L’illuminazione del Palazzo del Sultanato dell’Oman rivela l’architettura

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Con i suoi cinque chilometri di facciata, l’edificio si presentava come un progetto di particolare complessità architettonica e storica. La soluzione dei progettisti unisce estetica e tecnologia.

Il nuovo palazzo del Parlamento, conosciuto anche come Majlis Oman, costato oltre 150 milioni di dollari e portato a termine all’inizio del 2013, è stato concepito per diventare l’edificio simbolo della capitale del Sultanato Mascate. 101.000 metri quadrati di area complessiva comprendenti un nuovo edificio, che ospita la Camera alta e la Camera bassa del Parlamento, l’area VIP, un Centro informazioni, una biblioteca e altri uffici oltre a strutture adiacenti. La Royal Court of Affairs del Sultanato dell’Oman ha affidato a Visual Energy l’incarico di progettare l’illuminazione della facciata e delle aree adiacenti.

Cinque chilometri di superficie da illuminare richiedevano una soluzione attuabile dal punto di vista economico, ma soprattutto in grado di esaltare le linee e i profili architettonici dell’edificio. Un intervento tutt’altro che semplice per i progettisti che, fin dalle prime fasi, hanno dovuto trovare un sistema di illuminazione che esaltasse i particolari dell’opera muraria, in modo da renderli visibili da una distanza minima di 250 m per il pubblico e anche da vicino per VIP e dignitari.

Un intervento complesso, con la richiesta di ottenere un effetto wallwasher controllato che dal fondo coprisse quasi tutta l’altezza delle pareti, circa 38 m. Una cosa possibile grazie alla moderna tecnologia led, ma che si scontrava con la difficoltà di installare 5 chilometri di luce senza interruzioni visibili sulle pareti e con la richiesta da parte della committenza, di installare solo apparecchi in acciaio inox, resistenti alla salinità marina, con alimentazione interna in modo da ridurre al  minimo la visibilità dei cavi. Lavorando a stretto contatto con Linea Light Group, Visual Energy ha progettato una soluzione personalizzata di apparecchi a LED lineari e interrati, che consentono uno scarto minore dalla parete (900 mm). Tre i prodotti utilizzati, fra i quali profili luminosi a LED per creare linee di luce in qualsiasi contesto e in particolare in ambienti esterni. La tecnologia i-LèD, infatti, unita allo studio accurato dei materiali utilizzati, rende questi profili adatti per installazioni anche in zone soggette a situazioni climatiche e ambientali critiche.

Articoli correlati
Hangzhou Bay Bridge - Cina
Il ponte trans-oceanico più lungo del mondo di Ing. Mario MANCINI . L’Hangzhou Bay Bridge con i s...
Piazza Castello a Milano: uno spazio pubblico condiviso
In mostra alla Triennale di Milano i progetti per la riqualificazione della storica area Milanese. P...
Il Padiglione del Regno di Bahrain è il primo fra gli oltre 50 self-built di Expo 2015
Magnetti Building batte Repubblica Ceca, Cile e Kuwait e consegna il nuovo edificio. Con un tragu...
Tre Frecce per “Accorciare Le Distanze”
Il progetto vincitore del bando promosso dal Comune e dal Centro Commerciale Naturale di Bedonia per...
Padiglione Caritas per Expo 2015. Dividere per moltiplicare
Piuarch progetta il padiglione Caritas per Expo 2015, dando dimensione fisica al tema della division...
A CITYLIFE AL VIA IL GETTO DI FONDAZIONE DELLA TORRE PROGETTATA DA DANIEL LIBESKIND
Milano, 27 novembre 2015 - Si è svolta ieri la cerimonia di avvio del getto delle fondazioni della...
Tradizione e tecnologia a Sacca Sesola
Un’isola artificiale della Laguna veneziana, a soli 15 minuti di battello da piazza San Marco, già n...
Una nuova stella sulla Königsallee, firmata Daniel Libeskind
Firmato dall'archistar statunitense Daniel Libeskind, il Kö-Bogen I fissa nuovi standard per la rige...
Il Museo diocesano di Sutri
Un confronto continuo tra antico e moderno, un dialogo virtuoso tra finiture e superfici, che si tra...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.