Il Padiglione del Regno di Bahrain è il primo fra gli oltre 50 self-built di Expo 2015

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Magnetti Building batte Repubblica Ceca, Cile e Kuwait e consegna il nuovo edificio.

Con un traguardo da record Magnetti Building inaugura il nuovo anno: è il Padiglione del Regno di Bahrain il primo consegnato fra gli oltre 50 self-built di Expo 2015, battendo sul finale la Repubblica Ceca, il Cile e il Kuwait.

Opera dello Studio Anne Holtrop (Amsterdam) in collaborazione con l’architetto paesaggista Anouk Vogel (Amsterdam), il Padiglione, affidato a Magnetti Building dal General Contractor Restaura Srl di Vimercate, è stato consegnato nel rispetto degli eccezionali tempi richiesti.

Lo spazio espositivo si sviluppa su una superficie di 1.500 mq dedicati alla tradizione culturale, storica e agroalimentare del Regno, in un ponte immaginario fra Oriente ed Occidente. Il design si compone di strutture verticali e orizzontali, coperture, terrazzi e percorsi pedonali, costruiti mediante elementi in calcestruzzo tridimensionali, curvi a raggio variabile adattato a ciascun dettaglio, con finitura superficiale che rievoca l’effetto levigante della sabbia e delle pietre trasportate dal vento. In fase di completamento i suggestivi giardini ipogei con il complesso impianto di irrigazione incassata, oltre a pavimentazioni e murature per la viabilità interna ed esterna; in attesa di temperature più miti, si attende solo la selezione di essenze da frutto provenienti direttamente dal Golfo Persico per definire i percorsi del padiglione.

Serietà, professionalità, know-how avanzato sono i punti cardine che hanno consentito al Gruppo Magnetti di tagliare il nastro della corsa Expo che lo vede protagonista, con il Padiglione del Bahrain, con i prodotti dalla divisione Magnetti Pavimentazioni e Murature per le “Vie D’Acqua”, e con l’acquisizione – proprio alla fine dello scorso anno – della commessa del Padiglione del Turkmenistan. Anche la nuova opera, in lavorazione in queste settimane di frenetico entusiasmo e orgoglio per gli importanti risultati ottenuti, avrà tempi di esecuzione e consegna che rispetteranno l’imminente apertura di Expo.

Articoli correlati
DAL PROGETTO CASA CAPRIATA NASCE IL RIFUGIO CARLO MOLLINO
Il Comune di Gressoney Saint Jean e il Politecnico di Torino dedicano al Maestro Mollino un’architet...
Orto fra i cortili
Un progetto di green architecture che coniuga recupero della tradizione e funzionalità strutturale. ...
Austria, lo spettacolo dell’eccellenza in dialogo con la natura
Correva l’anno 1981 quando il Dr. Hans Liebherr, imprenditore e visionario ebbe l’idea di costruire,...
BORGO VIONE: TRA NATURA ED ECOSOSTENIBILITÀ
A Borgo Vione, cittadina secolare risalente all’alto Medioevo (sec.XI), oggi oggetto di un recupero ...
Expo 2015, Binini Partners alla Triennale di Milano a fianco del Gruppo Ospedaliero San Donato per p...
La società di progettazione Binini Partners è stata scelta dal Gruppo Ospedaliero San Donato per la ...
Legno ad alte prestazioni per il risparmio energetico
La scelta di una casa in legno rappresenta oggi una soluzione eccellente per garantire comfort e ben...
Luce e vetro per valorizzare il paesaggio senza rinunciare alla privacy
Italia – Villa Privata – Parma (PR)  Situata alle porte di Parma in un quartiere residenziale che...
Vanke Metropolis 79. L’architettura neoclassica di Robert Stern ad Hangzhou, città che ospiterà il p...
Grazie alla sapienza di un archistar americana d’eccezione, il colosso del real estate cinese Vanke ...
L’IMPIANTO SPORTIVO DI SELARGIUS
Dopo un’estate di rilevanti lavori di riqualificazione dell’impianto sportivo di Selargius, in provi...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.