Park Hyatt Milano presenta il nuovo Dehors del MIO

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Ultimo atto del processo di rinnovamento avviato con l’apertura del nuovo Bar è l’apertura del Dehors del Mio.

Con l’apertura del nuovo Dehors del MIO si completa il processo di rinnovamento degli ambienti che Park Hyatt Milano ha avviato nello scorso gennaio e che hanno interessato il Ristorante VUN, il Bar MIO e, infine, proprio il Dehors dell’hotel.

Progettato dall’architetto Flaviano Capriotti, che ha firmato l’intero restie realizzato da Roda, il Dehors si presenta non solo rinnovato negli arredi ma anche più esteso e versatile rispetto al passato: 25 i posti a sedere della nuova struttura, che resterà aperta anche in inverno consentendo la vista sulla Galleria da un ambiente riservato ed esclusivo.

Concept e arredi

Per trasferire all’ospite un senso di naturalezza e comfort è stato scelto un materiale naturale come il teak. L’allestimento floreale ha un carattere spontaneo, concepito per vivere in tutte le stagioni, con fioriture e profumi diversi lungo tutto l’arco dell’anno: essenze mediterranee come rosmarino e mirto, fiori come camelia e azalea vivono sia sul perimetro che all’interno della terrazza in vasi artigianali di terracotta toscana.

L’arredamento, prodotto da Roda, è stato selezionato per offrire il massimo comfort e flessibilità ed è disposto in modo da garantire privacy tra le varie composizioni. La collezione di sedute Orson disegnata da Gordon Guillaumier è declinata nella versione pieghevole per esterno, rivisitazione in chiave contemporanea della classica sedia da regista, e in quella total wood: il tutto in perfetto equilibrio tra solidità e leggerezza con il tavolo Stem – disegnato da Rodolfo Dordoni – per dare insieme eleganza, solidità  e leggerezza.

Articoli correlati
Hortus conclusus | giardino planetario
… Il torrente impetuoso che scende dalle montagne va a perdersi nei precipizi, ma la più piccola goc...
Concorso internazionale di progettazione con strutture in legno. In palio oltre novemila euro
Marlegno Prefabricated Wooden Buildings, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Bergamo,...
Il Padiglione del Regno di Bahrain è il primo fra gli oltre 50 self-built di Expo 2015
Magnetti Building batte Repubblica Ceca, Cile e Kuwait e consegna il nuovo edificio. Con un tragu...
Piuarch progetta il padiglione Enel per EXPO 2015
650 vettori in policarbonato per esprimere l’innovazione della smart grid. Nel progettare il Padigl...
Vanke Metropolis 79. L’architettura neoclassica di Robert Stern ad Hangzhou, città che ospiterà il p...
Grazie alla sapienza di un archistar americana d’eccezione, il colosso del real estate cinese Vanke ...
L’Orto fra i cortili di Piuarch per Green City Milano
Il 3 Ottobre in programma un open day e un simposio sui temi della rigenerazione urbana. Sabato 3 O...
LA SFIDA DEL CUBO DI GHIACCIO SBARCA SUL LARIO
BLM Domus porta il progetto itinerante a ComoCasaClima 2015. Tradate (Va), 7 ottobre 2015 – La sfid...
Biosphera 2.0 La casa del futuro ad energia zero installata ai piedi del Monte Bianco
Prima tappa di un road show internazionale di 12 mesi che porterà il modulo abitativo itinerante a...
Il sistema Easy House
Il sistema Easy House è stato scelto per essere esposto alla Triennale di Milano, presso la location...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.