EDILIZIA: SI STABILIZZANO I PAGAMENTI PUNTUALI

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

DAL 2010 A OGGI CRESCIUTI DEL 178%. LA DANIMARCA ESEMPIO VIRTUOSO, IN CRISI IL PORTOGALLO, BENE TAIWAN.

A fine marzo 2015 il 39,8% delle imprese edili ha saldato alla scadenza i propri fornitori. I ritardi superiori ai 30 giorni sono però aumentati del 178% rispetto al 2010. Il Nord Est l’area più virtuosa.

I risultati dello Studio Pagamenti 2014, aggiornati al 1Q, di CRIBIS D&B per il settore edilizio.

 Giugno 2015 – Nei primi mesi del 2015 in Italia non migliora lo scenario dei pagamenti commerciali: rimane infatti elevata la percentuale delle imprese che saldano le fatture con ritardi superiori ai 30 giorni.

Per quanto riguarda il settore dell’edilizia giungono notizie positive: dopo il forte calo degli ultimi anni i pagamenti puntuali sembrano essersi stabilizzati. Il 39,8% delle imprese edili è stata puntuale nei pagamenti (- 3,8 punti percentuali rispetto al 2010), il 46,3% ha saldato i debiti entro un mese, il 13,9% ha posticipato il saldo di oltre un mese.

Sono però i ritardi gravi a preoccupare di più: dal 2010 a oggi i ritardi gravi sono cresciuti del 178%, registrando nell’ultimo anno un aumento del 7%.

All’interno del comparto sono risultate maggiormente in difficoltà le imprese dell’edilizia specializzata, con il 33,2% di pagamenti puntuali a fronte di ritardi gravi pari al 16,8%. Il microsettore degli installatori, con il 40,6% di imprese virtuose e il 12,9% di pagamenti oltre il mese di ritardo, è quello che gode di miglior salute.

È quanto si evince dallo Studio Pagamenti 2015, aggiornato a fine marzo, realizzato da CRIBIS D&B, la società del Gruppo CRIF specializzata nelle business information, che ha analizzato i comportamenti di pagamento delle imprese edili.

PAGAMENTI PER CLASSI DI RITARDO, ITALIA VS SETTORI EDILIZI, MARZO 2015 

I pagamenti gravi hanno riguardato maggiormente le imprese che operano nella costruzione di edifici, infatti sono aumentati del 194,4% dal 2010, seguite dagli installatori (+180,4%) e dall’edilizia specializzata (+147,1%).

RITARDI OLTRE I 30 GIORNI, CONFRONTO SETTORI EDILIZI 2010 – 1Q 2015

Analizzando le dinamiche a livello territoriale, dallo studio di CRIBIS D&B emerge che il nord est si conferma l’area con la maggior percentuale di pagatori puntuali, ben il 51,6%. Critica la situazione nel Sud e nelle Isole, dove solo il 21,1%% paga alla scadenza a fronte di ritardi gravi pari al 24%.

A livello europeo i paesi più in difficoltà sono la Grecia (49,9%di ritardi gravi), il Portogallo (35,1%) e la Polonia (20,9%). Per quanto concerne i pagamenti puntuali la Danimarca si posiziona al primo posto, ben il 92,6% i pagamenti virtuosi. Seguono Germania (78,1%). Al terzo posto distaccata nettamente c’è la Turchia (51,8%).

A livello internazionale Filippine e Hong Kong mostrano una percentuale di gravi ritardi superiore al 30%. Le imprese Taiwanesi sono invece le più puntuali (75,1%), segue il Messico (70,6%) e gli Stati Uniti (49,2%).

Il settore dell’Edilizia, dopo anni di incertezze, sembra essersi stabilizzato anche se rimangono alti i pagamenti giunti con grave ritardo, cresciuti del 7% nel corso dell’ultimo anno” – commenta Marco Preti, amministratore delegato CRIBIS D&B. “Durante la crisi le aziende edili hanno vissuto un forte cambiamento nella gestione dei pagamenti e del credito commerciale e ora è possibile tirare le somme di questo nuovo contesto. Da un lato, le aziende operano oggi in un ambiente più complesso e rischioso rispetto al passato: fallimenti più frequenti, maggiore volatilità dell’affidabilità delle controparti, forte rischio di ritardi e insoluti anche dai clienti storici più fidelizzati. Dall’altro, hanno imparato a gestire meglio il credito commerciale, rendendolo un elemento centrale della gestione della clientela”.

La conferma arriva proprio dall’osservatorio privilegiato su migliaia di clienti rappresentato da CRIBIS D&B: le aziende che hanno raggiunto i migliori risultati sono quelle che hanno affrontato il problema dei ritardi e degli insoluti con un approccio più evoluto e sofisticato, adottando ad esempio un più attento monitoraggio della clientela e differenziando le strategie in funzione della tipologia di clientela.

In altre parole – conclude Preti – le imprese che hanno investito nella gestione del credito commerciale, in procedure, strumenti e persone, possono ora affrontare la ripresa con maggiore sicurezza e fiducia”.

 

Articoli correlati
Proroga esame di Stato. Il Movimento 328 ottiene il sine die, ma una lettera del Presidente alle Cam...
a cura del Movimento Nazionale DPR328 Data di pubblicazione: 03/2012 Una lettera del...
L’ordine degli ingegneri e l'obbligo della formazione
A partire dal 1 gennaio 2014 anche gli Ingegneri sono “obbligati” a formarsi per poter esercitare ...
Una facoltà a misura di docente
Riceviamo e trasmettiamo dagli studenti del Politecnico di Bari Non si ferma la campagna di protest...
LE PROPOSTE DI ANCE VENETO AI CANDIDATI PRESIDENTE
Spazio ai piccoli cantieri, premiando i comuni che spendono bene, impegno comune contro la corruzion...
EDILIZIA: LA CRISI RALLENTA IN VENETO
L’ANCE, rigenerazione urbana e piccole opere per ripartire. La crisi del settore delle costruzioni ...
MAPPE COLLABORATIVE PER MIGLIORARE LA VITA A MIRAFIORI SUD
Il progetto Crowdmapping Mirafiori Sud premiato con il SiforAGE Prize, premio istituito nell’ambito ...
Enrico Zanetti, Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze, al convegno promosso da ...
Si è svolto il 24 giugno, presso l’Università LUMSA di Roma, il convegno a tema “Patent Box italiana...
Edifici a energia quasi zero in Lombardia dal 1° gennaio 2016
L’Associazione per la tutela della finestra made in Italy saluta con soddisfazione l’anticipo al 201...
FONDO PERSONAE
Serenissima SGR ed il Gruppo Orpea annunciano il lancio del “Fondo Personae” – Fondo Immobiliare ded...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.