
THE VISION OF PAOLO SOLERI: PROPHET IN THE DESERT  EUROPEAN PREMIERE!  SOFIA, BULGARIA Sofia I...
Abitare in modo sostenibile riducendo i consumi in casa: se ne parla con UniAbita il 22 novembre in ...
La Cooperativa di Abitanti, insieme a istituzioni e autorevoli esponenti del mondo cooperativo, part...
Biocasa felice. Risparmio energetico e isolamento acustico nel sistema edificio-impianto
Sinergie Moderne Network conferma la sua leadership nazionale anche in occasione dei dodici ...
Progettazione BIM e riforma degli appalti
Sinergie Moderne Network ed eebuild organizzano un tour nazionale di corsi di aggiornamento tecnico,...
Lina Bo Bardi, Together
Giovedì 4 settembre 2014, a partire dalle 19 si inaugurerà, presso la Triennale di Milano, la mostra...
UPCYCLING THE EXPO - I PROGETTISTI RACCONTANO IL DOPO EXPO
Techno Souq la Rinascente Milano, 22-24 settembre 2015 ore 17.30 Nell’ambito della manifestazione “...
Il monitoraggio delle fessure nelle opere in calcestruzzo armato
Le fessure sono un fenomeno tipico di molte strutture in calcestruzzo armato, ma non sempre sono sin...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.