Norme tecniche, le novità per il settore del calcestruzzo

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

La tanto attesa approvazione della revisione delle Norme tecniche per le costruzioni ha suscitato reazioni controverse da parte degli addetti ai lavori. «È indubbio che tutto è migliorabile ma l’Atecap non può che esprimere soddisfazione per un testo che ha sostanzialmente recepito i suggerimenti della categoria, volti a rendere le Norme tecniche sempre più efficaci. Da tempo l’Associazione è al fianco del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici per la messa in campo di iniziative a supporto della qualificazione del settore. L’intenzione è quella di proseguire in questa direzione. Come in passato, l’Atecap si renderà disponibile per promuovere la massima diffusione e la rigorosa applicazione delle Norme». Il commento del Presidente Silvio Sarno, in riferimento alle disposizioni sul calcestruzzo, si inserisce nel generale contesto di collaborazione dell’Atecap (Associazione Tecnico Economica del Calcestruzzo Preconfezionato) con le Istituzioni, che ha trovato la sua massima espressione nell’Osservatorio sul calcestruzzo e sul calcestruzzo armato. Lo scorso 14 novembre, dopo un iter a dir poco sofferto, la revisione delle Norme tecniche per le costruzioni (d.m. 14/01/2008) è stata approvata a maggioranza dall’Assemblea generale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Il dibattito che ha preceduto l’approvazione e i commenti negativi che ne sono seguiti hanno riguardato aspetti che non rientrano nelle competenze della categoria dei produttori di calcestruzzo e per questo l’Associazione non ha ritenuto utile né opportuno esprimere un parere in tal senso.
Il testo definitivo delle Norme non è stato ancora reso noto ufficialmente poiché l’iter di approvazione si concluderà solo con la pubblicazione del decreto ministeriale, dopo il parere favorevole del Ministero dell’Interno e del Dipartimento della protezione Civile.
Le informazioni attualmente disponibili consentono comunque di affermare che, per quello che riguarda il materiale calcestruzzo, le Norme tecniche fanno alcuni passi avanti in termini di innovazione di prodotto e di uso sostenibile delle risorse, due concetti chiave per il nostro settore. Un’altra nota positiva di questa nuova stesura è una maggiore chiarezza delle disposizioni soprattutto in relazione ai controlli. Aspetto che contribuisce sicuramente a migliorarne l’applicazione.
I risultati ottenuti sono l’effetto, da una parte, del contributo tecnico dell’Associazione attraverso proposte di modifica e, dall’altra, della stretta collaborazione con il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici che ha consentito di trasferire all’Amministrazione quella conoscenza della realtà del settore che è alla base di normative efficaci. Questa sinergia ha portato nel 2011 alla nascita dell’Osservatorio sul calcestruzzo e sul calcestruzzo armato, un’iniziativa che ha avuto, fra gli altri, il merito di creare un canale di dialogo fra operatori e istituzioni.
Obiettivo primario dell’Osservatorio è da sempre la promozione dei controlli a garanzia del rispetto delle norme. Nella convinzione che proprio il rispetto delle norme sia il canale utile a preservare sul mercato solo le imprese realmente virtuose e meritevoli, l’Atecap si è recentemente fatta promotrice, coinvolgendo le rappresentanze maggiormente qualificate del settore, di una richiesta indirizzata la Ministro Lupi volta all’istituzionalizzazione dell’Osservatorio. Il riconoscimento formale della validità dell’iniziativa conferirebbe, infatti, all’organismo un ruolo sostanziale oltre che strategico per i controlli nel settore.

ATECAP, Associazione Tecnico Economica del Calcestruzzo Preconfezionato, riunisce da oltre venti anni i produttori italiani di calcestruzzo preconfezionato corretti e qualificati. Parte dell’Ermco, l’Associazione europea di produttori di calcestruzzo preconfezionato e componente di Federbeton e Federcostruzioni, ambedue appartenenti a Confindustria, ATECAP favorisce lo sviluppo del settore assistendo le imprese associate in tutti i campi dove si riscontrano esigenze di tipo tecnico, normativo e di mercato promuovendo, attraverso il confronto delle esperienze, l’analisi delle situazioni produttive e delle prospettive del mercato.

Roma 21/11/2014
Massimiliano Pescosolido

Articoli correlati
Il degrado del cemento
Il danneggiamento delle opere cementizie rappresenta un inevitabile evento proprio della vita stessa...
Carceri a misura d’uomo. Da edilizia penitenziaria ad architettura penitenziaria, un nuovo modello d...
Un interessante progetto di ricerca di Antonio Labalestra e Annarita Digiorgio dedicato al tema dell...
Lo spazio pubblico ai tempi della crisi: "Viaggio nei comuni delle buone pratiche"
Call for practices All’appuntamento dellla seconda edizione della Biennale del 2013 si vuole giun...
CERSAIE 2013 - 872 ESPOSITORI GIÀ PRENOTATI, UN TERZO DALL'ESTERO
L'internazionalizzazione della fiera favorita, per il secondo anno, anche dal progetto Cersaie Busin...
Oltre cinquemila visitatori per la mostra dedicata ai vetri veneziani
Napoleone Martinuzzi. Venini 1925-1931  a cura di Marino Barovier 8 settembre – 1 dicembre 2013 ...
Al via la seconda edizione del progetto Ceramic Futures
From poetry to science fiction, il progetto social sulla ceramica È iniziata in questi giorni la se...
CER_SEA Italian Style Beach Concept
Cersaie, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno racconta le s...
DA TORINO 2006 A PECHINO 2022: ARCHITETTURE PER I GIOCHI OLIMPICI
Politecnico di Torino e Tsinghua University di Pechino mettono a disposizione competenze tecniche e ...
AHEC e T.ZED Architects presentano 'The Cocoon' al Downtown Design
AMBB Furniture Manufacturing riadatta il frassino americano termicamente modificato e la quercia bia...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.