IL PRESIDENTE SNAIDERO INCONTRA IL MINISTRO DEL COMMERCIO E DELL’INDUSTRIA DELLA FEDERAZIONE RUSSA

Allo studio una strategia comune per rafforzare i rapporti commerciali italo-russi nel settore arredamento.

Le sfide che le imprese italiane del settore arredo stanno affrontando nel mercato russo, ma anche la volontà di FederlegnoArredo a continuare a investire in un’area strategica. Questi i temi al centro dell’incontro tra il presidente di FederlegnoArredo, Roberto Snaidero, e il ministro del Commercio e dell’Industria della Federazione Russa, Denis Valentinovich Manturov.
La Russia rappresenta un mercato di primo piano per l’arredo made in Italy (774 milioni di euro nel 2014) la cui qualità è apprezzata grazie anche al successo dei Saloni WorldWide Moscow, evento riconosciuto come l’unico contenitore d’arredo di qualità nel Paese e che anche quest’anno sta offrendo ai visitatori un’offerta di arredi e finiture unica ed esclusiva.

Partendo da questa considerazione, Snaidero e Manturov si sono quindi soffermati su possibili strategie comuni con l’obiettivo di rafforzare l’azione commerciale delle aziende italiane del settore legno-arredo in Russia, sia attraverso politiche economiche ad hoc sia mediante una più stretta collaborazione tra le istituzioni russe e i Saloni WorldWide Moscow.

Ricordando i numerosi casi di partnership di successo tra Italia e Russia nel campo dell’industria e della ricerca, il ministro Manturov ha sottolineato che, a suo parere, sussistono anche ampie possibilita’ per sviluppare la collaborazione nel campo della lavorazione del legno, della produzione di arredi e di case di legno, dell’ingegnerizzazione e nello sviluppo dei parchi industriali.

L’incontro si è concluso con l’invito al ministro Manturov al prossimo Salone del Mobile.Milano (dal 12 al 17 aprile 2016) unitamente a quello di una delegazione di operatori russi. Snaidero ha infine ricordato al ministro che il Salone del Mobile.Milano è disponibile a fare esporre aziende russe di riconosciuta qualità.

Articoli correlati

Share