MIGRANT GARDEN UNTOUCHABLE LANDSCAPES with the new bird nest by Bernard Khoury

Dopo l’inaugurazione ufficiale a Piacenza, presso il Polo territoriale del Politecnico di Milano, SPAZIOFMG PER L‘ARCHITETTURA ospita la prima importante tappa milanese della mostra itinerante “Migrant Garden. Untouchable Landscapes”. In esposizione quaranta model houses progettate da alcuni tra i più interessanti architetti e designer di tutto il mondo a cui si aggiunge, per questa edizione, l’esclusivo contributo di Bernard Khoury.

Il 15 ottobre arriva a SPAZIOFMG la mostra itinerante Migrant Garden. Untouchable Landscapes, progetto no profit curato da sette giovani architetti che indaga il tema dell’abitare contemporaneo, con lo scopo di promuovere una cultura architettonica attenta al paesaggio e alla salvaguardia dell’ambiente.

Quaranta architetti e designer internazionali sono stati chiamati a partecipare a questa ricerca che, a partire dalle problematiche delle migrazioni forzate dei volatili dell’isola de Pinedo, in provincia di Piacenza, utilizza la casetta per uccelli come metafora architettonica per sviluppare una riflessione più ampia sul tema del nomadismo letto in rapporto al concetto di abitare. Il risultato è un’originale esposizione che riunisce quaranta diverse interpretazioni della casa e del domestico.

SPAZIOFMG è la prima tappa milanese di MIGRANT GARDEN, che dopo la presentazione ufficiale al pubblico a Piacenza, si arricchisce, per questa edizione, del nuovo bird nest firmato da Bernard Khoury, importante architetto libanese a capo dello studio Bernard Khoury / DW5. Famoso per aver progettato l’iconica discoteca sotterranea B018 e fondatore dell’ACAArab Centre for Architecture, Bernard Khoury è tra i protagonisti della scena culturale libanese. Con lui la rassegna si arrichisce di una visione critica e contraddittoria della casa, propria del Medio Oriente contemporaneo.

L’allestimento che SPAZIOFMG dedica a MIGRANT GARDEN immagina un percorso articolato in paesaggi differenti: i visitatori sono accolti da un primo gruppo di casette disposte su di un ampio tappeto riflettente, proseguono all’interno di una foresta di piedistalli, ciascuno dei quali sorregge un bird nest, e infine raggiungono una grande parete a tutt’altezza, interamente colonizzata dai nidi.

Luca Molinari, responsabile scientifico e curatore di SPAZIOFMG PER L’ARCHITETTURA, introduce con queste parole la mostra autunnale che animerà la galleria showroom di Iris Ceramica e FMG Fabbrica Marmi e Graniti:
 “La prima tappa milanese della mostra itinerante Migrant Garden. Untouchable Landscapes non può che avvenire a SpazioFMG per l’Architettura. Come SpazioFMG, Migrant Garden è una mostra inclusiva, interdisciplinare e corale,
 che accoglie le riflessioni progettuali di ben quaranta autori e le organizza attorno al tema comune della casa. Le quaranta model houses in mostra forniscono altrettante interpretazioni dello spazio domestico, un concetto di grande attualità e che necessita di una profonda revisione, nella nostra epoca di grandi e continue “migrazioni”. Al tempo stesso, ognuna di esse racconta il modus operandi peculiare del proprio autore, costruendo una panoramica ampia e sorprendente che abbraccia 4 continenti.”

A cura di:

Pierluigi Bardi, Stefano Madelli, Tommaso Maserati, Michel Molina, Claudia Saglimbeni, Filippo Sbalbi, Federico Zucchi.

Architetti coinvolti:

A12
- Altiplano -
Amunt
- Anna Barbara
- Atelier Branco
- Atelier Fala
- Beniamino Servino – Bernard Khoury – Building Building – Bureau A
- Camilo Rebelo
- Eduardo Castillo
- Emilio Marin
- Fabio Alessandro Fusco – Filippo Orsini
- Forma Fantasma Fosbury Architecture – Francesco Librizzi – Franco Purini
- Go Hasegawa
- Gonzalo del Val
- Juan Carlos Dall’Asta – Marcio Kogan
- Matilde Cassani
- Michele De Lucchi Miniatura
- MOBO Architects – MVRDV
- Netwerch A.D.G.
- Nieto Sobejano
- Perry Kulper
- Pezo von Ellrichshausen – Point Supreme
- Rudy Ricciotti
- Sergio Crotti
- Laura Thermes – Tsuneyama + Nousaku – Unulaunu.

Articoli correlati

Share

Leave a Comment