Park Hyatt Milano presenta il nuovo Dehors del MIO

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Ultimo atto del processo di rinnovamento avviato con l’apertura del nuovo Bar è l’apertura del Dehors del Mio.

Con l’apertura del nuovo Dehors del MIO si completa il processo di rinnovamento degli ambienti che Park Hyatt Milano ha avviato nello scorso gennaio e che hanno interessato il Ristorante VUN, il Bar MIO e, infine, proprio il Dehors dell’hotel.

Progettato dall’architetto Flaviano Capriotti, che ha firmato l’intero restie realizzato da Roda, il Dehors si presenta non solo rinnovato negli arredi ma anche più esteso e versatile rispetto al passato: 25 i posti a sedere della nuova struttura, che resterà aperta anche in inverno consentendo la vista sulla Galleria da un ambiente riservato ed esclusivo.

Concept e arredi

Per trasferire all’ospite un senso di naturalezza e comfort è stato scelto un materiale naturale come il teak. L’allestimento floreale ha un carattere spontaneo, concepito per vivere in tutte le stagioni, con fioriture e profumi diversi lungo tutto l’arco dell’anno: essenze mediterranee come rosmarino e mirto, fiori come camelia e azalea vivono sia sul perimetro che all’interno della terrazza in vasi artigianali di terracotta toscana.

L’arredamento, prodotto da Roda, è stato selezionato per offrire il massimo comfort e flessibilità ed è disposto in modo da garantire privacy tra le varie composizioni. La collezione di sedute Orson disegnata da Gordon Guillaumier è declinata nella versione pieghevole per esterno, rivisitazione in chiave contemporanea della classica sedia da regista, e in quella total wood: il tutto in perfetto equilibrio tra solidità e leggerezza con il tavolo Stem – disegnato da Rodolfo Dordoni – per dare insieme eleganza, solidità  e leggerezza.

Articoli correlati
GRATTACIELI: UN NUOVO RECORD DOPO IL BURJ KHALIFA
di ing. Mario Mancini  Soltanto un anno fa scrissi l’articolo sull’allora grattacielo dei record: i...
Ginevra, Maison de la Paix
La Maison de la Paix è, oltre che un progetto architettonico avveniristico, l’espressione costruttiv...
Massima tenuta all'aria minimo consumo energetico. È casa Natalucci
Una casa unifamiliare ispirata agli stilemi modernisti, altamente sostenibile dal punto di vista amb...
Expo 2015, Binini Partners alla Triennale di Milano a fianco del Gruppo Ospedaliero San Donato per p...
La società di progettazione Binini Partners è stata scelta dal Gruppo Ospedaliero San Donato per la ...
Dornbracht @432 Park Avenue: lussuosi appartamenti sui tetti di New York
Iserlohn/New York, 432 Park Avenue a New York City, è un edificio straordinario: con un’altezza di 4...
Interni industriali e recupero dei materiali tradizionali
A ridosso delle mura medievali, che racchiudono il centro storico di Castefranco Veneto, è stata rec...
Borgo della Spiga: una country house nel cuore delle Marche
Un antico borgo da riqualificare, la voglia di mettersi in gioco e una sfida che diviene un progetto...
Il padiglione dell'Iran all'Expo di Milano
Il progetto della struttura espositiva, seguito dall’architetto Asghar Firouzabadi con RPA srl, mode...
Il restauro della cascina agricola di Borgo Merlassino
Nella campagna piemontese di Novi Ligure sorge Borgo Merlassino un complesso agricolo dell’ottocento...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.