ANDREA BRANZI FIRMA LA DONAZIONE 2015 DELLA FONDAZIONE ALDO MORELATO

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

La FONDAZIONE ALDO MORELATO, sempre più attiva nella promozione e divulgazione delle arti applicate, ha ricevuto per il 2015 in donazione un’opera firmata dall’architetto Andrea Branzi.

La sedia Nikko entrerà così a far parte ufficialmente dell’ampia e multiforme collezione della permanente che la FONDAZIONE ALDO MORELATO ha allestito presso la propria sede a Villa Dionisi: MAAM, ovvero il Museo delle Arti Applicate nel Mobile, che si arricchisce di una firma che ha fatto la storia dell’abitare contemporaneo, un professionista simbolo di avanguardia a livello internazionale.

La donazione, prodotta dall’azienda MORELATO, è una seduta in legno multistrato di betulla con impiallacciatura in essenza di pero ed inserti in wengé. Dimensioni: L 50 P 52 H 89 cm.

Andrea Branzi non ha certo bisogno di presentazioni, perché basta citare il nome per riportare alla memoria una biografia da archistar. Questa collaborazione prestigiosa è una delle ultime che la FONDAZIONE ALDO MORELATO ha siglato con nomi autorevoli dell’architettura mondiale in questi anni: nel 2014 Adolfo Natalini che ha donato il tavolino Frammento Misura, nel 2013 Mario Botta con la poltroncina Chaise Morelato (entrata in produzione nella collezione contemporanea dell’azienda MORELATO), nel 2012 Piero Lissoni con la libreria Codex, nel 2011 Paola Navone con la consolle Layer e tanti altri da Marco Ferreri a Michele De Lucchi, Fabio Novembre, Paolo Deganello, Aldo Cibic.

Queste donazioni sono la testimonianza che ripaga e premia  la tenace dedizione e il costante impegno della FONDAZIONE ALDO MORELATO, che sotto la guida del Presidente Giorgio Morelato e del Direttore Artistico Architetto Ugo La Pietra, promuove ormai da oltre un decennio l’arte e la cultura attraverso numerose attività con rilevanza a livello internazionale.

*ANDREA BRANZI, architetto e designer, nato a Firenze nel 1938, dove si è laureato nel 1966, vive e lavora a  Milano dal 1973. Dal 1964 al 1974 ha fatto parte del gruppo Archizoom Associati, primo gruppo di avanguardia noto in campo internazionale, i cui progetti sono oggi conservati presso il Centro Studi e Archivio della  Comunicazione dell’Università di Parma;  la sua tesi di laurea e numerosi progetti sono conservati presso il Centro Georges Pompidou di Parigi. Co-fondatore di Domus Academy, prima scuola internazionale post-laurea di design. Autore di numerosi libri sulla storia e la teoria del design, ha curato numerose mostre di questo settore in Italia e all’estero. Nel 1987 ha ricevuto il Compasso d’Oro alla carriera. E’ Professore Ordinario e Presidente del Corso di Laurea alla Facoltà di Interni e Design al Politecnico di Milano.

Articoli correlati
NAPOLEONE MARTINUZZI. VENINI 1925–1931
L’8 settembre 2013 apre al pubblico sull’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia la mostra Napoleone...
Oltre cinquemila visitatori per la mostra dedicata ai vetri veneziani
Napoleone Martinuzzi. Venini 1925-1931  a cura di Marino Barovier 8 settembre – 1 dicembre 2013 ...
Luca Meda, la felicità del progetto
La Triennale di Milano dedica una mostra al progettista e designer del Gruppo Molteni. La mostra in...
Il Centro Ceramico organizza incontri di formazione e ricerca per aziende del settore ceramico.
Il Centro Ceramico (Centro di ricerca e sperimentazione per l'industria ceramica), che rappresenta d...
Il design parigino si fa italiano e diventa arte contemporanea
Inspiration, la sofisticata collezione nata dalle linee di tendenza del design di interni parigino e...
Strutture di recupero industriale divengono moderni edifici adibiti al self-storage
Milano, 24 agosto 2015 – C’è una struttura particolarmente peculiare nel contesto urbano: quella del...
OMAGGIO AD ACHILLE E PIER GIACOMO CASTIGLIONI
Dal 21 ottobre al 7 novembre 2015 Zanotta Shop, in Piazza del Tricolore a Milano, si trasforma in un...
DRESS YOUR CHAIR
Diemmebi lancia il primo non-concorso di sperimentazione democratica nell'industrial design italiano...
Il vetro degli architetti. Vienna 1900-1937
Con oltre 300 opere, in gran parte provenienti dal MAK di Vienna, LE STANZE DEL VETRO dedica l’espos...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.