Luce e vetro per valorizzare il paesaggio senza rinunciare alla privacy

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Italia – Villa Privata – Parma (PR)

 Situata alle porte di Parma in un quartiere residenziale che fa da cuscinetto tra città e campagna circostante, questa villa dalla forte identità contemporanea, si sviluppa tutta intorno ad un patio centrale. Per espressa volontà progettuale, riesce a ‘cancellare’ la strada interna alla lottizzazione grazie ad una facciata cieca sul lato ingresso, movimentata solo da un’entrata vetrata in segno d’accoglienza. L’edificio che si sviluppa su due piani e 450 metri quadrati totali includendo i locali accessori come il garage, è circondato da un giardino/parco di quasi 4000 metri quadrati. Una vera e propria oasi urbana divisa in due zone sulle quali si affacciano ad est la zona notte con le camere e, ad ovest, il soggiorno a doppio volume.

Luce e vetro. Le due parole chiave che hanno dettato le scelte progettuali per garantire un piacere abitativo massimo. Al piano terra, il soggiorno è esposto principalmente a sud e guarda il patio interno ma dispone anche di vetrate ad ovest e nord per godere della luce nell’arco completo della giornata.  Invece la cucina è orientata ad est per permettere di fare colazione con la gradevole luce del mattino. Grazie alla loro collocazione ad est, le camere hanno il privilegio della luce dell’alba che proviene dal parco.

La scelta del progettista

La linea direttrice del progetto esprime la volontà di creare un edificio il più possibile vetrato senza rinunciare alla privacy e alla schermatura del sole”, spiega l’arch. Luca Rutelli. “Il contesto verde è stato valorizzato dalle grandi vetrate – precisa l’architetto – “Le vetrate incorniciano il parco circostante che diventa una tela da contemplare stando comodamente nel comfort di casa”.

Il progettista ha optato per il sistema EBE 65 in acciaio zincato verniciato di Secco che permette di installare alzanti scorrevoli di grandi dimensioni mantenendo profili snelli e non invadenti e garantendo ottimali performance prestazionali termiche, acustiche e di tenuta al vento e all’acqua. Gli alzanti scorrevoli sono presenti in tutti gli ambienti dove esisteva la possibilità di uscire mentre le grandi vetrate sono fisse nelle zone senza necessità di uscire o aerare. Per permettere che la luce esterna sia presente solo ed esclusivamente quando desiderata, sono stati installati dei frangisole automatizzati esterni che tramite un sistema domotico, seguono l’andamento del sole. Grazie alla tecnologia più avanzata, discretamente presente ma assolutamente efficace, la villa dall’estetica contemporanea pulita e sobria, permette di vivere al ritmo della luce e del sole senza mai patire dei loro inconvenienti.

Atelier 35 Architetti è uno studio professionale fondato nel 2012 dai due architetti Guillaume Pacetti e Luca Rutelli che hanno messo a frutto i loro personali percorsi di lavoro nell’ Architectural Design e Interior Design, nel Landscape Design e Product Design. Con l’intento di immaginare nuove soluzioni spaziali del vivere contemporaneo, il team di Atelier 35, sviluppa la sua linea sperimentale partecipando a concorsi internazionali e confrontandosi con committenza privata e pubblica in una rete tra Parigi, Milano e Parma. Lo studio offre un servizio di consulenza che spazia dalla progettazione di giardini e di interni ai lavori di ristrutturazione, alla progettazione ex novo di edifici residenziali, commerciali e terziari. L’architetto Luca Rutelli è l’artefice del progetto della villa di Parma qui fotografata e commentata.

 

Articoli correlati
PROGETTARE GREEN: ILLUMINAZIONE E VERDE URBANO
Aghape Ambiente propone due nuovi seminari dedicati a illuminazione eco-compatibile e progettazione ...
Il recupero dei grandi complessi architettonici e urbani del Novecento
Al via al Politecnico di Bari un ciclo di incontri sull'urbanistica e l'architettura della città. Il...
Riflessi di ceramica, frammenti di città
L’ingegnere urbanista Antonio Vestita descrive la sua articolata visione di museo-labirinto. Un racc...
Costruzioni industrializzate: quale futuro?
È Bologna la sede del prossimo Congresso Nazionale ASSOBETON che si terrà il 15 giugno e avrà un osp...
Analisi del territorio e perequazione urbanistica
Nella sala convegni di Confindustria Bari l’incontro di approfondimento sulle opportunità della pere...
1950-1966. L'ultima Venezia. Cultura, presenze e progetti.
Omaggio a Vittore Branca nel centenario della nascita (1913 - 2004) Venerdì 12 aprile 2013 Palazzo...
Lina Bo Bardi, Together
Giovedì 4 settembre 2014, a partire dalle 19 si inaugurerà, presso la Triennale di Milano, la mostra...
XXI Triennale International Exhibition 21st Century. Design After Design
Sabato 15 novembre 2014 l'incontro pubblico. Interventi di Andrea Branzi, Luisa Collina, Kenya Hara,...
La classificazione delle sezioni in acciaio secondo il D.M. 14.01.2008: condizioni di impiego delle ...
Nell’ ambito della nuova normativa italiana sulle strutture, il D.M. 14.01.2008, le sezioni in accia...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.