In aedibus “Cini”. L’arte tipografica a Venezia ai tempi di Aldo Manuzio

FacebookTwitterGoogle+TumblrLinkedInPinterestEmailGoogle GmailWhatsAppCondividi

Un’esposizione di volumi del XV e XVI secolo per celebrazioni del Cinquecentenario della morte del celebre stampatore.

Le tre porte, Francesco Colonna, Hypnerotomachia Poliphili, Venezia, Aldo Manuzio 1499).

In occasione del V centenario della morte del “principe” dei tipografi, Aldo Manuzio, la Biblioteca del Longhena ospita fino al 29 novembre 2015 l’esposizione di 25 volumi del Quattro e Cinquecento realizzati dallo stampatore, provenienti dal Fondo antico della Fondazione Giorgio Cini. La mostra In aedibus “Cini”. L’arte tipografica a Venezia ai tempi di Aldo Manuzio sarà presentata mercoledì 21 ottobre alle 17, nella Sala del Soffitto, da Ilenia Maschietto e Gino Benzoni e sarà poi visitabile dal 22 ottobre al 29 novembre (da lunedì a venerdì, ore 10-17 ingresso libero; sabato e domenica solo tramite visite guidate: segreteria@civitatrevenezie.it).

Le Biblioteche della Fondazione Cini conservano un eccezionale fondo antico che si è formato dalla donazione di Vittorio Cini e dai successivi lasciti e che conserva un corpus di volumi di straordinaria importanza sia per la quantità – circa tremila – sia per la qualità delle opere che lo compongono, molte delle quali estremamente rare o addirittura uniche: più di quaranta sono gli esemplari unici sul territorio nazionale, di questi almeno la metà, unici al mondo. L’arte tipografica a Venezia ai tempi di Aldo Manuzio è una mostra che, in occasione del V centenario della morte di Aldo Manuzio, ripercorre le tappe fondamentali dell’arte della stampa a Venezia nel Rinascimento, dai libri che in aedibus “Cini” cioè nelle case di Cini sono stati conservati. La frase fa eco alla tipica formulazione delle note tipografiche utilizzata da Manuzio, e poi anche dai suoi eredi, in aedibus aldi, confermando che l’opera è stata realizzata “nelle case di Aldo”.

Il percorso espositivo de L’arte tipografica a Venezia ai tempi di Aldo Manuzio documenta la nascita, lo sviluppo e il successo dell’arte della stampa a Venezia nel Rinascimento, riconoscendo nei manufatti aldini una testimonianza di rara eccezionalità: dal primo utilizzo del carattere corsivo, conosciuto come italic in tutto il mondo, ai volumi in greco che Manuzio compose con eleganza ed equilibrio. Oltre ad evidenziare gli aspetti strettamente tipografici dell’impresa manuziana, la mostra intende illustrare la stretta e fruttuosa rete di relazioni che Manuzio strinse con i principali protagonisti della scena culturale che lui stesso visse e contribuì a generare.

Tra i volumi esposti, compare l’Omnia opera di Angelo Poliziano, stampata nel 1498 a soli quattro anni dalla morte dell’autore, a testimonianza della vicinanza tra Aldo e l’umanista toscano. La presenza di Manuzio alla Fondazione Cini assume un ulteriore significato proprio grazie a questo volume: nella pagina con dedica all’amico Marin Sanudo, lo stampatore esprime il rammarico di non poter dare alle stampe la Seconda Centuria della Miscellanea di Poliziano. Come spiega lo stesso Manuzio, qualcuno, forse a Firenze, nasconde il manoscritto per impedirne la pubblicazione. Nel 1961 fu proprio Vittorio Cini ad acquisire da un anonimo possessore, su suggerimento di Vittore Branca, il manoscritto della Seconda Centuria di Poliziano, di cui lo studioso realizza un’importante edizione critica, riconsegnando al mondo, dopo quasi 500 anni di assenza, la Miscellaneorum Centuria Secunda. Grazie alla generosità del mecenate e all’intuito dello studioso, oggi si possono ammirare, l’una vicina all’altro, l’opera stampata e il manoscritto ritrovato.

Un altro volume prestigioso esposto è l’Hypnerotomachia Poliphili, definito da molti come “il più bel libro del Rinascimento”; un’opera accattivante ed enigmatica, anche per la lingua utilizzata (un misto di latino e volgare con la presenza di parole di derivazione greca), corredato da più di 150 incisioni (che in molti attribuiscono a Benedetto Bordone) e che racconta allegoricamente il combattimento amoroso in sogno di Polifilo alla ricerca di Polia, la donna amata. Scritto da un ancora misterioso Francesco Colonna fu  pubblicato a Venezia per i tipi manuziani nel 1499.

