Gli effetti della corrosione sulle strutture in acciaio: il metodo suggerito dall’Eurocodice 3

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Gli effetti della corrosione sulle strutture in carpenteria metallica possono essere notevoli e, spesso, per nulla trascurabili.

Il D.M. 14.01.2008 tiene conto di questi aspetti, seppure in via indiretta, nel prescrivere (punto 4.2.9.6) l’obbligo, per ciascun elemento strutturale in acciaio, di una adeguata protezione “mediante verniciatura o zincatura, tenendo conto del tipo di acciaio, della sua posizione nella struttura e dell’ambiente nel quale e collocato”.

Il concetto di durabilità

Scopo della protezione di cui sopra è quello di fornire alla struttura una adeguata durabilità, ovvero, secondo la definizione dello stesso D.M. 14.01.2008, il “mantenimento nel tempo della geometria e delle caratteristiche dei materiali della struttura, affinché questa conservi inalterate funzionalità, aspetto estetico e resistenza”.

Che cos’è la corrosione

La corrosione è un fenomeno di natura elettrochimica che si instaura fra un elemento metallico e l’ambiente in cui si trova e che produce un progressivo consumo dell’elemento stesso a partire dalla sua superficie.

Si tratta, in altri termini, di un continuo e lento processo di consumo del materiale, che, in termini di elementi strutturali, comporta la perdita della geometria iniziale.

L’Eurocodice 3, appendice F

Nell’ambito del presente lavoro si intende presentare in breve la procedura prevista dell’Eurocodice 3 “Progettazione delle strutture in acciaio”, parte 5 “Pali e palancole”, appendice F “Guidance on corrosion rates” per la valutazione degli effetti della corrosione nell’ambito della pratica progettuale.

Il metodo indicato di seguito è specifico per elementi come pali e palancole metallici e, pertanto, non è da intendersi, almeno in termini rigorosi, applicabile a rigore a qualunque tipo di opera.

Generale è invece il concetto base di questo metodo, che consiste nel valutare lo spessore superficiale interessato da fenomeni di corrosione e, quindi, inservibile dal punto di vista statico.

In altri termini, dato un elemento strutturale di dimensione generica “B”, è possibile valutare lo spessore interessato dalla corrosione, indicato nel seguito come “dB,c”, e, di conseguenza, considerare l’effettiva dimensione di partenza con il nuovo valore “B*” uguale a:

B* = B – dB,c < B

L’appendice F fornisce dapprima una indicazione generica (F.3 – (3)) in merito alla profondità degli effetti della corrosione, da assumere pari a:

  • 01mm/anno in atmosfera normale
  • 02mm/anno in località vicine al mare

Mediante le tabelle F.1 e F.2, sono poi forniti i dettagli della perdita di spessore per effetto della corrosione in diverse condizioni di esposizione:

Mediante le tabelle sopra riportate, è possibile valutare, ad esempio, che la perdita di spessore per una palancola a contatto con un terreno di tipo normale è di 0.60mm a 50 anni, o che lo stesso elemento, se posizionato in una “splash zone”, ovvero una zona soggetta a frequenti schizzi d’acqua di mare, può presentare una perdita di spessore fino a 3.75mm nello stesso periodo di tempo.

Conclusioni

In base a quanto detto in precedenza, la perdita di spessore dovuta alla corrosione può rivelarsi un fenomeno per nulla trascurabile, specie nel caso di elementi metallici posti in prossimità del mare.

Prevedere una idonea protezione in termini di verniciatura o zincatura rappresenta sempre una buona prassi, peraltro confermata dalle prescrizioni normative, ma occorrerebbe sempre valutare gli effetti della corrosione a lungo termine, anche e soprattutto in termini di deformazione.

 

Emanuele Ruggerone

Bibliografia

Eurocodice 3 “Progettazione delle strutture in acciaio”, parte 5 “Pali e palancole”, appendice F “Guidance on corrosion rates”.

Articoli correlati
Strutture Prefabbricate Assobeton: come progettare in conformità alle nuove normative
 Il 25 maggio 2012  a Parma si terrà il primo di tre appuntamenti in cui saranno analizzati i princi...
Bioarchitettura: architettura vivente, come progettare la normalità
Bari, 29 giugno 2012 – Un convegno internazionale e una mostra itinerante che ha già toccato le citt...
Una guida ICMQ - Assobeton spiega le procedure per il calcolo della trasmittanza termica
Efficienza energetica più facile per gli edifici prefabbricati Indicazioni anche sull’iter per la c...
Musei e sostenibilità
L’ANMLI organizza un seminario per discutere su come affrontare la sfida Sabato 23 marzo, ore 9.30 ...
Storie in discreto disordine. Architetture immaginarie e luoghi della memoria collettiva
Mostra di fotomontaggi e opere di Antonio Labalestra A cura di Caterina Rinaldo Martedì 10 dicem...
Ecomuseo della Valle d'Itria diventa di interesse regionale
Assessore Barbanente: "Così si valorizza la memoria storica, l’identità collettiva e il patrimo...
Strutture di recupero industriale divengono moderni edifici adibiti al self-storage
Milano, 24 agosto 2015 – C’è una struttura particolarmente peculiare nel contesto urbano: quella del...
Edifici a energia quasi zero in Lombardia dal 1° gennaio 2016
L’Associazione per la tutela della finestra made in Italy saluta con soddisfazione l’anticipo al 201...
PRIMO SEMESTRE 2015, INDUSTRIA LAPIDEA ITALIANA A TUTTO EXPORT: SFIORA 1,6 MILIARDI DI EURO, TRA M...
Al via mercoledì 30 settembre, a Veronafiere, la 50ª edizione di Marmomacc, salone internazionale di...

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.