La riqualificazione dell’area archeologica di Piazza San Vitale a San Salvo

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Recentemente grazie al lavoro degli architetti Alessandro Vitale, Lucia Secondo e Stefania Giardinelli, a San Salvo, in provincia di Chieti, è stata sistemata la centralissima Piazza San Vitale, portando alla luce e rendendo fruibili al pubblico i resti di una domus romana e di un mosaico dell’epoca.

Il mosaico è visibile attraverso la costruzione di un padiglione in vetro in funzione di protezione.

In modo specifico la vetrata progettata e installata è composta da un vetro stratificato di sicurezza con, in faccia esterna da una lastra di Pilkington Activ™ da 8 mm, in faccia interna con una lastra di Pilkington Solar-E™ da 8 mm, temperate ed assemblate con pvb intercalare di 1,52 mm.

L’uso di Pilkington Activ™ in esterno, consente di ottenere una importante riduzione delle abituali manutenzioni per pulizia del vetro. Esso infatti è composto di uno speciale rivestimento pirolitico, che sfruttando la luce solare e la pioggia, disgrega le particelle di sporco organico che si depositano sui vetri e la pioggia, o un getto d’acqua, le fa scivolare via. In questo modo le normali pulizie si riducono di 3 volte, con risparmio di tempo, di detergenti e di acqua.

Invece, Pilkington Solar-E™ è un prodotto ad elevate prestazioni basso emissive, con proprietà di controllo solare. In questa applicazione, in lastra singola senza il vetrocamera, abbatte oltre la metà del carico termico solare, e riduce del 38% le dispersioni di calore verso l’esterno aiutando a mantenere le corrette condizioni climatiche interne per la conservazione dell’opera.

Quando Pilkington Solar-E™ è assemblato in vetrocamera, migliora sensibilmente le prestazioni della vetrata isolante, con un fattore solare del 45% e un valore Ug di 1,5 W/m2K. Ciò nonostante, consente di ottenere una buona trasmissione luminosa ed una bassa riflessione luminosa.

Questi due vetri hanno un effetto neutro, che consente pertanto di rispettare i colori dei mosaici, senza alterarli e offrendone una osservazione fedele.

Trattandosi di un’opera in un luogo pubblico, facilmente raggiungibile e senza controllo, deve garantire sicurezza in caso di incidenti, o eventuali colpi. La versione della vetrata qui installata risponde alle norme UNI EN 12600 1(B)1 e UNI EN 356 P4A per la protezione delle persone e dei beni.

Progettisti:     Alessandro Vitale, Lucia Secondo, Stefania Giardinelli
Impianti:        consulente Ing. Roberto Ciardulli
Committente:  Comune di San Salvo (CH)
Vetreria:         Union Glass – Motta di Livenza (TV)
Impresa di costruzioni: F.A.C.O.S. Srl

Foto: Sergio Camplone ©

Articoli correlati
Corsi dedicati alla tecnologia BIM
Dopo il successo ottenuto qualche giorno fa a KlimaHouse Puglia, Sinergie Moderne Network e  Cad&...
Giovane studio di architettura italiano disegna il primo progetto di forma libera nella storia dell'...
L’architetto Nir Sivan presenta il suo primo lavoro in Brasile: l’Onda Carioca di Rio De Janeiro. R...
Centro Natatorio Cascade. Discrezione nel paesaggio
Benessere e tecnologia trasparente nel cuore della Val di Tures. Oasi di benessere e meta del turism...
Ginevra, Maison de la Paix
La Maison de la Paix è, oltre che un progetto architettonico avveniristico, l’espressione costruttiv...
Orto fra i cortili
Un progetto di green architecture che coniuga recupero della tradizione e funzionalità strutturale. ...
Austria, lo spettacolo dell’eccellenza in dialogo con la natura
Correva l’anno 1981 quando il Dr. Hans Liebherr, imprenditore e visionario ebbe l’idea di costruire,...
L’Orto fra i cortili di Piuarch per Green City Milano
Il 3 Ottobre in programma un open day e un simposio sui temi della rigenerazione urbana. Sabato 3 O...
Riba Sterling Prize: Secco Sistemi tra i finalisti
Maggie’s Cancer Caring Centre entra nella shortlist del prestigioso premio d’architettura britannico...
Il restauro della cascina agricola di Borgo Merlassino
Nella campagna piemontese di Novi Ligure sorge Borgo Merlassino un complesso agricolo dell’ottocento...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.