Orto fra i cortili

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Un progetto di green architecture che coniuga recupero della tradizione e funzionalità strutturale.

Orto fra i cortili  è il titolo dell’intervento che Piuarch, studio di architettura e ingegneria con sede a Brera, realizzerà, in occasione di Fuorisalone 2015, per il progetto di riqualificazione di un immobile ubicato nel cuore della stessa città. L’intento dei progettisti è di migliorare le prestazioni energetiche e funzionali dell’edificio garantendone anche il consolidamento strutturale, ma non solo: i trecento metri quadrati di superficie del lastrico solare diventeranno un orto urbano permanente dove mettere a dimora piante officinali appartenenti alla tradizione storica della medicina. Una specie di farmacia a cielo aperto che consisterà nella piantumazione di piante officinali dalle proprietà medicali e terapeutiche usate per secoli nelle officine farmaceutiche, ma anche un viaggio nel tempo per recuperare un tema storico legato al sapere scientifico. Un ecosistema completo che seguirà l’alternarsi delle stagioni per autorigenerarsi ciclicamente.

Il sistema modulare con i Pallet

Alla base del progetto, l’impiego di un sistema modulare che utilizza dei pallet, sia per realizzare il piano di calpestio che per contenere il terreno, in modo da costruire strutture facilmente assemblabili attraverso cui coniugare estetica e funzionalità nella riqualificazione delle superfici residuali.

L’Orto fra i cortili è molte cose in una: prima di tutto un progetto di riqualificazione energetica dell’edificio, poi uno strumento paesaggistico, decorativo, di autoproduzione alimentare, un nuovo spazio di rappresentanza, socialità e coworking.

Le piante creano un ecosistema che favorisce la biodiversità, riduce la filiera alimentare e garantisce la genuinità dei prodotti.

Lo strato di vegetazione migliora l’isolamento e incrementa l’inerzia termica dei locali sottostanti. Il sistema a pallet permette inoltre il controllo delle acque piovane, riducendone il flusso.

Il verde e la struttura

Il progetto del verde è stato realizzato da Cornelius Gavril, paesaggista e designer, in collaborazione con VerdeVivo.

L’intervento di consolidamento strutturale dell’edificio prevede il rinforzo della struttura preesistente mediante l’impiego di travi in vetroresina realizzate da PCR. I profilati invece sono compositi realizzati in fibra di vetro con matrice in resina termoindurente. L’utilizzo di una struttura in vetroresina consente di realizzare dei rinforzi strutturali mediante sistemi leggeri, facili da montare, resistenti agli agenti atmosferici e totalmente riciclabili.

Il sistema di riqualificazione verde proposto da Piuarch si propone come un modello di progetto e, proprio per questa ragione, è stato realizzato in accordo con Vivai Mandelli che fornirà progettazione ed impianto dei moduli.

Articoli correlati
Il recupero della città antica, il caso di Bari
Il contesto della città antica presenta problematiche variegate e complesse in relazione alla popola...
Il verde e la riqualificazione degli spazi pubblici
Nell'ambito della manifestazione Primavera Mediterranea - Architettura verde città, che si è svolta ...
Giovane studio di architettura italiano disegna il primo progetto di forma libera nella storia dell'...
L’architetto Nir Sivan presenta il suo primo lavoro in Brasile: l’Onda Carioca di Rio De Janeiro. R...
Complesso residenziale a Pomezia. Tradizione ed eleganza
A Pomezia, in provincia di Roma, un imponente complesso residenziale è il risultato di un disegno ...
Riapre il Turin Palace Hotel
Il prestigioso palazzo di proprietà di Reale Immobili è stato rinnovato con un’architettura in conti...
LO SGUARDO DEL PAESAGGIO. Un viaggio attraverso il paesaggio italiano
Giovedì 18 giugno 2015 ore 11.00, Sala Napoleonica Paola Di Bello e Ignazio Gadaleta presentano il ...
Il restauro di Palazzo Sgariglia
I lavori di restauro del cinquecentesco edificio ascolano sono stati realizzati nell'ambito di un pr...
Interni industriali e recupero dei materiali tradizionali
A ridosso delle mura medievali, che racchiudono il centro storico di Castefranco Veneto, è stata rec...
Case More: la natura entra in casa
La possibilità di vivere la natura sia in esterno che in interno costituisce un importante fattore d...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.