LO SGUARDO DEL PAESAGGIO. Un viaggio attraverso il paesaggio italiano

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Giovedì 18 giugno 2015 ore 11.00, Sala Napoleonica
Paola Di Bello e Ignazio Gadaleta presentano il libro:

Giuseppe Goffredo
LO SGUARDO DEL PAESAGGIO
Un viaggio attraverso il paesaggio italiano
fotografie di Cosmo Laera

Interventi di: Giovanna Calvenzi, critico, curatore e photoeditor; Paola Di Bello, docente di fotografia; Ignazio Gadaleta, docente di pittura; Giuseppe Goffredo, scrittore; Gaetano Grillo, docente di pittura; Cosmo Laera, docente di fotografia.

Introduce Franco Marrocco, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Brera.


Il paesaggio è l’altro da sé senza il quale il sé è buio. Il paesaggio in questo senso non è che uno specchio in cui ci vediamo riflessi. L’altro da noi, appunto, in cui non solo ci riconosciamo, ma ci sentiamo riconosciuti. Poiché il paesaggio che guardiamo a sua volta ci guarda. Ci riguarda. Anzi fa il nostro sguardo.

Ci sono, allora, dei paesaggi da cui originano tutti gli altri paesaggi. Un gioco di rifrazioni complicato e infinitamente complesso. Non c’è viaggio senza il paesaggio e non c’è viaggio in cui non si costruisce un paesaggio. Il viaggio non è che il paesaggio che prende lo sguardo. Il sentimento e la consapevolezza dei luoghi ci chiamano, ci toccano, ci segnano, anche se li osserviamo solo per un istante. Il moto stesso del paesaggio determina il moto della scrittura e il suo ritmo.

Sembra inarrestabile in Italia la disintegrazione del paesaggio che è anche il disfacimento della nostra soggettività culturale e di civiltà. Le conseguenze purtroppo sono irreparabili: la terra non tiene; i fiumi strangolati escono dai loro letti; le falde subiscono l’inquinamento dei rifiuti tossici. Cosa ci rimane? Come possiamo vivere? Dove ritrovare il senso della bellezza e dell’essere?

Questo libro di Giuseppe Goffredo cerca di ritrovare con il linguaggio della poesia “lo sguardo del paesaggio”: lasciando che sia il paesaggio stesso a parlare. Parallelo alla scrittura corre il viaggio fotografico di Cosmo Laera con il suo sguardo che spesso si piega alla metafisica. Sicché insieme il poeta e il fotografo cercano di restituire al Paesaggio Italiano la sua bellezza e la luce più segreta. Il paesaggio non parla se non a chi lo sa vedere. Esso può dileguarsi. Oppure rivelarsi oltre la sua presenza concreta. Tempo e spazio metafisico non ubbidiscono a leggi certe, sono soltanto uno sguardo. Ma, d’altronde, occorre una buona volta comprendere che al paesaggio non possiamo sottrarci. Esso è già là ad aspettarci. Lui è il paesaggio che siamo.

18 giugno 2015, ore 11.00
Sala Napoleonica – Accademia di Belle Arti di Brera – Via Brera 28 – 20121 Milano.

Articoli correlati
Recupero della bellezza e crescita felice. Grottaglie città virtuosa
L’idea di far sviluppare una capacità del territorio “tutto” in modo che l’invisibile possa diventar...
Ministero della Gioventù ed Emilia Romagna per uno studio sul paesaggio
MICHELE CORSO A buon rendere Inaugurazione sabato 11 febbraio, ore 18.00 SPAZIO GERRA Reggio Emi...
Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea. Talking about Photobooks
Nuovi acquisti e rarità, alcuni fra i “best of 2011” secondo Photo-eye, saranno oggetto della nuova ...
A Luigi e Paola Ghirri. Fin dove può arrivare l’infinito?
Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea Nell’autunno dello scorso anno alcuni amici di...
Una mostra per raccontare la città
Lunedì 8 aprile 2013 alle 19,30, presso la Galleria Spazio Giovani in via Venezia 41 a Bari, si inau...
Paola De Pietri, seccoumidofuoco. Una ricerca sulla realtà produttiva del settore ceramico
Bologna, CERSAIE - 23 - 27 Settembre 2013  In occasione del CERSAIE 2013 è allestita in anteprima n...
Paola De Pietri seccoumidofuoco
A cura di William Guerrieri, in collaborazione con il Comune di Fiorano Modenese, Confindustria Cera...
PAESAGGI MINERARI. Progetti per il Parco Geominerario del Sulcis-Iglesiente
ACMA-DICAAR-AUSI/ WORKSHOP Antonio Angelillo, Nicola Di Battista, Jordi Bellmunt, Sergi Carulla, Pa...
URBAN DESIGN DAY: LE CITTÀ A MISURA D’UOMO IN ITALIA E IN CINA
Politecnico di Torino e South China University of Technology mettono a sistema otto città italiane e...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.