Primo Trionfo, Francesco Colonna, Hypnerotomachia Poliphili, Venezia, Aldo Manuzio 1499).

 

Il Fondo antico della Fondazione Giorgio Cini

Tra le numerose e pregiate collezioni d’arte della Fondazione Giorgio Cini, la cui parte più cospicua e importante è stata donata dallo stesso fondatore, Vittorio Cini, non manca una pregevole raccolta di libri antichi. Il fondo di Incunaboli e Cinquecentine proviene in gran parte dalle collezioni di Victor Masséna, Principe d’Essling, del libraio-bibliofilo Tammaro De Marinis e dello stesso Cini.

Nel corso degli anni il fondo è stato ampliato da altre donazioni di illustri studiosi, come, ad esempio, Antonio Muñoz, Alessandro Dudan, Gian Fracesco Malipiero e dall’ultimo – solo in senso cronologico – lascito di un generoso collezionista privato, l’avvocato milanese Cesare Grassetti. L’eccezionale raccolta di edizioni illustrate a stampa del Quattro e Cinquecento appartenente alla biblioteca di Essling spicca per l’importanza dei documenti e per il legame con Venezia, trattandosi in larga misura di libri illustrati stampati nella città lagunare.

Il “tesoro” della biblioteca della Fondazione Giorgio Cini, che così è definito da sempre, è di straordinaria rilevanza per la quantità e la qualità delle oltre tremila opere che lo compongono, molte delle quali estremamente rare o addirittura uniche: più di quaranta sono gli esemplari unici sul territorio nazionale, di questi almeno la metà unici al mondo. Il fondo antico della Fondazione Giorgio Cini raccoglie opere di altissima fattura destinate all’élite culturale, opere popolari e libri d’uso per le classi inferiori ma pur sempre alfabetizzate, opere religiose, tra cui le edizioni finissime per i prelati che le commissionavano e i libri di preghiere per la fruizione popolare, figurati anche per supplire alle carenze linguistiche delle classi più basse. Il 2011 ha visto la pubblicazione del catalogo del fondo librario antico della Fondazione Giorgio Cini per opera di Dennis E. Rhodes.

Questo utile strumento di ricerca è a disposizione degli studiosi insieme a repertori, saggi e altri cataloghi fondamentali, spesso rari, per lo studio del libro antico. Le modalità di consultazione del fondo antico sono indicate nel Regolamento della biblioteca e consentono il libero accesso ai documenti da parte degli utenti; il personale in servizio agevolerà la fruizione ed è a disposizione per facilitare le ricerche degli studiosi.

Articoli correlati
Saverio Dioguardi: Architetture disegnate
A cento anni di distanza dal primo progetto (Monumento per l’Imperatore Alessandro II a Pietroburgo,...
Architetture a Bari, tra città antica e città moderna
Una lezione con la docente Livia Semerari per raccontare la memoria urbana del capoluogo pugliese. ...
Antonio Labalestra. Storie in discreto disordine
“In questo libro, regnano, invece, in discreto disordine, ricordi di luoghi e cose abbandonate, fr...
Giornate di studi di storia dell’arte. Arte figurativa e arte astratta
L’istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Cini celebra i 60 anni con un’iniziativa che ricorda...
Andrea Palladio: cantieri di carta, calce e mattoni
XIV seminario internazionale sul restauro architettonico ad Albettone. Giovedì 27 novembre 2014, al...
Riapre il Museo del Vetro di Murano
Dal 9 febbraio 2015, riapre al pubblico, completamente ampliato e rinnovato, il  Museo che racconta ...
Manuale di ristrutturazione dei manufatti in pietra
L’Associazione Ecomuseale della Valle d’Itria, in accordo con l’Osservatorio del paesaggio della Reg...
ARDUINO CANTAFORA | ALESSANDRO MENDINI. Cose, Case, Città
Antonio Colombo Arte Contemporanea è lieta di presentare Cose, Case, Città, doppia personale di Ar...
Il FAI apre il convento di San Francesco della Scarpa
L’ex-convento di San Francesco della Scarpa e i laboratori della Soprintendenza per i Beni Storici, ...