Cersaie presenta “Reinventing the city” con Markus Bader di Raumlaborberlin e Arturo Franco Díaz

Reinventare la città, non considerandola solo un insieme di edifici e strade, ma un luogo vivo dove le persone interagiscono e entrano in relazione tra loro; dialogare con gli spazi urbani in modo costruttivo e attento ai diversi aspetti ed esigenze di chi li vive.

Era incentrato su questo tema il convegno tenutosi a Cersaie dal nome “Reinventing the city” che rientra nel programma culturale della fiera “costruire abitare pensare”. Sul palco della Galleria dell’Architettura sono saliti i due architetti Markus Bader di Raumlaborberlin e Arturo Franco Díaz: a dialogare con loro, il prof. Fulvio Irace del Politecnico di Milano.

Una città senza storia non è una città – ha esordito Arturo Franco nel suo intervento – ma solo un agglomerato di costruzioni senza anima”. Arturo Franco non ha mai smesso di conciliare la critica architettonica, l’insegnamento, la ricerca e l’esercizio professionale. È stato per più di dieci anni critico di architettura del quotidiano ABC, e ha diretto programmi radiofonici, dibattiti, congressi e seminari relativi all’attualità e al futuro della professione. Dal 2008 dirige la rivista del Collegio Ufficiale degli Architetti di Madrid, dando il via alla fase Fundamentos. Attualmente è professore associato del dipartimento di composizione architettonica presso la Escuela Politécnica di Madrid e professore ospite alla Universidad Pontificia di Salamanca. Durante la sua presentazione, Arturo Franco ha illustrato i diversi interventi realizzati nel Matadero di Madrid, ex mattatoio, che gli hanno permesso di essere selezionato tra i giovani architetti spagnoli di maggior successo da parte del quotidiano El País, la Fundación Caja de Arquitectos, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (JAE).

Raumlabor Berlin non è uno studio che elabora una tecnica architettonica convenzionale – ha affermato Markus Bader visiting professor presso la Scuola d’Arte, Architettura e Design di Praga e insegnante presso la Facoltà di Architettura di Düsseldorfma rappresenta piuttosto un laboratorio sperimentale composto da architetti, urbanisti e artisti, che si confronta con professionisti di altri settori:  designer, registi, musicisti, etnologi e sociologi”. Raumlabor Berlin è un gruppo di architetti associati, con sede a Berlino, fondato nel 1999 da sei architetti, che affronta i problemi della riqualificazione urbana attraverso una struttura collaborativa incentrata sugli scambi con i diversi utenti e il legame sociale con i residenti delle diverse città. Esempi di questa nuova pratica sono progetti come Der Berg (2005), un’istallazione spaziale nell’ex Palazzo della Repubblica di Berlino, o il « Eichbaumoper (2009), un laboratorio urbano per la riconquista di un nodo di transito trascurato nello spazio pubblico. “L’architettura non è una questione di controllo e ordine – conclude Bader – ma è una fluidità delle forme e commistione di idee, un concetto più filosofico che realmente costruttivo”.

Articoli correlati

URBANISTICA MODERNA: LE ORIGINI
di Filippo Salvatore CARLO Le origini dell’ urbanistica moderna si potrebbero ricercare in alcune s...
Il degrado del cemento
Il danneggiamento delle opere cementizie rappresenta un inevitabile evento proprio della vita stessa...
Recupero della bellezza e crescita felice. Grottaglie città virtuosa
L’idea di far sviluppare una capacità del territorio “tutto” in modo che l’invisibile possa diventar...
Squinzi in Giunta per sostenere i prefabbricatori italiani
Il 18 gennaio ASSOBETON, l’Associazione Nazionale Industrie Manufatti Cementizi aderente a Confindus...
Con l’olografia digitale possibile vedere attraverso fumo e fiamme
Una nuova tecnica sviluppata dai ricercatori dell’Istituto nazionale di ottica del Cnr consente per ...
DENSITA’ IN_MATERIALI
 a cura di Paolo Marzano Alla GX Gallery di Denmark Hill 43, a Londra, Daniele Dell’Angelo Custode ...
VAJONT Paesaggio e architettura a cinquant'anni dal disastro
Si inaugura venerdì 4 ottobre 2013, presso la sede della Soprintendenza per i beni architettonici e ...
Storie in discreto disordine. Architetture immaginarie e luoghi della memoria collettiva
Mostra di fotomontaggi e opere di Antonio Labalestra A cura di Caterina Rinaldo Martedì 10 dicem...
La ceramica italiana a Mosbuild 2014
Sono 40 le aziende ed i marchi della ceramica italiana che - nella sezione Cersanex dedicata a cer...
Nasce a Roma Direttalavori.it
Niente più ingorghi e cantieri a sorpresa con il nuovo sito che segnala in tempo reale i lavori che ...

Share

Leave a Comment