ADI e il Social Design: progettare per il mondo reale

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Il design come risposta ai problemi più urgenti  dello sviluppo del mondo contemporaneo. Un incontro sul design sociale a BookCity Milano 2015.

ADI dedica da qualche anno un’attenzione speciale a una nuova forma di design, che risponde con particolare efficacia a una delle esigenze più sentite della società contemporanea e dei suoi orizzonti globali: il design sociale.

Settori sempre più interessanti del design si vanno orientando all’ideazione e alla realizzazione di iniziative che non si limitano alla produzione di prodotti per il mercato, ma vogliono dare una risposta complessiva (in termini di oggetti, di servizi, di comunicazione) a problemi di rilevanza collettiva: il bisogno di acqua di una popolazione, la formazione per favorire lo sviluppo economico autonomo di un paese, la soluzione di un problema sociale urbano.

ADI Design Index, la preselezione per il premio ADI Compasso d’Oro, comprende da vari anni una categoria specifica riservata al design sociale, entrato di diritto tra le attività fondamentali dei progettisti.

Al tema del design sociale ADI dedica un incontro, Social design: progettare per il mondo reale, che si svolge nel quadro di BookCity Milano 2015 (la tre giorni di manifestazioni legate al libro e alla lettura che si svolge dal 22 al 25 ottobre). L’appuntamento delinea il profilo di questo nuovo settore del design a partire da un celebre testo di Viktor J. Papanek, Design for the Real World (1971).

Ne parlano Vanni Pasca e Patrizia Scarzella, coordinatori dell’incontro, che fa parte del ciclo Design da leggere promosso dal Dipartimento Generale ADI.

Intervengono per parlare di progetti italiani per le comunità locali:

Cristian Campagnaro (I progetti sociali per Torino) e Roberto Orsi (Il report dell’Osservatorio Socialis sulla responsabilità sociale d’impresa). Il panorama internazionale è rappresentato da due testimonianze: quella di Giulio Vinaccia sul Progetto UNIDO in Madagascar e quella di Daniela Fantini sul progetto 100 fontane in Burundi.

ADI a BookCity Milano 2015
Social design: progettare per il mondo reale

25 ottobre, ore 14.30
Sala Bertarelli, Castello Sforzesco, Milano.

Articoli correlati
Saverio Dioguardi: Architetture disegnate
A cento anni di distanza dal primo progetto (Monumento per l’Imperatore Alessandro II a Pietroburgo,...
COME E PERCHE’ RIQUALIFICARE L’ESISTENTE?
Il 17 maggio a Bologna un nuovo evento Aghape dedicato alla riqualificazione energetica dell’esisten...
Architettura italiana dal dopoguerra ad oggi. Teorie, Storie e Progetti
Lectio Magistralis di Francesco Moschini Matera Presentazione di Angela Colonna e Antonio Conte A ...
Premio Apulia 2011 alla Biennale di Venezia
Il 9 novembre 2012, alle ore 15, presso il Padiglione Italia della Biennale di Architettura di Venez...
A cinque mesi dall'evento, Cersaie verso il tutto esaurito. I nuovi settori merceologici presenti i...
Il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e l’Arredobagno si terrà dal 22 al 26 set...
COMFORT TECHNOLOGY PROGETTARE E INSTALLARE L’INTEGRAZIONE PER L’EFFICIENZA
Quali le normative, le strategie politiche e economiche, le procedure tecniche, le  opportunità di m...
COSTRUIRE. BIENNALE INTERNAZIONALE DELL'EDILIZIA
I materiali, le tecnologie, l’eccellenza del costruire: il mondo dell’edilizia internazionale si dà ...
IL PRESIDENTE SNAIDERO INCONTRA IL MINISTRO DEL COMMERCIO E DELL’INDUSTRIA DELLA FEDERAZIONE RUSSA
Allo studio una strategia comune per rafforzare i rapporti commerciali italo-russi nel settore arred...
International VELUX Award 2016: studenti di architettura si confrontano sull’uso della luce naturale...
Il Concorso, nato nel 2004 e strutturato in collaborazione con l’International Union of Architects (...