Orto fra i cortili

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Un progetto di green architecture che coniuga recupero della tradizione e funzionalità strutturale.

Orto fra i cortili  è il titolo dell’intervento che Piuarch, studio di architettura e ingegneria con sede a Brera, realizzerà, in occasione di Fuorisalone 2015, per il progetto di riqualificazione di un immobile ubicato nel cuore della stessa città. L’intento dei progettisti è di migliorare le prestazioni energetiche e funzionali dell’edificio garantendone anche il consolidamento strutturale, ma non solo: i trecento metri quadrati di superficie del lastrico solare diventeranno un orto urbano permanente dove mettere a dimora piante officinali appartenenti alla tradizione storica della medicina. Una specie di farmacia a cielo aperto che consisterà nella piantumazione di piante officinali dalle proprietà medicali e terapeutiche usate per secoli nelle officine farmaceutiche, ma anche un viaggio nel tempo per recuperare un tema storico legato al sapere scientifico. Un ecosistema completo che seguirà l’alternarsi delle stagioni per autorigenerarsi ciclicamente.

Il sistema modulare con i Pallet

Alla base del progetto, l’impiego di un sistema modulare che utilizza dei pallet, sia per realizzare il piano di calpestio che per contenere il terreno, in modo da costruire strutture facilmente assemblabili attraverso cui coniugare estetica e funzionalità nella riqualificazione delle superfici residuali.

L’Orto fra i cortili è molte cose in una: prima di tutto un progetto di riqualificazione energetica dell’edificio, poi uno strumento paesaggistico, decorativo, di autoproduzione alimentare, un nuovo spazio di rappresentanza, socialità e coworking.

Le piante creano un ecosistema che favorisce la biodiversità, riduce la filiera alimentare e garantisce la genuinità dei prodotti.

Lo strato di vegetazione migliora l’isolamento e incrementa l’inerzia termica dei locali sottostanti. Il sistema a pallet permette inoltre il controllo delle acque piovane, riducendone il flusso.

Il verde e la struttura

Il progetto del verde è stato realizzato da Cornelius Gavril, paesaggista e designer, in collaborazione con VerdeVivo.

L’intervento di consolidamento strutturale dell’edificio prevede il rinforzo della struttura preesistente mediante l’impiego di travi in vetroresina realizzate da PCR. I profilati invece sono compositi realizzati in fibra di vetro con matrice in resina termoindurente. L’utilizzo di una struttura in vetroresina consente di realizzare dei rinforzi strutturali mediante sistemi leggeri, facili da montare, resistenti agli agenti atmosferici e totalmente riciclabili.

Il sistema di riqualificazione verde proposto da Piuarch si propone come un modello di progetto e, proprio per questa ragione, è stato realizzato in accordo con Vivai Mandelli che fornirà progettazione ed impianto dei moduli.

Articoli correlati
URBANISTICA MODERNA: LE ORIGINI
di Filippo Salvatore CARLO Le origini dell’ urbanistica moderna si potrebbero ricercare in alcune s...
GRATTACIELI: UN NUOVO RECORD DOPO IL BURJ KHALIFA
di ing. Mario Mancini  Soltanto un anno fa scrissi l’articolo sull’allora grattacielo dei record: i...
Il rifugio Piz Boè. Il primo KlimaHotel dell’Alta Badia
Nasce in un mix fra tradizione e tecnologia il nuovo rifugio a monte della cabinovia Boé a 2.190 met...
Giovane studio di architettura italiano disegna il primo progetto di forma libera nella storia dell'...
L’architetto Nir Sivan presenta il suo primo lavoro in Brasile: l’Onda Carioca di Rio De Janeiro. R...
Torna a Expo Real la collettiva italiana ‘Invest in Italy’
In mostra a Monaco le più interessanti opportunità immobiliari pubbliche e private del nostro Paese....
Il padiglione dell'Iran all'Expo di Milano
Il progetto della struttura espositiva, seguito dall’architetto Asghar Firouzabadi con RPA srl, mode...
Regno Unito - New Bodleian Library/Weston Library – Oxford
La New Bodleian Library, edificio completamente ristrutturato e riaperto recentemente dopo quattro a...
Uno sfondo ideale per l’arte contemporanea, nel nuovo Museo Prada
Le soluzioni scelte con un ricercato effetto cemento valorizzano al meglio le opere esposte nel nuov...
La metamorfosi dei luoghi della città
Sabato 27 gennaio 2017, a partire dalle ore 17,45 il Gruppo FAI Giovani di Bari organizza un incontr...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.