Strutture di recupero industriale divengono moderni edifici adibiti al self-storage

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Milano, 24 agosto 2015 – C’è una struttura particolarmente peculiare nel contesto urbano: quella del self-storage. In molti casi i centri di self-storage rinascono dalle ceneri delle sedi storiche di grandi aziende; in altri si tratta di grandi capannoni in disuso riadattati. Dall’esterno appaiono come grandi edifici sviluppati su ampie superfici e disposti in altezza su due o più piani e sono caratterizzati da colori, loghi e dettagli distintivi del brand. Nel caso di Casaforte Self-Storage forti tonalità come nero, rosso e giallo colorano complessi restaurati nel rispetto dell’architettura originaria, mentre Easybox Self Depositi è caratterizzato da moderne costruzioni dalle forme lineari e squadrate bianche, gialle e blu.
Visti dall’interno, i self-storage sono formati da una serie di corridoi con un susseguirsi di porte numerate e chiuse con lucchetto, per l’accesso personale dei clienti ai loro box individuali. Nel rispetto dei canoni del design industriale e della sicurezza, le porte interne sono in metallo e monocromatiche e, a seconda della struttura e della grandezza del box, possono essere delle semplici porte lisce oppure delle cler a listelli. Seguendo le linee guida aziendali, il colore imperante per le porte di Casaforte Self-Storage e Easybox Self Depositi è il giallo, caratteristico nel logo bicolore Easybox Self Depositi e pantone presente nella gamma colori propri di Casaforte Self-Storage.
Architettonicamente i self-storage sono, quindi, più paragonabili a dei condomini con soffitti molto alti, piuttosto che a dei semplici magazzini: gli ambiente sono puliti e asciutti, dotati di reception, di sistema d’allarme contro furti e danni, luminose vetrate e luce elettrica ai piani, ascensori, carrelli e colonnine per l’accesso tramite codice di sicurezza. Presso alcuni centri sono, inoltre, presenti uffici temporanei e sale riunioni arredati e laboratori artigianali.
Strutture che dall’abbandono della periferia assurgono a nuova vita, rinnovando e riqualificando il paesaggio cittadino e modificando il concetto di periferia stessa, sempre più integrata nel contesto cittadino, vitale e rivalutata dal punto di vista del design.
About …:
Self-storage significa “deposito personale”: spazi individuali ad uso esclusivo, dove i clienti possono depositare da sé, in maniera autonoma, le cose a cui tengono che non sanno dove mettere. I self-storage sono strutture suddivise in spazi chiusi di varie metrature, il cui uso esclusivo è garantito da un contratto stipulato con il singolo utente, che rimane l’unico custode dei suoi beni.
AIS (Associazione Imprese di Self-Storage) è l’associazione nazionale, costituita nel marzo del 2003 con sede a Roma, che rappresenta le imprese italiane specializzate nella fornitura del servizio di self-storage.
Casaforte Self-Storage è presente sul territorio nazionale con 21 impianti (3 a Milano, 2 a Torino e poi Roma, Bergamo, Brescia, Biella, Novara, Vercelli, Genova, Sanremo, Padova, Treviso, Varese, Busto Arsizio, Vicenza, Verona, Pistoia, Foggia) a cui si aggiungono i centri di Lugano e Basilea, in Svizzera.
N° verde 800 363 000; www.casaforte.it.
Easybox Selfstorage è presente in Italia con 7 centri: 3 a Milano, 2 a Roma, 1 a Genova e 1 a Torino.
N° verde 800 202 662; www.easybox.it.

Articoli correlati
Carceri a misura d’uomo. Da edilizia penitenziaria ad architettura penitenziaria, un nuovo modello d...
Un interessante progetto di ricerca di Antonio Labalestra e Annarita Digiorgio dedicato al tema dell...
Tomaso Buzzi, protagonista di un gusto italiano moderno
Venezia, Isola di San Giorgio Maggiore 21 febbraio 2014, ore 9.30 Convegno internazionale La pr...
Documentary Platform / LAB / Osservatorio Fotografico
Tre esperienze di ricerca e di produzione editoriale. A cura di Michele Cera, Federico Covre, Cesare...
Concorso internazionale di progettazione con strutture in legno. In palio oltre novemila euro
Marlegno Prefabricated Wooden Buildings, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Bergamo,...
Con una mattonella vi raccontiamo Giò Ponti
La mattonella rappresenta un tributo al lavoro di Giò Ponti. Utilizzata nell’istallazione presentata...
Giornate dell'Architettura in Alto Adige
Dall'11 al 14 giugno, un nuovissimo appuntamento dedicato alla scoperta del patrimonio architettonic...
Fulvio Bianconi alla Venini
Oltre 300 pezzi, per ricordare la creatività del designer che negli anni ’50 ha segnato la storia de...
Daniel Libeskind: a Milano la sua visione di città del futuro
Alla Bocconi l’incontro con l’archistar che ha parlato del suo rapporto con la città di Milano e dei...
Il linguaggio delle strutture. La scuola italiana di ingegneria
Al Politecnico di Bari la storia dell’ingegneria strutturale in Italia sarà ripercorsa nel corso di ...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.