L’illuminazione del Palazzo del Sultanato dell’Oman rivela l’architettura

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Con i suoi cinque chilometri di facciata, l’edificio si presentava come un progetto di particolare complessità architettonica e storica. La soluzione dei progettisti unisce estetica e tecnologia.

Il nuovo palazzo del Parlamento, conosciuto anche come Majlis Oman, costato oltre 150 milioni di dollari e portato a termine all’inizio del 2013, è stato concepito per diventare l’edificio simbolo della capitale del Sultanato Mascate. 101.000 metri quadrati di area complessiva comprendenti un nuovo edificio, che ospita la Camera alta e la Camera bassa del Parlamento, l’area VIP, un Centro informazioni, una biblioteca e altri uffici oltre a strutture adiacenti. La Royal Court of Affairs del Sultanato dell’Oman ha affidato a Visual Energy l’incarico di progettare l’illuminazione della facciata e delle aree adiacenti.

Cinque chilometri di superficie da illuminare richiedevano una soluzione attuabile dal punto di vista economico, ma soprattutto in grado di esaltare le linee e i profili architettonici dell’edificio. Un intervento tutt’altro che semplice per i progettisti che, fin dalle prime fasi, hanno dovuto trovare un sistema di illuminazione che esaltasse i particolari dell’opera muraria, in modo da renderli visibili da una distanza minima di 250 m per il pubblico e anche da vicino per VIP e dignitari.

Un intervento complesso, con la richiesta di ottenere un effetto wallwasher controllato che dal fondo coprisse quasi tutta l’altezza delle pareti, circa 38 m. Una cosa possibile grazie alla moderna tecnologia led, ma che si scontrava con la difficoltà di installare 5 chilometri di luce senza interruzioni visibili sulle pareti e con la richiesta da parte della committenza, di installare solo apparecchi in acciaio inox, resistenti alla salinità marina, con alimentazione interna in modo da ridurre al  minimo la visibilità dei cavi. Lavorando a stretto contatto con Linea Light Group, Visual Energy ha progettato una soluzione personalizzata di apparecchi a LED lineari e interrati, che consentono uno scarto minore dalla parete (900 mm). Tre i prodotti utilizzati, fra i quali profili luminosi a LED per creare linee di luce in qualsiasi contesto e in particolare in ambienti esterni. La tecnologia i-LèD, infatti, unita allo studio accurato dei materiali utilizzati, rende questi profili adatti per installazioni anche in zone soggette a situazioni climatiche e ambientali critiche.

Articoli correlati
GRATTACIELI: UN NUOVO RECORD DOPO IL BURJ KHALIFA
di ing. Mario Mancini  Soltanto un anno fa scrissi l’articolo sull’allora grattacielo dei record: i...
A Champigny Sur Marne, Piuarch progetta un edificio per uffici che ridisegna lo spazio urbano
Piuarch si è aggiudicata il concorso di progettazione internazionale indetto dalla società IDF Habit...
Casa Botticelli: l'evoluzione di un'idea
Un progetto pilota per la Sicilia: una villa unifamiliare realizzata sulle pendici dell'Etna diventa...
Premio KNX Italia 2014. I migliori progetti
Venerdì 14 novembre 2014, nella cornice della Stazione Leopolda di Firenze, si sono svolte le premia...
Casa Bianca, un esempio di social housing virtuoso.
Rispetto dell’ambiente, risparmio energetico, riduzione delle emissioni di CO2, produzione prodotti ...
La riqualificazione dell’area archeologica di Piazza San Vitale a San Salvo
Recentemente grazie al lavoro degli architetti Alessandro Vitale, Lucia Secondo e Stefania Giardinel...
In UniCredit Pavilion germoglia Mini Tree
Presentato il nuovo asilo nido ideato con Reggio Children, ospiterà sino a 60 bambini di età compres...
LA SFIDA DEL CUBO DI GHIACCIO SBARCA SUL LARIO
BLM Domus porta il progetto itinerante a ComoCasaClima 2015. Tradate (Va), 7 ottobre 2015 – La sfid...
LA CASA RIFLESSA NELL’ACQUA
Lo spazio esterno di una nuova villa edificata in provincia di Udine vede l’installazione dell’innov...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.