Ripartizione del calore, chi la conosce alzi la mano

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Lo abbiamo chiesto direttamente agli amministratori di condominio, il 90% degli intervistati dichiara di conoscere bene il tema ma solo il 10% consiglia sistemi di regolazione a zona ai propri condomini.

Milano, 25 settembre 2015 – Quella dell’Amministratore Condominiale è una figura sempre più complessa, in continua evoluzione e definizione. Oggi più che mai la sua preparazione deve comprendere vari settori: dalla casa, al condominio, alla città, al risparmio energetico, con tutte le leggi e le nuove normative che regolano il contesto di riferimento. ANACI, Associazione Nazionale degli Amministratori Condominiali e Immobiliari lavora allo sviluppo di una cultura sociale del condominio che possa contrastare la conflittualità che spesso caratterizza la vita condominiale. In questo senso, l’amministratore sta assumendo sempre più il ruolo di educatore in diverse aree, diventa di primaria importanza allora acquisire una professionalità e una competenza sempre maggiore e ad ampio raggio. Tra i compiti di questa figura rientra anche la sensibilizzazione dei condomini su tutti gli aspetti dell’abitare, incluso il tema del risparmio energetico.

Qual è il ruolo che l’amministratore ricopre in tema di risparmio energetico nei confronti dei condomini? Sei domande per scoprirlo.

Sono state coinvolte oltre 200 figure professionali condominiali e di questi più della metà (61,1%) svolge la sua attività principalmente in provincia di Milano mentre il 20,8% nelle altre provincie lombarde. Gli intervistati amministrano per il 44,2% fino a 25 stabili, mentre il 28,4% e il 23,6% dai 25 ai 100 stabili. Dalle risposte emerge un buon grado di conoscenza del tema della ripartizione del calore e della relativa normativa: ben il 91,9% degli amministratori condominiali dichiara infatti di conoscere l’argomento e di questi solo l’8,2% ne ha una conoscenza limitata. È stato  evidenziato come più della metà del campione abbia una buona preparazione in ambito di ripartizione del calore, ma queste conoscenze sono realmente trasmesse ai condomini?

Attraverso il questionario si è cercato di capire quanti stabili amministrati dai rispondenti fossero effettivamente dotati di sistemi di ripartizione del calore: il 37% degli amministratori condominiali afferma che ¼ dei suoi complessi residenziali è già dotato di sistemi di ripartizione del calore, il 14,4% invece sostiene che quasi la metà degli edifici gestiti è dotato di tali sistemi, il 20,7% che dichiara che i ¾ degli stabili amministrati ne sono dotati e infine il 27,9% che quasi la totalità dei condomini che amministra dispone di sistemi centralizzati di gestione del calore. Si evidenzia come 1 condominio su 4 abbia adottato sistemi/soluzioni di ripartizione del calore.

Sulla base dei dati evidenziati da questo studio emerge la necessità da parte degli amministratori di trasformare il loro ruolo passando a “consigliere” esperto in materia di risparmio energetico e dunque diventare un prezioso supporto per i condomini nella scelta della migliore soluzione da adottare.

Alla domanda riguardante le misure che abitualmente vengono consigliate ai propri condomini, la caldaia ad alto rendimento e le valvole termostatiche sono risultate le principali soluzioni, seguite dall’isolamento termico e dalla sostituzione dei serramenti. Il fanalino di coda invece è rappresentato dai sistemi di regolazione a zona, che possono garantire un risparmio sui costi energetici fino al 30%. Sono dunque il mezzo che per un rapporto costo-beneficio risulta più efficace. È proprio all’interno di questa categoria che Honeywell ha concentrato la sua attività di business. Sistemi intelligenti come evohome permettono un funzionamento efficiente dell’impianto di riscaldamento perché consentono di regolare la temperatura stanza per stanza. Per l’utente finale questo si traduce in una bolletta più leggera e un comfort ideale.

L’ultima domanda del nostro questionario ha indagato gli aspetti principali su cui dovrebbe lavorare un amministratore di condominio per migliorare e accrescere la conoscenza dei temi legati alla ripartizione del calore. È interessante notare come la grande maggioranza degli intervistati, il 70,2%, ha suggerito di elaborare informazioni fruibili e utili all’utente finale, il 44,2% ha proposto invece di organizzare incontri tematici ed eventi formativi mentre il 16,8% di coinvolgere le aziende affinché divulghino le corrette informazioni. Un 33% del campione invece, suggerisce di coinvolgere le istituzioni per promuovere e diffondere il tema.

La messa in sicurezza degli edifici e il loro risparmio energetico sono gli obiettivi da perseguire se vogliamo fare una reale politica ambientale. Solo così possiamo parlare di casa sostenibile e pensare al contempo di rilanciare il mercato immobiliare a partire da una riqualificazione del valore del patrimonio immobiliare stesso. In questo ambito di grandi cambiamenti e di nuove sfide gli amministratori di condominio sono oggi figure di grande competenza che possono dare un contributo importante e la conoscenza dello stato attuale degli impianti nel mercato della contabilizzazione diventa fondamentale per avere un quadro generale. Per questo il sondaggio digitale compiuto a luglio in collaborazione con Honeywell risulta essere un passo importante e una dimostrazione della necessità di conoscenza e professionalità nel nostro settore”, spiega Claudio Bianchini, Presidente di ANACI Lombardia

Tutti i dati della ricerca sono stati presentati oggi nel corso 2° CONVEGNO INTERREGIONALE Nord Ovest promosso da ANACI Lombardia in collaborazione con ANACI Milano, ANACI Liguria, Anaci Piemonte/Valle D’Aosta.

 

Articoli correlati
ESAME DI STATO PER INGEGNERI: "APPROVAZIONE ART. 3 (comma 1 bis), ... IL SENATO APPROVA"
di C. Rinaldo, G. Marracchi, A. Maizza, G. Gratis, F.S. Carlo Sono queste le parole riportate nel r...
Passaggio da Edile ad Edile – Architettura: è diverso l’Esame di Stato
In questi giorni diversi studenti del cdL in Edile V.O., interessati a trasferirsi nel cdL in Edile ...
Da Civile sezione Edile ad Edile – Architettura vademecum per orientarsi tra leggi e norme
di Caterina Rinaldo e Giuseppe Sardone 29/11/2015, aggiornamento: è possibile richiedere al MIUR il...
Proroga esame di Stato. Il Movimento 328 ottiene il sine die, ma una lettera del Presidente alle Cam...
a cura del Movimento Nazionale DPR328 Data di pubblicazione: 03/2012 Una lettera del...
TAVOLA ROTONDA “RITORNO DI ESPERIENZA SULLA SICUREZZA IN GALLERIA”
Una tavola rotonda sulla sicurezza in galleria con diciotto paesi nel mondo. La Fondazione FASTIGI ...
LE PROPOSTE DI ANCE VENETO AI CANDIDATI PRESIDENTE
Spazio ai piccoli cantieri, premiando i comuni che spendono bene, impegno comune contro la corruzion...
Enrico Zanetti, Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze, al convegno promosso da ...
Si è svolto il 24 giugno, presso l’Università LUMSA di Roma, il convegno a tema “Patent Box italiana...
Gli errori di progettazione: una risorsa per meglio progettare
Come scrive Henry Petroski nel suo “Gli errori degli ingegneri", (Pendragon, 2010), “pur essend...
ANCE: 700 MLN DI AGGIUDICAZIONI NEL 2014, OPERE PUBBLICHE AL MINIMO STORICO
Lotta alla corruzione, la riforma degli appalti lascia irrisolti molti nodi. Le modifiche del govern...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.