Progetto residenziale di nuova abitazione. Semplicità minimalista ed elementi ricercati

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Situata a Castelfranco Veneto, questa nuova abitazione seduce con la sua bellezza giocata su un’eleganza minimale.

Caldi e accoglienti, gli interni  si presentano raffinati e piacevoli prendendo però le distanze da un’eleganza rarefatta: i materiali stessi contribuiscono a questo gioco di rottura degli schemi, nel loro utilizzo spesso per contrasto. Ecco quindi che il legno recuperato viene impiegato con un innovativo rivestimento cementizio e che il contrasto connota lo spazio, non solo negli effetti materici, ma manche nelle forme, dalle gambe incrociate del tavolo, alle sedute in tessuto grezzo, fino alle lampade in perfetto stile vintage anni Cinquanta.

L’inconfondibile cifra stilistica dello Studio di design di Paola Aceti si esprime proprio in questo approccio “ironico”che ama la contaminazione mixando i materiali ed i complementi d’arredo. Lo stile attinge a varie  identità in cui nordico, moderno, shabby-chic ed eco-chic convivono in perfetta armonia.  Con l’accortezza di non creare ambienti troppo artificiosi, difficili da vivere per chi abita e poco accoglienti per chi li visita.

I colori sono chiari, morbidi, caldi,  avvolgono al primo sguardo con tonalità tenui e naturali che illuminano gli interni: l’immenso living che senza interruzione alcuna prosegue nella cucina ad isola segue i dettami costruttivi dello spazio aperto minimalista, ma lo reinterpreta dandogli un’anima di ambiente vissuto. Il parapetto della scala, realizzato in vetro, alleggerisce la struttura e con la sua trasparenza amplia lo spazio favorendo un dialogo tra le diverse aree funzionali  dell’abitazione. Alla base di tutto la semplicità, che non si declina però in elementi banali e privi di ogni particolarità. Dalla elementarità di linee pulite ed essenziali, lo spazio viene progettato arricchendosi di dettagli ricercati e mobilio interessante, senza rinunciare a insoliti oggetti marcatamente estrosi.

Il rivestimento gioca in contrasto con il parquet del pavimento regalando originalità ad  alcune parti della casa: le scale, i pilastri di fronte ad esse, la grande panca accanto al tavolo realizzata su misura  ed i due bagni interamente rivestiti, dalle pareti, ai pavimento, fino ai rivestimenti.

La caratteristica primaria alla base delle nostre scelte – dichiara Paola Aceti, titolare dello studio di design che ha realizzato il progetto – è la capacità del materiale di rendere monolitica praticamente qualunque cosa, dando continuità ad ogni oggetto senza alcuna fuga e variazione di colore, proprietà particolarmente apprezzata nel rivestimento dei complementi d’arredo.

Duttilità e  lavorabilità sono caratteristiche essenziali per i rivestimenti sia  in verticale, sia in orizzontale e  per dare forma ad un ambiente minimale e contemporaneo.

La scala è elemento portante dello spazio soggiorno; la scala in cemento con lato inferiore inclinato prevista da capitolato richiedeva una personalizzazione inedita ed unica, proprio per la sua visibilità centrale. Come racconta la designer, era fondamentale pensare ad una finitura elegante in grado di consentire una buona armonizzazione con gli altri materiali in modo semplice, immediato, quasi naturale.

Rendere la scala continua, eliminando ogni  antiestetica fuga  e imperfezione e  uniformandone quindi l’aspetto – continua Paola Aceti – ci è sembrato il modo migliore per integrarla con i pilastri, semplificando al massimo l’intervento al fine di ottenere un elemento semplice, ma sempre con dei dettagli interessanti; come si può notare con la scelta d’inserire una pedana tra i pilastri della scala con elemento cubico o l’ inserto in legno di recupero”.

SCHEDA SINTESI PROGETTO

Committente: Umbertino Bonaldi.

Progettazione: Spazio Volume Colori – Designer: Paola Aceti, Matteo Ferramosca, Francesca Gumirato.

Rivestimenti: Ideal Work Microtopping.

Foto: Michela Pace.

Articoli correlati
L'antitesi dello spazio
CARCERI D’INVENZIONE Incontro presso LA CASA CIRCONDARIALE DI BARI L’ANTITESI DELLO SPAZIO Salut...
WikiHouse, la casa a due piani con tecnologia open source
Edilizia sostenibile combinata a tecnologie open source. I disegni del progetto, scaricabili da inte...
Centro Natatorio Cascade. Discrezione nel paesaggio
Benessere e tecnologia trasparente nel cuore della Val di Tures. Oasi di benessere e meta del turism...
Il Padiglione del Regno di Bahrain è il primo fra gli oltre 50 self-built di Expo 2015
Magnetti Building batte Repubblica Ceca, Cile e Kuwait e consegna il nuovo edificio. Con un tragu...
Park Hyatt Milano presenta il nuovo Dehors del MIO
Ultimo atto del processo di rinnovamento avviato con l’apertura del nuovo Bar è l’apertura del Dehor...
In UniCredit Pavilion germoglia Mini Tree
Presentato il nuovo asilo nido ideato con Reggio Children, ospiterà sino a 60 bambini di età compres...
L’Orto fra i cortili di Piuarch per Green City Milano
Il 3 Ottobre in programma un open day e un simposio sui temi della rigenerazione urbana. Sabato 3 O...
Riba Sterling Prize: Secco Sistemi tra i finalisti
Maggie’s Cancer Caring Centre entra nella shortlist del prestigioso premio d’architettura britannico...
Biosphera 2.0 La casa del futuro ad energia zero installata ai piedi del Monte Bianco
Prima tappa di un road show internazionale di 12 mesi che porterà il modulo abitativo itinerante a...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.