LO SGUARDO DEL PAESAGGIO. Un viaggio attraverso il paesaggio italiano

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Giovedì 18 giugno 2015 ore 11.00, Sala Napoleonica
Paola Di Bello e Ignazio Gadaleta presentano il libro:

Giuseppe Goffredo
LO SGUARDO DEL PAESAGGIO
Un viaggio attraverso il paesaggio italiano
fotografie di Cosmo Laera

Interventi di: Giovanna Calvenzi, critico, curatore e photoeditor; Paola Di Bello, docente di fotografia; Ignazio Gadaleta, docente di pittura; Giuseppe Goffredo, scrittore; Gaetano Grillo, docente di pittura; Cosmo Laera, docente di fotografia.

Introduce Franco Marrocco, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Brera.


Il paesaggio è l’altro da sé senza il quale il sé è buio. Il paesaggio in questo senso non è che uno specchio in cui ci vediamo riflessi. L’altro da noi, appunto, in cui non solo ci riconosciamo, ma ci sentiamo riconosciuti. Poiché il paesaggio che guardiamo a sua volta ci guarda. Ci riguarda. Anzi fa il nostro sguardo.

Ci sono, allora, dei paesaggi da cui originano tutti gli altri paesaggi. Un gioco di rifrazioni complicato e infinitamente complesso. Non c’è viaggio senza il paesaggio e non c’è viaggio in cui non si costruisce un paesaggio. Il viaggio non è che il paesaggio che prende lo sguardo. Il sentimento e la consapevolezza dei luoghi ci chiamano, ci toccano, ci segnano, anche se li osserviamo solo per un istante. Il moto stesso del paesaggio determina il moto della scrittura e il suo ritmo.

Sembra inarrestabile in Italia la disintegrazione del paesaggio che è anche il disfacimento della nostra soggettività culturale e di civiltà. Le conseguenze purtroppo sono irreparabili: la terra non tiene; i fiumi strangolati escono dai loro letti; le falde subiscono l’inquinamento dei rifiuti tossici. Cosa ci rimane? Come possiamo vivere? Dove ritrovare il senso della bellezza e dell’essere?

Questo libro di Giuseppe Goffredo cerca di ritrovare con il linguaggio della poesia “lo sguardo del paesaggio”: lasciando che sia il paesaggio stesso a parlare. Parallelo alla scrittura corre il viaggio fotografico di Cosmo Laera con il suo sguardo che spesso si piega alla metafisica. Sicché insieme il poeta e il fotografo cercano di restituire al Paesaggio Italiano la sua bellezza e la luce più segreta. Il paesaggio non parla se non a chi lo sa vedere. Esso può dileguarsi. Oppure rivelarsi oltre la sua presenza concreta. Tempo e spazio metafisico non ubbidiscono a leggi certe, sono soltanto uno sguardo. Ma, d’altronde, occorre una buona volta comprendere che al paesaggio non possiamo sottrarci. Esso è già là ad aspettarci. Lui è il paesaggio che siamo.

18 giugno 2015, ore 11.00
Sala Napoleonica – Accademia di Belle Arti di Brera – Via Brera 28 – 20121 Milano.

Articoli correlati
Recupero della bellezza e crescita felice. Grottaglie città virtuosa
L’idea di far sviluppare una capacità del territorio “tutto” in modo che l’invisibile possa diventar...
Dal ciocco al Pinocchio. Una lezione con Geppi de Liso al Politecnico di Bari
IL MUSEO della FOTOGRAFIA del POLITECNICO di BARI Invita GEPPI DE LISO a tenere una lezione sulla c...
Rivisitazioni a cielo aperto, dieci fotografi per Polignano a Mare
Mostra a cielo aperto di fotografia per la promozione delle risorse territoriali Giovedì 12 luglio ...
Paola De Pietri seccoumidofuoco
A cura di William Guerrieri, in collaborazione con il Comune di Fiorano Modenese, Confindustria Cera...
Luciana Galli, invenzioni luminose da Pompei a Hopper
Le Lucy’s Photo Led sono “invenzioni luminose” al servizio della fantasia, della creatività foto-vis...
Orto fra i cortili
Un progetto di green architecture che coniuga recupero della tradizione e funzionalità strutturale. ...
In ricordo di Lewis Baltz
RACCONTI URBANI VOCI VOLTI E RACCONTI DA BORGO ROMA
Una mostra e un corso teorico e pratico di narrazione fotografica sul quartiere di Borgo Roma, Veron...
IL PAESAGGIO COME CAMPO DI STUDIO E RICERCA AL POLITECNICO DI TORINO
Un accordo tra l’Ateneo e l’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio vede la sua prima at...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.